lunedì 7 marzo 2016

STORIE DI VOCAZIONE - LA CANZONE DI LUCIANO

Il Signore vi dia pace, 
cari amici in cammino e in ricerca della vostra vocazione.
Domenica scorsa celebrando la messa per un gruppo di giovanissimi, ho risentito una canzone a me molto cara, LA CANZONE DI LUCIANO. Nessuno dei presenti, però conosceva la storia di questo canto, nè ancor meno il protagonista e l'autore delle sue parole meravigliose: LUCIANO BOTTAN!!
Un giovane la cui vicenda vocazionale e umana sempre e ancora mi coinvolge e interpella nonostante siano passati 16 anni dalla sua tragica morte in Africa (per un incidente stradale) dove era arrivato solo da pochi giorni (!!) per una esperienza missionaria tanto attesa e desiderata. 
Di seguito riporto alcuni passaggi della sua biografia e soprattutto alcune sue stupende preghiere; una di queste è il testo della "canzone di Luciano" assolutamente "vocazionale" che vi propongo nel video sottostante. 
L'esempio forte e generoso di Luciano Bottan sproni ciascuno a lanciarsi con ardore e audacia e generosità nella sequela del Signore Gesù che sempre chiama e invita. 
A Lui sempre la nostra lode. Fra Alberto (fra.alberto@davide.it)


CHI E' LUCIANO BOTTAN ?
La famiglia
Luciano Bottan è un giovane nato e vissuto a Treviso, nella parrocchia di Sant’Angelo e Santa Maria sul Sile. I genitori Ludovico e Gina accolsero Luciano nel giorno della nascita il 1º novembre 1965, insieme ad altri due figli, Lucia ed Emanuele.
La morte
"Percorrendo la via della missione" in Ciad, il 20 ottobre 2000, a causa di un tragico incidente sulla strada che collega la capitale Njamena alla missione diocesana di Fianga, Luciano termina il suo pellegrinaggio terreno all’età di 35 anni. Era in Africa da poche ore, nel desiderio di coronare un sogno missionario da sempre sognato e che finalmente sembrava realizzarsi!
Ma il Signore aveva in serbo per lui un'altra missione, una diversa testimonianza!
La sua morte ha toccato il cuore di moltissime persone. Egli si propose ai nostri occhi all'insegna della semplicità, dell’umiltà e del sorriso; la sua dedizione ai poveri mediante le attività promosse dal "Gruppone missionario" (un gruppo di giovani che si prodigava per le missioni con campi lavoro e volontariato)  e con i mille servizi resi ai poveri ‘locali’e il collegamento con la vita dei missionari. Queste furono le dimensioni che caratterizzarono i suoi ultimi anni di vita.
Le radici di una scelta.
Luciano visse gli anni della sua fanciullezza, dell’adolescenza, nel modo comune a tutti noi: casa, scuola, parrocchia, amici. Il suo temperamento era fondamentalmente connotato da una bontà d’animo che gli permise di familiarizzare senza difficoltà con tutti. Nell'adolescenza si aggregò alla compagnia di giovani della parrocchia, con il bar come punto di riferimento. Il suo percorso di crescita conobbe le tipiche dinamiche e problematiche dei giovani in ricerca della definitiva identità. Voleva provare sulla sua pelle quelle esperienze, che lo avvicinarono al travagliato procedere della vita. Chi lo conosceva da vicino ne coglieva la serenità d’animo anche in quegli anni, che potevano destare qualche preoccupazione agli occhi degli educatori.
Il salto di qualità
Il salto di qualità lo compì quando assistette alla morte di un amico, schiantatosi con la moto su di un albero: da quel momento la sua ricerca e maturazione del perché vivere furono più chiare e decise.
A 20 anni entrò nel gruppo missionario parrocchiale e successivamente nel Gruppone, nel quale potè vedere realizzata maggiormente la sua sensibilità verso il prossimo e l’aiuto concreto. Importante fu il rapporto con un sacerdote che lo accompagnò nel decifrare il suo mondo interiore. Per lui furono dieci anni intensi in cui maturò una chiara esperienza di fede; nella relazione con Dio, fatta di preghiera quotidiana, messa feriale e meditazione della Parola trovava la forza e il senso del suo essere per il povero e per gli altri.
La ricerca vocazionale
Il servizio al prossimo lo condusse alla ricerca vocazionale, nella quale si interrogò se il Signore lo chiamasse a una scelta a tempo pieno per la missione. Per questo si sentì stimolato a ottenere il diploma di maturità magistrale. Rendendosi conto di quanto fosse preziosa nella vita un’adeguata preparazione intellettuale, si prefisse l’impegno nello studio.
Ottenuto il diploma, ebbe maggiore confidenza con la lettura. Si dedicò a libri di spiritualità, formativi della persona e informativi della realtà missionaria.
A testimonianza della sua ricerca interiore e della sua maturità spirituale, riporto alcuni passi dell’agenda in cui scriveva riflessioni e preghiere.


TESTI E PREGHIERE DI LUCIANO
(scoperte dopo la sua morte)
  • Mi son sempre chiesto chi sono. Me lo chiedevo sempre in maniera superficiale, senza confronto, senza andare troppo profondo. Soprattutto sempre di fretta.
Il tempo per recuperare me stesso lo schivavo. Guardare gli altri e aiutarli mi veniva meglio. L’esempio di Gesù col Suo messaggio era ed è impresso a me. Volevo fare altrettanto, imitandoLo. Mi giocavano sempre emozioni, orgoglio, l’idea di me stesso troppo grande. Fare del bene è cosa che ho per natura ma quando mi trovavo da solo crollava tutto. C’è sempre stato contrasto in me. Dio vuole da me qualcosa di molto grande, l’ha sempre voluta, io l’ho sempre evitata, ho sempre avuto paura. "Da solo ce la faccio, riesco nella mia vita, non ho bisogno di nessuno". Credo di essere sincero con chi mi sta di fronte, gli offro la mia simpatia, la mia fiducia, ma non capisco niente di lui perché non ho capito niente di me.
  • Capire l’umiltà e annientare quello di falso che ho costruito: pregiudizi, paure, complessi, dubbi, non mi è facile. Passare per la porta stretta ed arrivare a Dio secondo la sua volontà è ciò che sento. Il ruolo di Gesù in me è molto importante.
Dio - Gesù – Spirito Santo. Quello Spirito che viene dal Padre e che Gesù, il Figlio, ha seguito e ci ha lasciato per sempre. Quello che ci darà la vita eterna. La medicina per me. Le parole del Vangelo le sento in me: "Voi siete già mondi per le mie parole". Se amo Gesù e lo amo veramente, devo lasciare tutto e andare verso gli ultimi per servire l’uomo, per costruire quel Regno che mi ha sempre chiesto. Non so come ancora. In me sta crescendo sempre più quella speranza di essere e di fare secondo le Sue esigenze. I limiti che ho sono tanti. Imparare ad essere umili non è cosa da poco. Sentirsi distruggere dentro e lasciar spazio al suo amore mi fa star male, ma è ciò che dopo gioirà in me. Devo combattere l’ignoranza che ho. 
  • Ciò che ti chiedo me lo stai donando e ti chiedo il mio posto nel regno dei cieli, e ti chiedo di abbracciare la povertà, come S. Francesco che la chiamava Madonna Povertà. E ti chiedo soprattutto di amare, di saper amare, di imparare ad amare chiunque, ovunque e in qualsiasi momento, e di vivere il vangelo, di viverlo con tutto il mio cuore.
Signore, fammi essere sempre gioioso, di avere sempre la gioia nel cuore, che ella non tramonti mai, ma che accresca sempre più con la stessa intensità per cui Tu mi ami. Che sia gioia ogni volta faccio qualcosa per Te, che sia gioia solo quella che viene da Te. Ed è la fatica di essere che ti fa aprire gli orizzonti, che ti fa vedere la verità su ciò che incontri, che ti fa sentire uno insieme a tanti, che ti fa capire ogni momento e capire quello successivo, che ti fa mettere in ordine le cose perché Dio ha fatto bene ogni cosa. Ma vale al pena di essere,essere come ha fatto Gesù.
  • A Te la gloria, oh Padre, oh Gesù, oh Spirito Santo.
Fa che io veda il Tuo Volto in ogni persona, in modo da capire il bisogno che necessita, da far risplendere il mio volto nel Tuo. 
VOGLIO DARE LA MIA VITA.
LA VOGLIO DARE A TE, PERCHÉ TU LA DIA AGLI ALTRI.
SONO IMPORTANTE PER TE PERCHÉ TU SEI MORTO PER ME.
RIUSCIRO' IO A DARE LA MIA VITA PER I MIEI AMICI'?
RIUSCIRÒ A CAPIRE L'AMORE CHE TU HAI PER ME?
STAMMI VICINO GESÙ, E CAPIRÒ TUTTO
SE LA MIA VITA DIPENDESSE DA ME
SAREBBE CIECA E PIENA DI ORGOGLIO, 
SICCOME DIPENDE DA DIO E' LUCE E VERITIERA
PARLAMI SIGNORE,
SOFFIA IL TUO SPIRITO SU DI ME.
INSEGNAMI L'ATTEGGIAMENTO DI ASCOLTO.
CHE VEDA TUO FIGLIO, NEL PROSSIMO 
E DAMMI IL SENTIMENTO DI COMPASSIONE VERSO GLI ULTIMI. 
  • E ciò che ti chiedo me lo stai donando e ti chiedo il mio posto nel regno dei cieli, e ti chiedo di abbracciare la povertà, come Francesco che la chiamava Madonna Povertà. E ti chiedo soprattutto di amare, di saper amare, di imparare ad amare chiunque, ovunque e in qualsiasi momento, e di vivere il vangelo, di viverlo con tutto il mio cuore.
Ho voglia di impregnarmi di Te, Signore. Non solo nell'Eucarestia, massima fonte del Tuo Amore, ma in ogni momento della giornata, con preghiere, lodi, vespri. E sento i Tuoi occhi sopra di me, e questo mi dà sicurezza, e sento il Tuo entrare in me, e questo mi dà gioia, e sento il piano della Tua salvezza, e questo mi dà speranza, e mi sento prendere per mano e questo mi dà fiducia. E' bello prendersi cura degli altri, a volte si fa fatica, perché non si sa come comportarsi e che cosa dire. Mandami il Tuo Spirito, Signore, lo Spirito Santo da potermi donare nel modo più perfetto agli altri.
  • Fammi sempre sentire unico come la mia vocazione, sia sempre più chiara, limpida e autentica.  
  
Amare chiunque sia 
Amare tutti, amare chiunque, amare dovunque, e qui riecheggio una frase di Luciano stesso: "Amare chiunque sia". Luciano su questo punto è stato lucido! Ecco come si rivolge a Gesù: "Voglio dare a Te la mia vita, la voglio dare a Te perché Tu la dia agli altri. Sono importante per Te perché Tu sei morto per me. Riuscirò io a dare la mia vita per i miei amici? Riuscirò io a capire l’amore che Tu hai per me? Stammi vicino, o Gesù, e capirò tutto".
Domandiamoci
Qual è il centro ispiratore unitario di tutta la sua esistenza?
Qual è stata la sua vera vocazione?
Dove mi porta la sua testimonianza?
E io dove sono rispetto a Luciano e cosa ha da dire a me e alla mia vita?

Ora è tempo di pregare, di riflettere
E' tempo di imitare...

1 commento:

  1. Una storia di vocazione non solo alla missionarietà, ma alla Vita Vera.

    RispondiElimina

Lascia qui il tuo commento all'articolo. Lo leggeremo e cercheremo di pubblicarlo quanto prima. Grazie del tuo contributo al Blog!