martedì 12 gennaio 2016

Pillole vocazionali (8) - Quali sono i tratti tipici di un frate francescano?

Pace a voi,
cari amici in ricerca e in ascolto dei desideri del Signore.
Continuo a "prescrivervi" (questo è l'ottavo post) alcune "ricette" vocazionali "in pillole" e in maniera il più possibile sintetica. Resto a disposizione per ogni ulteriore chiarimento o approfondimento. Vi benedico.
Al Signore Gesù sempre la nostra lode.
fra Alberto
(fra.alberto@davide.it)


Quali sono i tratti tipici e propri di un frate francescano?

Discepoli del Signore.
Nella vita di un frate il "Vangelo" è il riferimento essenziale.  I valori che ci definiscono e che cerchiamo di vivere sono sintetizzati nei tre voti o “consigli evangelici” di povertà, castità e obbedienza che professiamo. Questi vogliono significare il primato di Dio nella nostra vita e dicono il nostro desiderio e impegno per una “sequela radicale” da veri discepoli del Signore Gesù. Lui infatti è il nostro Tesoro, Lui l’Amore che basta; Lui la Parola a cui vogliamo ispirarci. Nel vivere questi ideali, San Francesco è il nostro modello e ispiratore e guida.  


Alcune nostre note tipicamente francescane:
Sull'esempio di san Francesco e in riferimento alla Regola  che ci ha lasciato, ci caratterizzano:
= “La vita in fraternità perché uno è il Padre nei cieli. Il frate pertanto non è mai un “isolato”, ma sempre vive e opera in una comunità, in una piena condivisione di vita, accanto a dei fratelli di varie età e provenienza e cultura. Ma per il frate…ogni uomo è fratello e questo vale nel suo porsi con tutti!
= “La preghiera perché solo il Signore e la relazione con Lui costituiscono il senso di una vita “da pazzi” come la nostra!
= "La povertà evangelica” come espropriazione da sé stessi e dal possesso delle cose materiali, perché Dio sia l’unica vera ricchezza. Perché si confida nella Provvidenza; per essere poveri tra i poveri.
= "La minorità" per uno stile di relazioni e presenza nella Chiesa e nel mondo e verso ogni creatura da “piccoli”, in umiltà e mitezza e bontà, senza arroganza o potenza. Sempre in atteggiamento di conversione.
= “Il lavoro in base alle rispettive capacità, propensioni o necessità e ambiti (pastorale, missionario, culturale, caritativo…e anche manuale)
= "L'amore filiale e l’obbedienza alla Chiesa Cattolica e al Papa successore dell'apostolo Pietro, così come fece e ci raccomandò lo stesso S. Francesco.
= “L’itineranza perché ci si ritiene "stranieri e pellegrini ", nei confronti di luoghi, incarichi, mansioni, capacità, affetti; dunque sempre un po’ “precari”, sempre pronti a cambiare, a staccarsi a ricominciare, a relativizzare.. Solo Dio basta e null’altro infatti ci appartiene!
= “il predicare la penitenza e la misericordia”, più con l'esempio e la testimonianza di vita che con le parole; promuovendo la giustizia e la pace; annunciando sempre e a chiunque la bellezza del Vangelo; avendo a cuore gli ultimi e i piccoli in tante opere di carità e servizio.
= "Il saio" o tonaca è l'abito specifico francescano che ci contraddistingue dagli altri ordini religiosi; inventato dallo stesso san Francesco e fatto "a forma di croce". 
= "La letizia" e l'allegria del cuore che scaturiscono da un atteggiamento di abbandono fiducioso al Padre, in qualsiasi situazione di vita (buona e meno buona).


Pillole Vocazionali :
1 | 2 | 3 | 4 | 5 | 6 | 7 | | 9 I 10 I 11 I 12 I 13 14 15 I16 I17 I 18 19 20 I21 22 I 2324 I 2526 I 27 I28 29 I30 I 31 I

Nessun commento:

Posta un commento

Lascia qui il tuo commento all'articolo. Lo leggeremo e cercheremo di pubblicarlo quanto prima. Grazie del tuo contributo al Blog!