venerdì 4 gennaio 2019

CHE COSA STO CERCANDO?

"Giovani e frati in cammino"
4 Gennaio 2019
Dal Vangelo di Giovanni (1,35-42)

 35 Giovanni stava ancora là con due dei suoi discepoli 36 e, fissando lo sguardo su Gesù che passava, disse: "Ecco l'agnello di Dio!". 37 E i suoi due discepoli, sentendolo parlare così, seguirono Gesù. 38 Gesù allora si voltò e, osservando che essi lo seguivano, disse loro: "Che cosa cercate?". Gli risposero: "Rabbì - che, tradotto, significa Maestro -, dove dimori?"39 Disse loro: "Venite e vedrete". Andarono dunque e videro dove egli dimorava e quel giorno rimasero con lui; erano circa le quattro del pomeriggio. 40 Uno dei due che avevano udito le parole di Giovanni e lo avevano seguito, era Andrea, fratello di Simon Pietro. 41 Egli incontrò per primo suo fratello Simone e gli disse: "Abbiamo trovato il Messia"- che si traduce Cristo - 42 e lo condusse da Gesù. Fissando lo sguardo su di lui, Gesù disse:"Tu sei Simone, il figlio di Giovanni; sarai chiamato Cefa" - che significa Pietro.

==========///==========///==========///===========

«Che cosa cercate?». Ecco la domanda che Gesù rivolge a questi primi due discepoli che, un pò titubanti, si sono messi a seguirlo intuendo per loro la strada più autentica, affascinati dall'unico e vero Maestro a cui vale la pena aggregarsi.
In fin dei conti questa è anche la vera e prima domanda che ogni giovane "in ricerca" vocazionale e che si interroga su una possibile scelta di consacrazione francescana (divento frate?) deve sentirsi indirizzare da Gesù: "che cosa stai cercando veramente?"
  • Che cosa sto cercando dalla vita stessa?
  • Che cosa sto cercando nelle mie domande e inquietudini?
  • Cosa cerco nelle tante relazioni e conoscenze?
  • Cosa cerco nel mio darmi da fare, nello studio o nel lavoro?
  • Che cosa sto cercando quando mi impedisco di vivere davvero?
  • Cosa cerco anche nel peccato o nelle fughe o negli stordimenti in cui mi rifugio?
  • Che cosa sto cercando nella mia giovinezza e per il mio futuro?
  • Che cosa e dove sto cercando per una vita davvero piena e bella?
  • Che cosa sto cercando e chiedendo a Gesù nella mia preghiera?
Incontrare Cristo significa quindi, prima ancora che trovare una risposta, sentirsi rivolgere questa domanda:«Che cosa cerchi?».

I discepoli iniziano la loro esperienza di sequela ed amicizia quando si lasciano mettere in crisi proprio da tale interrogativo e soprattutto quando l'accolgono non come una qualunque e preconfezionata spiegazione, ma come un invito a un’esperienza concreta: “Venite e vedrete”. (Gv 1,35-42).


Caro amico "in ricerca", se anche il tuo cuore è colmo di inquietudini e desideri, lasciati coinvolgere prima di tutto da questa domanda, «Che cosa cerchi?». 
Presta ascolto e non rifiutare l'invito di Gesù - "vieni e vedrai"-: lasciati anche tu mettere in crisi senza una volta tanto,  scappare o rimandare. La via per comprendere la tua vocazione, infatti, non può che non passare da un'esperienza, un cammino, un coinvolgimento di vita, dalla condivisione di un tratto di strada con Gesù e altri fratelli...da un'assunzione di responsabilità!

Al riguardo, il percorso del Gruppo vocazionale San Damiano, che noi frati francescani proponiamo è certamente una bella opportunità in cui questo invito di Gesù, “Venite e vedrete”, si concretizza e prende forma.
Gli incontri mensili e i diversi momenti in cui è scandito, sono caratterizzati, più che da risposte artefatte precostituite, da un camminare insieme ad altri giovani, dalla condivisione con noi frati e della nostra vita fraterna, dall'ascolto della Parola, dall'adorazione e dalla preghiera e, in definitiva, da una stare in compagnia del Signore.
La meta, che è la propria scelta vocazionale, non è certo subito data nè suggerita nè tanto meno imposta, ma insieme ricercata, sperimentata, guadagnata e sofferta in un itinerario volutamente impegnativo e lungo (dura un anno) per così giungere a ciò che davvero corrisponde al tuo cuore e ai tuoi interrogativi più profondi.

Caro amico "in ricerca" se sei interessato a questo itinerario vocazionale francescano...fatti vivo, noi frati saremo lieti di camminare con te.

Al Signore Gesù sempre la nostra Lode.

Fra Alberto (fra.alberto@davide.it)

Ponferrada (cammino di Santiago)- ostello st Nicolas de Flue
frate Nico accoglie un pellegrino

Nessun commento:

Posta un commento

Lascia qui il tuo commento all'articolo. Lo leggeremo e cercheremo di pubblicarlo quanto prima. Grazie del tuo contributo al Blog!