mercoledì 22 febbraio 2012

Conversione? Da che cosa...verso chi?


Conversione”: una parola che ritorna frequente in questo tempo di Quaresima. Ma che significato può avere per noi questa espressione? Ci aiuta San Francesco quando nella sua Regola così esorta i frati: , “Ma, nella santa carità, che è Dio, prego tutti i frati (...) che, allontanato ogni impedimento e messa da parte ogni preoccupazione e ogni affanno, in qualunque modo meglio possono, si impegnino a servire, amare, adorare e onorare il Signore Iddio, con cuore puro e con mente pura, ciò che egli stesso domanda sopra tutte le cose" (Font Francescane).
Conversione” è dunque un riorientare gli occhi, la mente, la volontà e l’intelligenza, gli affetti, i sentimenti…tutta la nostra vita al Signore Gesù.
Conversione” è un “cambiare rotta, cambiare direzione”, da noi stessi, dai nostri progetti e programmi, per scoprire e accogliere la volontà di Dio nella nostra vita.
Conversione” è affidarsi alla Sua Parola, non ai nostri "bla bla" spesso futili e superficiali.
Conversione” è incrociare il nostro sguardo con il Suo, che solo vede in profondità e legge il nostro cuore.
Conversione” è dunque necessariamente un purificare, un distanziarci da tutto ciò che ci separa da Dio, un allontanare preoccupazioni, affanni, vizi, malvagità..; è compiere “un’inversione a U” rispetto a tante nostre mediocrità e peccati.
Conversione” è quanto San Francesco vive sulla propria pelle, quando giovane di belle speranze (ricco, cavaliere, re delle feste..) si accorge che tutto quanto ha e possiede non disseta il suo cuore e cerca "un di più" che sazia la vita!

Raccontano i suoi biografi come in questo suo cammino interiore, San Francesco cercasse la solitudine e il silenzio e spesso si ritirasse nella diroccata cappella di San Damiano nella campagna di Assisi. Lì avviene per lui un incontro speciale, vi è uno scambio di sguardi che lo trasforma: i suoi occhi incrociano gli occhi del grande Crocifisso che pende dall'abside della piccola chiesa in rovina. Nel calore di quello sguardo misericordioso e pieno di bontà, in quegli occhi grandi e vivi, Francesco scopre la sua vocazione. Ode una voce che lo invita a dare la sua vita per la Chiesa di Dio, una casa che è in rovina e chiede di essere riparata e ristabilita nel suo unico fondamento sicuro che è Gesù Cristo, povero e umile.


Caro amico..dunque allora anche tu, in questa Quaresima, non scappare! Non fare ancora una volta finta di niente! Non rimandare! Questo è il tempo favorevole per un cambiamento, per un’inversione di rotta, per una decisione!!!

Guardati attorno per un attimo finalmente con verità ...e valuta il “non senso” e la tristezza di un mondo luccicante e accattivante , ma spesso senza speranza…e vero futuro!

Guarda dentro di te...e smaschera con sincerità peccati e fughe e paure e malvagità e mediocrità..
Fermati davanti alla Croce e guarda a Gesù Cristo ... incontra  i Suoi occhi !
Lui ti sta aspettando a braccia aperte!

A tutti auguro una Santa Quaresima! Buon Cammino. Frate Alberto

4 commenti:

  1. Complimenti Frate Alberto, sei proprio bravo! Anche se il blog non è dedicato a quelli come me (troppo "vecchio" e atipico per una vocazione), riesci a farmi gustare i tuoi post ed a darmi il piacere di visitarti. Le tue riflessioni sono un piccolo ma significativo regalo quotidiano anche per me.
    Ti saluto con amicizia. Giuseppe.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. pace a te caro Giuseppe. grazie per gli apprezzamenti ...che non fanno mai male e aiutano ad andare aventi in questo servizio che vedo importante e utile per molti giovani. Ti chiedo una preghiera per me quando puoi. Grazie. ti benedico. frate Alberto

      Elimina
  2. Ciao Padre Alberto, vecchio lupo. Speriamo che questa quaresima sia proprio una occasione di conversione a Cristo.Prega per me, un abbraccio a Don Claudio Andreoletti
    ps. met el co a post!

    RispondiElimina

Lascia qui il tuo commento all'articolo. Lo leggeremo e cercheremo di pubblicarlo quanto prima. Grazie del tuo contributo al Blog!