mercoledì 18 settembre 2019

LE STIMMATE DI SAN FRANCESCO - FERITE D'AMORE

FRATI FRANCESCANI DIETRO LA CROCE
Cari amici in ricerca vocazionale. Il Signore vi dia Pace. 
Il mondo francescano ha celebrato ieri, la festa dell'impressione delle stimmate di san Francesco. 

L'ESPERIENZA DI FRANCESCO D'ASSISI

E' il 17 Settembre1224, infatti, quando Il Poverello  d'Assisi, intorno alla Festa dell’esaltazione della Croce, mentre si trova sull'amato monte de La Verna (Toscana) viene segnato nel corpo  dalle stesse piaghe del crocifisso: al costato e alle mani e ai piedi compaiono le stimmate della Passione.  

Francesco vi giunge, mentre sta attraversando un tempo molto difficile e sofferto, segnato dal dubbio atroce di avere sbagliato tutto nella sua vita e questo a soli due anni dalla morte e da un'esistenza spesa dietro ad un sogno evangelico che sembrava ora infrangersi nel fallimento: la missione  di pace che aveva tentato di realizzare in terra Santa, infatti, non aveva avuto buon esito e cristiani e musulmani erano tornati a farsi la guerra; si ritrovava poi messo da parte dagli stessi suoi frati e esautorato dalla guida dell'Ordine; la Regola da lui scritta contestata da molti ; infine, era alquanto provato anche nel corpo, quasi cieco  e afflitto da dolorose malattie. Ma soprattutto, il Signore Gesù, gli appariva lontano, sordo al suo grido di angoscia, lo spirito perso in una notte oscura.  

Sul monte de La Verna, Francesco vive il suo Getsemani,  la sua passione e  la sua Pasqua. Accetta infatti anche l'ultima obbedienza, l'ultima spogliazione, la croce più dolorosa e costosa: è la morte di sè radicale, la rinuncia ad ogni suo progetto o sogno o aspettativa (nei confronti dell'Ordine e dei frati e di chiunque) per ritrovare solo e unicamente in Gesù Crocifisso, il senso di tutta la sua vita. E' un passaggio che lo renderà finalmente libero, un uomo "risorto" oltre ogni ombra velenosa di morte, ormai pienamente e totalmente identificato con il Signore Gesù. 

Al termine di quel cammino scarnificante,  aveva trovato finalmente risposta definitiva ai propri dubbi: solo la croce poteva caratterizzarlo in modo totale e definitivo come vero seguace del Cristo.

Non a caso la Liturgia della Festa delle Stimmate applica a lui le parole di S. Paolo: «Sono stato crocifisso con Cristo e non sono piu io che vivo, ma Cristo vive in me… difatti io porto le stigmate di Gesù nel mio corpo» (Gal 2,20; 6,17).

PER TE CARO GIOVANE AMICO 
Caro giovane in ricerca e in ascolto, osserva e medita la strada indicata da san Francesco, tal punto "amico di Cristo" da voler essere in tutto somigliante e trasformato in Lui.

Soprattutto se coltivi in te o hai intuito come possibile la vita e la scelta francescana, ricorda che la meta è diventare come S. Francesco, anche tu un "alter Christus", un "nuovo Gesù Cristo" fra gli uomini di questa nostra povera e stupenda umanità. 

Lascia che questo fatto misterioso delle stimmate ti interroghi circa i tuoi desideri più profondi; lascia che queste FERITE d'AMORE si imprimano anche nella tua carne, nel tuo cuore. 

LA SCELTA DI ALCUNI GIOVANI 
E non sentirti solo su questa strada! 

Pensa che sabato 31 agosto, dieci giovani novizi ad Assisi hanno emesso i voti di povertà castità e obbedienza, vestendo per la prima volta il saio francescano 

Se qualcuno ha terminato l'anno di Noviziatoil 14 settembre, ecco che altri tredici giovani hanno iniziato questo anno così speciale, l'anno della prova, che li condurrà ad una scelta più ferma e profonda della vita francescana. 

Ugualmente,  nei  conventi di Brescia e Osimo altri ragazzi si sono avviati come Postulanti , percorrendo i primi passi di questa avventura d'amore.  


UNA PROPOSTA PER TE

Ad ottobre poi, ripartirà in varie regioni, il “Gruppo San Damiano": il cammino di orientamento e discernimento vocazionale per tanti tuoi coetanei attratti e affascinati dalla radicalità evangelica del Poverello.
Se desideri unirti ad altri giovani per meglio comprendere la volontà del Signore, fatti vivo. Ti aspettiamo per camminare insieme. 

Carissimo, tutto questo sia da sprone e incoraggiamento anche per te. Dunque, non temere, ma fidati sempre del Signore e dei suoi suggerimenti! 


A Lui, per il suo servo Francesco, la nostra Lode.

Fra Alberto (fra.alberto@davide.it)

1 commento:

  1. This website was... how do you say it? Relevant!! Finally I have found
    something which helped me. Thanks!

    RispondiElimina

Lascia qui il tuo commento all'articolo. Lo leggeremo e cercheremo di pubblicarlo quanto prima. Grazie del tuo contributo al Blog!