domenica 31 gennaio 2016

Pillole vocazionali (13) - Perchè i frati fanno voto di obbedienza, povertà e castità?

Andrew mi domanda : Perché i frati francescani pronunciano i VOTI ?

Cari amici in ricerca vocazionale, ecco di seguito qualche risposta, sempre in "pillole" . Resto a disposizione per ogni altra vostra domanda o quesito. Vi benedico. Al Signore Gesù sempre la nostra Lode. fra Alberto (fra.alberto@davide.it)

 "La regola e la vita dei frati minori è questa, cioè osservare il santo Vangelo del Signore nostro Gesù Cristo, vivendo in obbedienza, senza nulla di proprio e in castità".
(Regola - San Francesco)
Desiderio di imitare Gesù
Caro Andrew, così inizia la Regola scritta da S. Francesco per i suoi frati.
Il voto dei frati a vivere in povertà, castità e obbedienza non è però un arbitrio "ascetico" di S. Francesco o una sua personale idea, ma si collega direttamente al Vangelo e alla vita stessa di Gesù Cristo. Egli vuole, infatti, imitare alla lettera e in modo perfettissimo tutto di Gesù: gesti, parole, sentimenti, affetti, stile di comportamento. Tutto di Gesù è "divino" ed anche "pienamente e integralmente umano" e dunque degno di essere rispecchiato, seguito, riprodotto, copiato...
E Francesco al riguardo è radicale! Infatti, sempre e in ogni cosa egli volle essere un "perfetto Imitatore di Gesù", tanto da essere definito dai suoi contemporanei "Alter Christus", un "altro Cristo". Da Gesù e S. Francesco... ecco la vita dei frati francescani!!

a) Il Voto di Obbedienza
"Sono disceso dal cielo non per fare la mia volontà, ma la volontà di Colui che mi ha mandato".(cfr Gv 6,38). "Se uno mi ama, osserverà la mia parola" (cfr Gv 14,23)
Gesù è in tutto obbediente al Padre, fino all'annientamento di sé, fino all'abbassamento più totale, al farsi servo di tutti e per tutti, fino a dare la sua vita. L'obbedienza è legata all'ascolto della Parola di Dio e della Sua volontà ed esprime la virtù della FEDE. Questo è lo stile che anche Francesco assume e indica ai suoi frati!

b) Il Voto di Povertà
Le volpi hanno le loro tane e gli uccelli del cielo i loro nidi, ma il Figlio dell’uomo non ha dove posare il capo”.(cfr Mt 8, 18-22). "Non potete servire Dio e la ricchezza"(cfr Mt 6,24-34)
Gesù era povero e si definisce tale. Gesù muore nudo sulla croce, spogliato di tutto! Gesù è venuto ad annunciare il lieto annuncio ai poveri. Gesù proclama come unica vera ricchezza a cui tendere, i beni e la salvezza eterna. La povertà dice la certezza della Provvidenza divina ed esprime la virtù della SPERANZA. Così, pure Francesco vuole vivere e così devono essere i suoi frati!

c) Il Voto di Castità
Se uno viene a me e non odia suo padre e sua madre, moglie e figli fratelli e sorelle e perfino la sua propria vita, non può essere mio discepolo.” (cfr Lc 14, 26-27). "Alla risurrezione infatti non si prende né moglie né marito, ma si è come angeli nel cielo" (cfr Mt 22,30).
Gesù è vissuto castamente e da celibe, per annunciare l'Amore del Padre e l'appartenenza di ciascuno ad una più grande famiglia in cui siamo tutti figli e fratelli. Gesù parlando della resurrezione, preannuncia un diverso stile di relazioni oltre ogni legame affettivo o di sangue. La castità è anticipo e profezia di questa vita "da risorti" ed esprime già ora il primato della CARITA'. San Francesco è affascinato da tale prospettiva; da qui la sua scelta della "fraternità", il vivere "da fratelli".


Pillole Vocazionali :
1 | 2 | 3 | 4 | 5 | 6 | 7 | | 9 I 10 I 11 I 12 I 13 14 15 I16 I17 I 18 19 20 I21 22 I 2324 I 2526 I 27 I28 29 I30 I 31 I

Nessun commento:

Posta un commento

Lascia qui il tuo commento all'articolo. Lo leggeremo e cercheremo di pubblicarlo quanto prima. Grazie del tuo contributo al Blog!