mercoledì 4 dicembre 2019

AVVENTO : UN TEMPO PER ATLETI !


Ormai da giorni le strade sono piene di luci, i negozi stracolmi, la corsa al regalo avviata, la pubblicità e il grande businness natalizio galoppanti a pieno regime. 
Sommesso e debole e quasi nascosto e soffocato rischia di essere, al contrario, il nostro cammino spirituale dell'Avvento; flebili e quasi invisibili rischiano di apparire i segni che rimandano a questo percorso interiore.

In realtà il tempo di Avvento, non ha nulla di "debole":  è, infatti, un periodo speciale, unico, davvero "forte"!  
È per sportivi, per atleti, per appassionati ed entusiasti. 

La liturgia non a caso è ricca di immagini che evocano movimento, lo spostarsi e il mettersi in cammino, la necessità di riposizionare e aggiustare la propria vita, l'invito ad uscire dalla staticità e dalla mediocrità. Nelle letture appare evidente questa sana e provocante tensione: preparatevi! state pronti! spianate la strada! riempite e date un senso alle vostre vite vuote...

VIENE IL SIGNORE !

Grande è il rischio di rendere il Natale una festa banale, di giungervi in modo superficiale e "pagano".  L’Avvento ci indica l’essenziale della vita. 

La relazione con il Dio-che-viene-a-visitarci dà a ogni gesto, a ogni cosa una luce diversa, uno spessore, un valore simbolico. Da questa prospettiva viene anche un invito alla sobrietà, a non essere dominati dalle cose di questo mondo, dalle realtà materiali, ma piuttosto a governarle" (Papa Francesco - Angelus 27 novembre 2016)

IMMERSI NEL MISTERO DELL'INCARNAZIONE!

Tutta la pedagogia liturgica, i testi, i colori, i preparativi ci guidano verso questa gioia che vivremo a Natale. 
La gioia non può essere limitata ai sensi dello sguardo e del gusto, deve invadere il cuore. L'Avvento è dunque un prezioso momento di preparazione interiore, un tempo in cui "allenarsi", "fare palestra", "esercitarsi" spiritualmente con la pazienza e la tenacia degli atleti che mirano a grandi risultati. 

Approfittiamo della profondità delle letture per ascoltare la voce del profeta Giovanni Battista, del profeta Isaia ..., dedichiamo spazio al silenzio e alla preghiera personale...,  prepariamo la strada per accogliere il Signore Gesù che viene.

LA BUONA BATTAGLIA DELLA FEDE

Il tempo dell’Avvento è un cammino fatto di gioia ma anche di dolore, di luce ma anche di buio. E' la buona battaglia della fede. 
Dio è più potente e più forte di tutto. Questa convinzione dà al credente serenità, coraggio e la forza di perseverare nel bene di fronte alle peggiori avversità. Anche quando le forze del male si scatenano, i cristiani devono rispondere all’appello, a testa alta, pronti a resistere in questa battaglia in cui Dio avrà l’ultima parola. E questa parola sarà d’amore e di pace!”. (Papa Francesco -  Cattedrale di Bangui, 29 novembre 2015)

VEGLIAMO E VIGILIAMO!

L’invito di Gesù nel tempo dell’Avvento è a vegliare, a fare attenzione, a non sprecare le occasioni di amore che ci dona: 

Essere attenti e vigilanti sono i presupposti per non continuare a ‘vagare lontano dalle vie del Signore’, smarriti nei nostri peccati e nelle nostre infedeltà; essere attenti ed essere vigilanti sono le condizioni per permettere a Dio di irrompere nella nostra esistenza, per restituirle significato e valore con la sua presenza piena di bontà e di tenerezza”. (Papa Francesco, Angelus 3 dicembre 2017).

A TUTTI... BUON CAMMINO D'AVVENTO!

Nessun commento:

Posta un commento

Lascia qui il tuo commento all'articolo. Lo leggeremo e cercheremo di pubblicarlo quanto prima. Grazie del tuo contributo al Blog!