giovedì 22 agosto 2019

MOBBING-BULLISMO VOCAZIONALE E ALTERNATIVE POSSIBILI

Due frati in allegria..per le strade del mondo!
Cari amici in ricerca vocazionale, il Signore vi dia pace.

Sono certo che in questo vostro cammino e discernimento ad una possibile vocazione alla vita consacrata e sacerdotale francescana,  abbiate già più volte riscontrato vari ostacoli personali, ma anche tanti rifiuti, talvolta il dileggio e forse l'emarginazione; come se, per buona parte della nostra società e delle persone anche noi più vicine, non ci fosse nulla di peggio e più irragionevole di tale scelta. Questo avviene ormai a scuola, al lavoro, fra gli amici, ma anche purtroppo nelle famiglie di origine.

Esistono a mio parere almeno 4 tipi di mobbing/bullismo vocazionale:

1. Il mobbing e l'ostracisimo che rischiamo prima di tutto di scoprire in noi stessi.
Sono tanti, infatti, i dubbi e i freni che una vocazione giovanile oggi, per quanto genuina, deve affrontare per poter sbocciare ed essere accolta. Ne ho già parlato in vari post precedenti : la tentazione di rimandare continuamente, quella di dedicarsi senza troppo pensare solo a se stessi e ai propri progetti escludendo il Signore ; la scarsa stima di sè, la paura di essre "fregati" dal Signore, il rifiuto di soffrire e la conseguente fuga di fronte alla difficoltà o al giudizio altrui, l'imperante e suadente edonismo, lo stordimento del mondo virtuale che un pò tutti ci schiavizza ..e via dicendo. 
  • Si tratta di spezzare queste catene, di respirare libertà, aprire le braccia e il cuore sperimentando e ricercando ogni giorno l'amore del Signore e la sua volontà, soprattutto nella preghiera e nell'incontro silenzioso e segreto con lui.
2. Il mobbing/bullismo di coetanei e compagni. 
Per molti giovani che pure si sentono "chiamati", è spesso alquanto difficile condividere tale intuizione e trovare benevola accoglienza : piuttosto sono più frequenti umiliazioni e dileggi vari, epiteti e soprannomi negativi. La solitudine "vocazionale" ne è la prima conseguenza e il rischio di scoraggiarsi e lasciar perdere diventa così molto forte.
  • Risulta qui importante, trovare nuove vie alternative e spazi possibili di condivisione con altri giovani ugualmente in ricerca. Vitale allora poter frequentare una comunità religiosa, partecipare ad un gruppo di discernimento vocazionale insieme ad altri giovani (come il Gruppo san Damiano), per avere la possibilità di uno scambio, di un confronto, di un incoraggimaento reciproco, di un cammino condiviso. Irrinunciabile poi, il dialogo sincero e libero con una guida spirituale: senza,  non si va da nessuna parte!
3. Il mobbing/bullismo vocazionale in famiglia.
Se un tempo non lontano nelle nostre famiglie avere un figlio frate o prete era ritenuto un onore, oggi, per tanti genitori, fratelli o parenti vari è quasi una disgrazia e si tende pertanto a scoraggiare e distogliere da tale orientamente anteponendo alla vocazione divina altre mete ritenute più allettanti e valide (la laurea, il lavoro, la famiglia, i piaceri della vita). L'ostacolo, quando viene dai propri cari, è spesso davvero forte; fin da costringere a fare delle scelte estranee e lontane alla chiamata del Signore. Il rischio però, in tal caso, è di un'esistenza incompleta e imposta da altri e in fondo poco felice e realizzata.
  • L'alternativa è solo la decisione di abbracciare la croce custodendo con tenacia e gioia nella preghiera quanto il Signore ha seminato nel cuore. Sempre fondamentale sarà l'aiuto di bravi religiosi e la frequentazione di ambienti incoraggianti e rasserenanti (da ricercare!!).  Va anche detto che, la fedeltà e la felicità di una scelta vocazionale riescono solitamente, con pazienza, a superare anche le più forti ritrosie genitoriali che in fondo solo desiderano per i propri figli il bene e la felicità!! Dunque, non abbiate paura; c'è bisogno di frati e preti e religiosi felici!
4. Il mobbing/bullismo da parte della società. 
Oggi, la chiesa e i preti, i frati le suore, ma anche semplicemente essere e definirsi cristiani non è certo pù di moda e parlar male di loro è la cosa più frequente. Basta farsi un giro sui social e scoprire tanti toni sprezzanti, sarcastici, giudicanti e velenosi, caricaturali. Per es. la figura del frate oscilla fra gran mangiate e bevute insieme a medioevali penitenze e digiuni, è il tonto ignorante e fannullone, lo sprovveduto o il cinico furbacchione, tradizionalista o troppo moderno, mammone o novello hippy e così via ...
  • Siamo tutti invitati ad alleggerire il cuore, lasciandoci guidare da Gesù, nella certezza che il suo Vangelo è ancora una buona notizia per il mondo, per tutti! Ci deve dunque orientare sempre uno spirito di positività e ottimisimo verso il mondo e ogni persona, anche la più lontana : tutti anelano alla verità, all'amore; tutti anelano a Gesù che ha dato la sua vita per ciascuno.
  • Il mondo ci attende, proprio là dove apparentemente vi è più distanza e chiusura. Là dove la parola del Vangelo può illuminare, portare pace, conforto, speranza: lì dobbiamo andare! 
  • Coraggio dunque e gioia e letizia!

Da una rilettura di un intervento dell’arcivescovo di Aparecida (Brasile), monsignor Orlando Brandes, 
 

Nessun commento:

Posta un commento

Lascia qui il tuo commento all'articolo. Lo leggeremo e cercheremo di pubblicarlo quanto prima. Grazie del tuo contributo al Blog!