martedì 14 novembre 2017

GIOVANI FRATI...SI PRESENTANO

Pace e bene,
cari amici in cammino e in ricerca vocazionale!

Oggi condivido la testimonianza di alcuni "giovani frati" studenti in teologia presso il "Convento sant' Antonio dottore" in Padova (altri centri di studi in Italia sono ad Assisi e Roma). 
Sono frati così detti "in formazione": terminato, infatti, l'anno di Noviziato (l'anno della prima scelta francescana), stanno ora vivendo un lungo periodo di preparazione e studio delle materie teologiche e di ulteriore  discernimento spirituale e vocazionale in vista della Professione Solenne (frati per sempre) e per molti, dell'Ordinazione sacerdotale. Un tempo dunque alquanto impegnato, ma anche ricco di tante esperienze che poi costituiranno un bagaglio prezioso per la loro vita futura di religiosi e il ministero che si troveranno a svolgere.

Vi invito a sostenerli con la vostra simpatia e soprattutto a pregare per ciascuno di loro: possano essere frati entusiasti e amanti e appassionati, religiosi santi! (visita il loro BLOG)

Al Signore Gesù sempre la nostra lode
fra Alberto(fra.alberto@davide.it)

Giovani frati... In "Foto Ufficiale!!!!
Giovani frati.... in riunione

I "GIOVANI FRATI" DI PADOVA SI PRESENTANO   
Siamo il gruppo di giovani frati francescani conventuali in formazione che vive a Padova. Siamo frati (abbiamo emesso i voti temporanei) da pochi anni (chi il 26 agosto di quest’anno, chi 3 o 4 anni fa…) e abbiamo pensato di “venirvi a trovare” (almeno virtualmente) con questo breve post per mostrarvi le nostre belle facce e raccontarvi qualcosa di noi.
Ci piacerebbe passare, come “giovani fra i giovani”, e dire a tutti: “ci siamo anche noi!”. Per dire a tutti che da qualche parte le preghiere per le vocazioni hanno un piccolo frutto. Per testimoniare che il Signore, anche in questi nostri tempi così indecifrabili, anche qui da noi, ci benedice entrando nelle nostre vite e attirandoci a Lui, convincendoci a scommettere il nostro futuro su questa vita, da frati francescani. Per i nostri poveri e piccoli cammini questo è già un miracolo, e vogliamo condividerlo con voi, per ringraziarlo insieme e chiedergli ancora di continuare a donarci sempre altri fratelli di cammino.
Quest’anno qui, nel convento di San Massimo (“Sant’Antonio Dottore” per la precisione…) a Padova, insieme a 11 frati professi solenni, viviamo anche noi, 25 frati professi temporanei, dai 22 ai 47 anni. Arriviamo da diverse zone dell’Italia (Emilia-Romagna, Lombardia e Triveneto), dell’Europa (Francia, Malta, Romania, San Marino, Ungheria) e del Mondo (Burundi, El Salvador, Ghana, Indonesia).
Salta subito all’occhio che la nostra è una comunità grande e molto variegata, che abbraccia quasi tutti i continenti (ci manca solo l’Australia!) e una gamma di età ed esperienze personali molto ampia. Anche se questo porta con sé tutte le difficoltà che potete immaginare, ci sentiamo dei privilegiati per il fatto di poter sperimentare un respiro così largo e internazionale, che ci costringe a uscire da noi stessi per incontrare e amare l’altro, anche quando è così diverso da me.
Il nostro impegno principale è lo studio della teologia alla Facoltà Teologica del Triveneto, ma possiamo godere anche di una “formazione interna” e delle esperienze che occupano i nostri fine settimana. Siamo infatti mandati in servizio in varie parrocchie, realtà socio-caritative (con i frati e le suore che si occupano di dipendenze, ragazze madri e malati di aids, e poi al Carcere Due Palazzi e all’Ospedale Civile) e di altro tipo (come alla Basilica del Santo per l’accoglienza dei pellegrini e nel nostro convento per la Lectio Divina).
Tutti questi ingredienti, uniti alla nostra quotidianità (fatta di preghiera comunitaria, momenti di fraternità e incarichi interni per il funzionamento della casa), compongono il mosaico così ricco e bello delle nostre giornate.
Per concludere questo saluti, vi chiediamo di pregare per noi! Sì, ne abbiamo bisogno, perché il Signore, che già ci ha fatto vedere le sue meraviglie, possa continuare a stupirci con la sua eterna novità, e perché noi, come il nostro caro Francesco, possiamo ogni giorno “incominciare a seguirne le orme”.
Vi ricordiamo con affetto, tenendo per ciascuno di voi una mano sulla tomba di Antonio, infaticabile protettore di tutti noi.
Un abbraccio fraterno.
                                                                                     i giovani frati in formazione



Nessun commento:

Posta un commento

Lascia qui il tuo commento all'articolo. Lo leggeremo e cercheremo di pubblicarlo quanto prima. Grazie del tuo contributo al Blog!