sabato 28 dicembre 2019

VUOI DIVENTARE FRATE? CHE FINE HA FATTO GESU'?

Giovane frate francescano in preghiera 

Caro amico "in ricerca",
e forse col pensiero (almeno ogni tanto) di consacrarti al Signore, di "diventare frate":
Pace e Bene.

Abbiamo appena celebrato il Natale, una delle più grandi feste della nostra fede cristiana. Il Natale, un appuntamento di amore e di gioia! In questo giorno, infatti, riceviamo il più bel regalo: Gesù, Dio - fatto uomo, l' Emmanuele: il Dio con noi! Ma... ti invito a  riflettere su una domanda:

Che ne hai fatto di  Gesù che è nato a Natale? Lo hai accolto? O è rimasto alla periferia di casa tua, della tua famiglia, della tua vita?

Forte è, infatti, il rischio di relegarlo in un angolino sperduto del cuore o addirittura di dimenticarcene, di non tenerne per nulla conto, di non avere per lui alcun posto. Eppure è lui, Gesù il centro della festa del Natale!! Del resto come non ricordare cosa è successo a Betlemme: Maria ha dato alla luce il suo bambino in una stalla perché “non c'era posto nell'albergo"(Lc 2,7)). E nel vangelo di San Giovanni si legge: " venne fra la sua gente, ma i suoi non l'hanno accolto". (Gv 1, 11).  Cosa possiamo dedurne? Il Dio di tutto l'universo, fonte di tutta la vita e di tutto l'amore, senza il quale nulla è stato creato e nulla esiste, è respinto, lasciato fuori! Questo non può non interrogarti così come interrogava San Francesco, quando vagando fra i boschi gemeva e piangeva e si addolorava constatando che "L' amore non è amato"

C'è spazio, dunque nel tuo cuore per Gesù o è già pieno e ingombro d'altro (di te stesso, di altre preoccupazioni, di tante cose, ecc.)? Gesù è davvero importante per te? Lo ami o ti è indifferente?  Forse ti spaventa o temi ti possa chiedere troppo? Forse sei molto occupato per avere il cuore rivolto a Lui?

Il Natale senza Gesù è un "falso", una " fake news" che dà un piacere temporaneo, quando in realtà, ci è offerta una gioia ben più profonda e duratura! La vera festa di Natale è un incontro d'amore con il nostro Dio che si rende umile, così piccolo e indifeso, da dissolvere ogni nostra paura o timore nei suoi riguardi, da eliminare ogni ostacolo per così avvicinarci a Lui . Colui che è "totalmente Altro" si fa il "totalmente Vicino" tanto da poterlo tenere tra le nostre braccia, abbracciarlo nel nostro cuore e accoglierlo nella nostra vita. E se gli diamo il benvenuto, allora tutto cambia, tutto si illumina e si trasforma! Ogni aspetto dell'esistere assume il suo significato più vero, diventa fecondo, generativo! Al riguardo è bellissima l'esperienza di Maria: il suo " SI' " all'angelo trasforma ogni suo precedente progetto, cambiando la sua e la vita stessa dell'intera umanità. 

Quindi, caro amico "in ricerca": come Maria, non temere di dire il tuo SI' al Signore, al progetto che ha in serbo per te fin dall'eternità. Non temere a dire SÌ alla vita, alla gentilezza, alla bellezza, alla gioia, alla fecondità, alla speranza che viene dal Signore Gesù ! Lascia che sia Lui a prendere possesso della tua vita, dagli il tuo benvenuto, fai spazio per Lui.

Lascia che Gesù prenda forma in te, possa nascere in te e gradualmente assumere il primo posto nel tuo cuore fino a poter ripetere le parole di san Paolo : " Non sono più io che vivo, ma Cristo che vive in me" (Gal 2, 20).
Francesco d'Assisi , al riguardo, ti guidi e ti sia di esempio! Per lui, infatti, la realtà prima, centrale, desiderabile sopra ogni cosa era di "avere il cuore rivolto senza posa verso il Signore" (Regola non Bollata XXII; FF 59). Parlando ai frati così li esortava: "niente altro dobbiamo desiderare, nint'altro volere, nient'altro ci piaccia o diletti se non il Creatore e Redentore nostro" (fonti francescane 70-71);  "Niente ci ostacoli, niente ci separi, niente si interponga" a Lui! (FF69)

Che anche tu, mio caro amico, possa diventare un novello San Francesco! A tal punto unito a Cristo così da essere definito come Francesco, un "Alter Christus" (un "altro Cristo ") e portare sempre e a tutti la tenerezza del suo amore. Allora sarà sempre Natale!

Questa è la vocazione francescana, questo significa diventare frate, questo è essere cristiani!
Domenichino: Madonna e San Francesco con Gesù Bambino (1621-25)
cfr: vocationfranciscaine

Nessun commento:

Posta un commento

Lascia qui il tuo commento all'articolo. Lo leggeremo e cercheremo di pubblicarlo quanto prima. Grazie del tuo contributo al Blog!