mercoledì 7 marzo 2018

IL MIRAGGIO E IL SOGNO DELLA VOCAZIONE - CIO' CHE CONTA E' LA DECISIONE DI PARTIRE !

Pace e bene cari amici in ricerca.

Fra le caratteristiche specifiche della vocazione francescana, insieme alla fondamentale dimensione fraterna (il frate non è mai da solo!) vi è uno stile di povertà ed essenzialità, di cura e attenzione verso chi ha più bisogno, lo stare con i poveri e gli ultimi (cfr Regola n.b. di san Francesco nn. 30-31) . 

Più volte ho parlato, al riguardo, della nostra Comunità san Francesco di Monselice (Pd) in cui i frati seguono e accompagnano nel loro cammino di rinascita tanti giovani con gravi problemi di droga e dipendenze varie ( gioco, alcol..ecc.). Un viaggio e un percorso di vita nuova non sempre facile né scontato. Così come non è mai facile né scontato il cammino che un giovane intraprende per conoscere approfondire la propria vocazione e la chiamata del Signore per la sua vita. Infatti, anche il semplice decidersi ad iniziare un cammino di discernimento, di partecipare per es. al Gruppo san Damiano, diventa talvolta per alcuni giovani un ostacolo insormontabile e così il sogno vocazionale, pure seminato nel loro cuore, si inaridisce e diventa sterile.   

Ci aiuta ad approfondire questa dinamica "del sogno" e  "della ricerca" e "della decisione",  Fra Danilo Salezze, uno dei fondatori della comunità San Francesco (1980) partendo dall'esperienza vocazionale di uno straordinario frate francescano che pure spese la sua vita per i poveri e i diseredati: S. Antonio di Padova. 

Ricordiamo fra Danilo e gli altri frati insieme a tutti i ragazzi a loro affidati!

Al Signore Gesù sempre la nostra lode. 
Fra Alberto (fra.alberto@davide.it

Monselice - I frati della Comunità san Francesco
Al centro, fra Danilo
IL MIRAGGIO E IL SOGNO

In un viaggio, più che la meta, contano la decisione di partire e la strada percorsa. Perché a ogni passo si cambia e si cresce un po’.

«Fratelli carissimi, con vivo desiderio vorrei indossare il saio del vostro ordine, purché mi promettiate di mandarmi, appena sarò tra voi, alla terra dei Saraceni, nella speranza di essere messo a parte anch'io della corona insieme con i santi martiri» (Dalla vita di S. Antonio - Assidua 5,5)


I giovani con problemi di droga che chiedono di entrare in comunità iniziano un viaggio, un «viaggio» finalmente degno di questo nome. A farli decidere è il miraggio di tornare liberi e di riavere ai propri e altrui occhi una fiducia ormai spenta. E sanno, con trepidazione, di non essere in grado di conoscere i passi successivi che dovranno fare, se non che sarà necessariamente «dura»: dovranno affidarsi a una strada in salita, a guide adatte, a una compagnia nuova e alle sorprese che un lavoro con se stessi sempre riserva. Un cammino che dovrà continuare oltre il programma terapeutico, in una nuova esigente qualità di vita senza ritorni. 

I risultati? Un proverbio dice che nei deserti nessuna carovana ha mai raggiunto un miraggio, ma anche che, senza un miraggio, nessuna carovana mai sarebbe partita
Mettersi in cammino come vocazione e provocazione: «Caminante, no hay camino: se hace camino al andar» (Viandante, non esiste la strada, la fanno i tuoi passi) ci ricorda Antonio Machado; ed è così per tutti, non solo per i nostri giovani.

Anche sant’Antonio fece dell’andare lo stile dei suoi 36 anni di vita, quindici in famiglia, nove tra Lisbona e – centosettanta chilometri più lontano – Coimbra, e poi i dieci anni da francescano sulle strade di mezza Europa. Presso i canonici regolari il giovane Fernando/Antonio aveva ben assimilato le parole della Regola di sant’Agostino: non siate «come servi sotto la legge», ma vivete «come uomini liberi sotto la grazia» (cfr Rm 6,14), pertanto pronti a «muoversi» ai segnali della Grazia. E i frati minori lo attraggono perché vivono sulle strade della gente: dei poveri, degli studenti delle vivaci nascenti università, dei pellegrini di Terra Santa e di Santiago, dei mercanti che risvegliano l’economia; e tutti sulla scia di un qualche «miraggio».

Il miraggio – molto realistico – di frate Antonio ha i volti di Berardo, di Ottone, di Pietro, di Accursio, di Adiuto, frati francescani che sono stati appena uccisi per Cristo nel Marocco: «Oh, se l’Altissimo volesse far partecipe anche me della corona dei suoi santi martiri!» (Dalla vita di S. Antonio - Assidua 5,2). Sappiamo del suo rapidissimo cambio di comunità religiosa, del suo breve «noviziato» tra i minoriti, della sua partenza di slancio e del suo approdo a Marrakesh, pronto a cimentarsi per Cristo in un dialogo con i musulmani, forse in lingua araba, cosa non strana per un lisbonese bilingue e intraprendente come lui. Poco importa se la malattia spegnerà i suoi progetti. Anzi, la bruciante delusione del Marocco gli aprirà altre strade che non avrebbe mai immaginato, le più avvincenti.

Davvero ciò che conta è la decisione di partire. È camminando che anche i nostri giovani pian piano non si riconoscono più. Non è il «vissero felici e contenti», insulso, delle favole, ma il raggiungimento del «miraggio» che si è trasformato – per Grazia e per impegno – in un «sogno»; e i sogni non tradiscono perché vengono dal cuore.

Fra Danilo Salezze

Assisi - fra Danilo
Monselice - Comunità San Francesco: Interno della cappella

2 commenti:

  1. Pace e bene fratelli. È giunto anche per me il momento. Sento con tutto il cuore che il Signore mi stia chiamando ad essere suo servo per adempiere ad un suo progetto. In questo ultimo periodo trovo conforto nella recita del Santo Rosario e nella lettura delle Sacre Scritture. Sento il Signore accanto a me che mi ascolta e mi protegge, io umile suo servitore. Mi piacerebbe moltissimo diventare frate francescano ma a parte non sapere come fare o a chi rivolgermi il problema maggiore è che non so se posso ancora entrare a far parte nella famiglia dei frati e servire come veramente desidero il Signore avendo da poco compiuto 41 anni.Non posso fare a meno di pensare a lui e pregato in ogni momento di sconforto o di gioia.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Pace e bene a te caro Paolo. Grazie per la fiducia e per quanto mi hai scritto di così personale. Scusa il ritardo nella mia risposta, ma sono reduce da alcuni giorni di malattia..non ti avevo però dimenticato!Come prima cosa vorrei dirti di non scoraggiarti...è infatti ancora possibile operare un discernimento, anche se hai 41 anni. Ovviamente si tratta di fare un cammino serio..non si può certo scherzare sulle scelte di vita! Al riguardo, sarebbe importante come prima cosa, che tu parlassi a tu per tu quanto prima con un frate e così affrontare e guardare un pò più da vicino questi tuoi sogni e desideri. Non sapendo dove abiti, non so se vicino ate ci sono conventi francescani, ma se mi scrivi alla mia mail personale di dove sei, e qualche tuo recapito, potrò indirizzarti da qualche bravo confratello a te più vicino, che ti accolga e ascolti, per iniziare una reciproca conoscenza e valutare quindi ulteriori passi da compiere.. Ecco la mia mail: fra.alberto@davide.it Attendo tue notizie. Sono contento di poterti dare una mano.. ti benedico e incoraggio. Una preghiera reciproca. ciao. fra Alberto

      Elimina

Lascia qui il tuo commento all'articolo. Lo leggeremo e cercheremo di pubblicarlo quanto prima. Grazie del tuo contributo al Blog!