martedì 12 maggio 2009

Vita da frati....

Certo che... "se non sono matti...non li vogliamo"!!
La fotografia ritrae due fraticelli (fra Alberto e fra Giambo) felicemente alle prese con una gigantesca ruspa , durante una loro recente visita (con il gruppo di giovani partecipanti al triduo pasquale al Santo) presso la "Comunità San francesco di Monselice (Pd)". "Beata Letizia francescana!!"
L'occasione è stata davvero bella per far conoscere una realtà stupenda dove i frati operano in favore di tanti ragazzi oppressi dalla tossicodipendenza. Se vuoi saperne di più visita il sito:http://www.comunitasanfrancesco.org/index.php
Potrai scoprire uno spicchio delle mille attività in cui i frati sono impegnati con tanta fede e amore e certo anche... con un pò di generosa "follia", per Dio e per l'umanità.

Ma.. i francescani, del resto, hanno circa la "follia" un buon maestro e ispiratore; leggete cosa scrive un biografo medioevale di San Francesco:
Ed ai frati radunati, presente il cardinale, il beato Francesco disse: «Cristo ha chiamato me, idiota e semplice perché seguissi la stoltezza della sua croce, e mi ha detto: Io voglio che tu sia un nuovo pazzo nel mondo, e che con le opere e la parola predichi la stoltezza della croce, e che tu guardi a me e tu e tutti i tuoi frati, stiate uniti a me, senza guardare all’esempio delle Regole di Agostino e di Benedetto e di Bernardo.

Mi pare bello a questo punto lasciarvi una preghiera...un pò provocatoria, sperando possa "stanare" qualcuno dal torpore e dalla mediocrità in cui ci capita a volte di rinchiuderci:

O Dio, mandaci dei folli,
che si impegnino a fondo,
che dimentichino,
che amino non soltanto a parole,
che si donino per davvero sino alla fine.

Abbiamo bisogno di folli,
di irragionevoli,
di appassionati capaci di tuffarsi nell’insicurezza,
l’ignoto sempre più spalancato della povertà!

Abbiamo bisogno dei folli del presente,
innamorati della semplicità,
amanti della pace, liberi dal compromesso,
decisi a non tradire mai,
che non amino soltanto la propria vita,
capaci di accettare qualsiasi lavoro,
di andare in un posto qualsiasi:
obbedienti e insieme
spontanei e tenaci, forti e dolci.
Dio, mandaci dei folli.

(Louis–Joseph Lebret)


C'è anche un’aforisma per te: “Siate realisti: domandate l’impossibile!” (Camus)

3 commenti:

  1. Cazpita, mi citi pure Camus. Forse, come scrive Bobin nel suo libro "Francesco e l'infinitamente piccolo", è proprio sottile la differenza tra folle e santo:

    "Ma all'inizio il folle e il santo si assomigliano come due gemelli. All'inizio dicono entrambi la verità. All'inizio il folle e il santo hanno quella stessa insensata pretesa di dire la verità. E' dopo che tutto si guasta. Il folle è colui che, enunciando la verità, la rivolta su se stesso, la capta a suo profitto. Il santo è colui che, enunciando la verità, la rinvia direttamete al suo vero destinatario, come si aggiunge su una busta l'indirizzo che mancava. Dico il vero, dunque non sono folle, dice il folle. Dico il vero ma non sono vero, dice il santo. Non sono santo, dice il santo, solo Dio lo è, al quale vi rimando. I folli e i santi vivono a fianco nella storia. Si sfiorano, si cercano, e ogni tanto si incontrano, per disgrazia del folle, per sua sventura. [...] Il folle è in compagnia dei morti. Ha il viso rivolto verso l'ombra. Tutto quanto gli accade viene soltanto dal passato. Non può legarsi a niente e a nessuno, non può intrecciare nessuna relazione viva coi vivi. Il santo ha il viso rivolto come una prua verso ciò che viene dall'avvenire per feconbdare il presente: polline di Dio trasportato da angeli di ogni sorta. Il santo non finisce mai di legare il vicino al lontano, l'umano al divino, il vivente al vivente"

    (C. Bobin)

    Folle o santo ??? XD
    ( sarebbe bello che tutti lo petessero leggere direttamente nel blog. Son molto modesto XD )

    ciaociao

    Mujnak ( o bisogna mettere il nome reale? ahah)

    RispondiElimina
  2. Caro amico, ti ringrazio per il bellissimo contributo. Approfitto per invitare tutti a leggere il libro di Bobin che hai citato, per un approccio profondo, poetico e certo alternativo rispetto a biografie più note su S. Francesco E...se ti riveli, confesso, non mi dispiace. Pace e bene. frate Alberto

    RispondiElimina
  3. Ciao a tutti,
    mi potete aiutare?
    Vorrei battezzare il mio bimbo e visto che anche io non sono ancora battezzata vorrei ricevere questo rito insieme a lui e desidererei che lo facese un frate, posso farlo, o solo i preti possono dare questo sacramento?
    Grazie per la risposta .
    Isa

    RispondiElimina

Lascia qui il tuo commento all'articolo. Lo leggeremo e cercheremo di pubblicarlo quanto prima. Grazie del tuo contributo al Blog!