martedì 16 ottobre 2012

Volevo sposarmi...

Diventare frate? Perchè proprio a me?
Un giovane (...)mi scrive della sua vocazione:  aspirava al dottorato...voleva sposarsi e questo era il progetto da sempre coltivato. Un contatto nato tramite il blog e un'esperienza forte ed inaspettata ad Assisi,  lo hanno portato a lasciare tutto e ad entrare in Postulato. Le vie del Signore sono infinite e misteriose, ma sempre segnate dal suo grande Amore! A Lui  la nostra Lode.
Frate Alberto da Padova.

Carissimo Padre Alberto,
è una gioia per me comunicarti che a giorni entrerò in Postulato.Tu conosci bene  la mia recente storia, soprattutto l'esperienza fortissima che ho vissuto ad Assisi lo scorso marzo, quando alla tomba di san Francesco non ho potuto trattenere le lacrime e sono scoppiato in un pianto liberatorio e di grande commozione. In quel luogo santo avevo  finalmente intuito "la mia strada", la mia vocazione!
Ero già stato ad Assisi, "per caso" (per un convegno) alcuni mesi prima carico di tormenti e di dubbi: ormai prossimo al dottorato..quasi prossimo ad un matrimonio con la mia ragazza dopo anni di frequentazione bella e piena d'amore.. ; ma anche con un cuore in parte inspiegabilmente assetato d'altro e l'anima inquieta e insoddisfatta. Dentro di me, infatti,  da un pò risuonava  il desiderio di "un di più"...misterioso e indefinito che il più delle volte rifiutavo con paura, mentre altre volte, mi conduceva inconsapevolmente a pregare un Dio che neppure potevo dire di conoscere bene. Dopo quel primo incontro fugace con Assisi e il primo impatto stupito col mondo francescano (in particolare mi colpì l'immagine di un giovane frate che avevo osservato pregare), stranamente anche la mia preghiera era diventata  un bisogno più frequente e dolce... Ma non sapevo niente, neppure comprendevo niente di me...; non sapevo neppure a chi rivolgermi per un aiuto...Poi, ricordi, il nostro contatto casuale sul blog e i lunghi scritti e poi le lunghe conversazioni succedutesi al nostro incontro? E' stato provvidenziale! Ho potuto infatti aprire una porta rimasta chiusa per troppo tempo, quasi uno squarcio sul mio cuore , sulla mia anima..e portare  alla luce  un mondo interiore fino ad allora rimasto anche per me sconosciuto; un mondo già abitato da Gesù, fatto di desideri grandi di donazione, di bene, di amore, di gratuità, di slanci e ideali, insieme a tante paure per un disegno di vita che si profilava  e che mi spaventava da morire: Diventare frate? Diventare prete? Ma perchè proprio a me? E che ne sarà dei miei progetti ..della persona a cui voglio bene..? Pensieri tormentati che si sono susseguiti per mesi!! Poi, ecco il tuo invito a ritornare con te ad Assisi (a marzo) con quella sosta, per strada, al Santuario de La Verna (in un giorno deserto e piovoso) che mi ha lasciato "senza fiato" e quindi giunti ad Assisi, i luoghi calpestati da san Francesco nei quali via via mi pareva incredibilmente di leggere e ritrovare tutta la mia storia: san Damiano, le Carceri, la Porziuncola, il Monte Subasio...Ogni strada..ogni casa...sembrava parlarmi. Finalmente alla Tomba del Santo, dopo avere percorso quei gradini che portano alla cripta, è stato come scendere nel più profondo di me stesso; è stato come giungere alla Verità, come il trovare "Casa"...Lì, ho pronunciato il mio "eccomi", "si compia in me la Tua volontà"!! Hai visto anche tu le mie lacrime...in un pianto che non finiva mai di abbandono e di gioia profonda! Il resto è storia recente e repentina di decisioni e comunicazioni anche faticose e sofferte, ma sempre belle e grandi, perchè segnate dalla presenza del Signore. (...) Della mia ragazza ti scriverò con più calma, ma si è rivelata una donna eccezionale e di grande fede e questo mi è stato di non poco aiuto...(...); in realtà, da tempo aveva intuito. Sarà sempre nel mio cuore. Ti chiedo di pregare per lei..(...)
Caro P. Alberto, desidero davvero ringraziarti per la tua presenza con  l'opera preziosa che porti avanti con il tuo blog vocazionale in favore di tanti giovani. Sono certo che sarà di grande aiuto anche a tanti altri ragazzi "in ricerca" come lo è stato per me. Mi affido alla tue preghiere e anche la mia non mancherà per te. Ti saluto con affetto.
(lettera firmata)


ASSISI ...ASSISI ...ASSISI...
Che città unica e santa! Bene profetizzò S. Francesco , quando ormai morente, si fece voltare verso la sua città e la benedisse,  preannunciando ad essa una missione di pace e salvezza per tante persone. E come continui ad essere vera questa benedizione del Poverello, lo testimoniano in modo particolare i tantissimi giovani che qui ritrovano il senso, la direzione, la fede, la vocazione; qui ritrovano Gesù!
Grazie Assisi! Grazie S. Francesco.

  Questa è la Benedizione profetica che San Francesco pronunciò su Assisi prima di morire e che si trova scritta in latino a Porta Nuova ad Oriente:
“Il Signore ti benedica Santa Città fedele a Dio
perché per mezzo di te molte anime si salveranno
e in te abiteranno molti servi dell’Altissimo
e da te molti saranno eletti al Regno Eterno”

7 commenti:

  1. Carissimo Fra Alberto, sono Giulia. Che gioia poter leggere questa bellissima storia, che assomiglia per certi versi alla mia! Anche su di me Assisi ha avuto lo stesso effetto: lì ho trovato il senso di tutto e la gioia piena che riempie il cuore! Se ricorda le avevo mandato una mail quest'estate... E' proprio vero: Assisi ha un potere speciale sulle persone. E spero di poterci tornare presto per avere delle conferme su cio che Gesù vuole da me. Sento infatti che solo lì potrà darmi dei segni chiari. Perciò... davvero ringrazio Assisi e San Francesco! Prego per questo giovane che sento così vicino. E un grazie anche a lei, Fra Alberto!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Pace e bene a te cara Giulia. Grazie per la fiducia e per gli aprezzamenti. Auguro anche a te un buon cammino dietro ai passi impazienti e umili di san Francesco e S. Chiara. Ti benedico e ricordo. frate Alberto da Padova

      Elimina
  2. La cosa bella di Assisi è che si respira aria di Dio! attendo di ritornare la x il Gva per avere una ulteriore conferma a tutto ciò che mi sta capitando... Valentina

    RispondiElimina
  3. Bellissima testimonianza di quanto Francesco riesce a compiere nei cuori di molti giovani. Benedizioni a padre Alberto perchè illumina e spiana la strada affinchè la scelta di seguire le orme di San Francesco si concretizzi. Tutto si compie per mezzo e per volere del disegno di Dio. Chissà magari se avessi avuto la possibilità di conoscerti qualche anno fa, anch'io oggi indosserei il saio. Francesco é comunque nel mio cuore. Un abbraccio padre Alberto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie di cuore...Confido nella tua preghiera! frate Alberto

      Elimina
  4. ciao, volevo sapere se è possibile avere un contatto (anche mail) del ragazzo che ha scritto la sua testimonianza. mi è sembrato, per alcuni versi, di riconoscere la mia storia e mi piacerebbe un po' confrontarmi con lui ...grazie tante
    Luca

    RispondiElimina
    Risposte
    1. pace a te caro Luca.grazie per la fiducia. Non posso venire incontro a quanto mi chiedi a motivo della riservatezza e della tutela della privacy a cui mi sono impegnato da subito quando ho aperto questo blog che mi obbliga ad essere sempre molto riservato con chi mi contatta e mi racconta la sua storia. se vuoi, puoi scrivere per a me..alla mia mail personale (fra.alberto@davide.it). sarò contento di risponderti e dialogare con te. ti benedico. frate Alberto

      Elimina

Lascia qui il tuo commento all'articolo. Lo leggeremo e cercheremo di pubblicarlo quanto prima. Grazie del tuo contributo al Blog!