martedì 24 aprile 2018

ASCOLTARE, DISCERNERE, VIVERE: dal papa un itinerario alla scoperta della propria vocazione

Caro giovane amico in ricerca vocazionale, il Signore ti dia Pace.
Forse anche nel tuo cuore da qualche tempo sta risuonando una parola dall'alto, una intuizione, un invito innaspettato da parte del Signore che ti suggerisce: VIENI.., SEGUIMI!  

Al riguardo, Papa Francesco così ha scritto nel suo messaggio per la 55.esima Giornata mondiale di preghiera per le vocazioni appena celebrata (domenica 22 aprile) : “Nella diversità e nella specificità di ogni vocazione, personale ed ecclesialesi tratta di ascoltare, discernere e vivere questa Parola che ci chiama dall’alto e che, mentre ci permette di far fruttare i nostri talenti, ci rende anche strumenti di salvezza nel mondo e ci orienta alla pienezza della felicità”.

Occorre dunque, suggerisce il papa: saper ascoltare, discernere e vivere questa parola dall'alto seminata nel nostro cuore . Ma che significa? 



"Ascoltare" è leggere gli eventi con occhi di fede
Non potremo scoprire la chiamata speciale e personale che Dio ha pensato per noi – sottolinea Francesco - se restiamo chiusi in noi stessi, nelle nostre abitudini e nell’apatia di chi spreca la propria vita nel cerchio ristretto del proprio io, perdendo l’opportunità di sognare in grande e di diventare protagonista della storia unica che Dio vuole scrivere con noi”. Siamo dunque o chiamati a leggere e interpretare fatti, eventi, situazioni, incontri, passaggi di vita , con gli occhi della fede e non certo con occhi mondani! 
  • Questo sguardo di fede si costruisce con un confronto costante e quoditiano con la Parola di Dio, nella preghiera, nella frequentazione dei sacramenti, specie nella confessione nell'Eucarestia. In altre parole si tratta di leggere con occhi credenti, gli occhi stessi di Gesù, tutto quanto ci accade. 

"Discernere" è leggere dentro la nostra vita per scoprire a cosa si è chiamati
Scrive ancora il papa:  "Ognuno di noi può scoprire la propria vocazione solo attraverso il discernimento spirituale”.  Si tratta cioè di " superare le tentazioni dell’ideologia e del fatalismo per scoprire, nella relazione con il Signore, i luoghi, gli strumenti e le situazioni attraverso cui Egli ci chiama" . Questo richiede un cammino paziente e orante per poter così  "sviluppare la capacità di ‘leggere dentro’ la nostra vita" e  così cogliere dove e a che cosa il Signore ci sta chiamando per essere continuatori della sua missione”.
  • Per questa lettura interiore di noi stessi, indispensabili diventano gli spazi e i momenti di silenzio e preghiera: per riconoscere chi siamo (virtù, pregi, talenti.. desideri e sogni). Ma anche per fare pulizia, purificare, sgomberare dal nostro interno vizi, pesi, peccati. E poi imparare ad accogliere limiti e sofferenze... senza rinunciare a guardare oltre, più lontano!
  • Per chi ha nel cuore un desiderio di vita francescana (diventare frate), davvero utile è il cammino di "discernimento" vocazionale nel Gruppo San Damiano e il confronto diretto con la realtà francescana e la vita dei frati .
  •  Fondamentale risulta l'aiuto di una guida, di un padre spirituale per accompagnarci in questa lettura più profonda della nostra interiorità .

"Vivere" la chiamata è diventare testimoni del Signore
La gioia del Vangelo - scrive sempre il Papa -  non può attendere le nostre lentezze e pigrizie. Non ci tocca se restiamo affacciati alla finestra”. La vocazione è oggi! “La missione cristiana è per il presente! E ciascuno di noi è chiamato – alla vita laicale nel matrimonio, a quella sacerdotale nel ministero ordinato, o a quella di speciale consacrazione – per diventare testimone del Signore, qui e ora”.
  • Si tratta da subito di inziare a compiere dei passi concreti, dei gesti, delle azioni. Si tratta di non rimandare all'infinito un discernimento, di accettare di mettersi in discussione, di verificare una intuizione. Il rischio infatti per molti ragazzi oggi.. restare fermi, affossare e anestetizzare ogni richiamo interiore , ogni parola dall'Alto.
  • Il Signore continua oggi a chiamare a seguirlo” conclude Francesco. "Non dobbiamo aspettare di essere perfetti per rispondere: eccomi! Né spaventarci dei nostri limiti, ma accogliere con cuore aperto la voce del Signore.”  
  • "Ascoltarla, discernere la nostra missione personale nella Chiesa e nel mondo, e infine viverla nell’oggi che Dio ci dona”.
Al Signore Gesù sempre la nostra Lode.
Fra Alberto (fra.alberto@davide.it)

Bellissimo Video Vocazionale (diocesi di Padova) 
con frate Fabio come testimone
 

Nessun commento:

Posta un commento

Lascia qui il tuo commento all'articolo. Lo leggeremo e cercheremo di pubblicarlo quanto prima. Grazie del tuo contributo al Blog!