venerdì 8 settembre 2017

Da un'esperienza missionaria in Perù al Postulato di Brescia - La testimonianza di Marco

Cari amici in cammino e in ricerca vocazionale, il Signore vi dia pace.

Ogni anno, l'estate diventa occasione per molti giovani di conoscere più da vicino la nostra vita "da frati" .  Fra le varie proposte, molto significativa è stata in agosto un'esperienza missionaria in Perù sulle Ande, là dove da tempo operano i francescani: una presenza segnata dal sangue e dal martirio. In quel lontano paese, infatti, a Pariacoto su montagne altissime e spoglie e fra poveri campesinos, il 9 agosto1991, due giovani nostri frati polacchi, fra Michael Tomaszek e fra Zbigniew Strzalkowski, furono uccisi dai guerriglieri di Sendero Luminoso (vedi articoli vari). 

Ce ne parla Marco Padroni giovane di Parma che, tornato dal Perù, ha deciso di iniziare un'altra esperienza ugualmente "tosta": l'ingresso nel Postulato di Brescia per un cammino di discernimento e conoscenza più diretta della vita religiosa francescana. A Marco e ai compagni di questa nuova partenza, va un grande incoraggiamento insieme alla nostra preghiera.

Il Signore doni ancora alla sua Chiesa santi religiosi, santi frati!
A Lui sempre la nostra lode.

fra Alberto (fra.alberto@davide.it)

 

LA TESTIMONIANZA DI MARCO 

Partire,​ ​la​ ​parola​ ​chiave
Sono​ ​Marco​ ​Padroni​, ​un​ ​ragazzo​ ​di​ ​29​ ​anni​ ​in​ ​cammino vocazionale​ ​e​ ​quest’anno​ ​ho​ ​scelto​ ​di​ ​partecipare​ ​alla​ ​missione​ ​francescana​ ​in​ ​Perù organizzata​ ​dalla​ ​provincia​ ​del​ ​Nord​ ​Italia​ ​dei​ ​frati​ ​minori​ ​conventuali.​ ​La​ ​parola chiave​ ​che​ ​mi​ ​ha​ ​accompagnato​ ​lungo​ ​tutto​ ​quest’anno​ ​è​ ​stata:​ ​​partire​.​Questo verbo​ ​per​ ​me​ ​ha​ ​avuto​ ​tanti​ ​significati:​ allontanarsi​ ​da​ ​qualche​ ​delusione​ ​ma​ ​anche da​ ​molte​ ​sicurezze​ ​che​ ​ormai​ ​sapevano​ ​di​ ​vecchio​ ​e​ ​non​ ​davano​ ​più​ ​alcuna soddisfazione;​ ​voltare​ ​lo​ ​sguardo​ ​e​ ​iniziare​ ​a​ ​guardare​ ​avanti​ ​invece​ ​che​ ​continuare a​ ​rimanere​ ​legato​ ​ad​ ​un​ ​passato​ ​di​ ​ricordi;​ ​cambiare​ ​vita​ perchè​ ​cambiare​ ​vita​ ​si​ ​può ma​ ​per​ ​farlo​ ​è​ ​necessario​ ​partire.​ ​Se​ ​aspettiamo​ ​che​ ​la​ ​felicità​ ​e​ ​la​ ​vita​ ​piena​ ​arrivino con​ ​un​ ​pacchetto​ ​regalo​ ​intanto​ ​che​ ​siamo​ ​seduti​ ​sul​ ​divano​ ​davanti​ ​alla​ ​porta attenderemo​ ​invano​ ​se​ ​invece​ ​partiamo​ ​alla​ ​ricerca​ ​abbiamo​ ​buone​ ​possibilità​ ​di trovare​ ​quello​ ​che​ ​cerchiamo.

Superare​ ​le​ ​chiusure​ ​e​ ​i​ ​limiti​ ​​
Ovviamente​ ​partire​ ​non​ ​è​ ​un'azione​ ​a​ ​costo​ ​zero: comporta​ ​voglia​ ​di​ ​mettersi​ ​in​ ​gioco,​ ​impegno,​ ​desiderio​ ​di​ ​cambiare​ ​e​ ​se​ ​questo​ ​è vero​ ​per​ ​le​ ​esperienza​ ​più​ ​ordinarie​ ​che​ ​iniziano​ ​tanto​ ​di​ ​più​ ​vale​ ​per​ ​la​ ​missione che,​ ​se​ ​pur​ ​breve,​ ​implica​ ​adattamento,​ ​vita​ ​comunitaria,​ ​servizio​ ​ferma​ ​decisione​ ​di cercare​ ​di​ ​vivere​ ​l’essenziale.​ ​
Io​ ​sono​ ​stato​ ​in​ ​Perù​ ​25​ ​giorni,​ ​un​ ​niente​ ​rispetto​ ​alle esperienze​ ​missionarie​ ​ordinarie,​ ​eppure​ ​ho​ ​sperimentato​ ​fin​ ​dal​ ​primo​ ​giorno​ ​che era​ ​necessario​ ​per​ ​me​ ​spostare​ ​lo​ ​sguardo​ ​da​ ​me​ ​stesso​ ​e​ ​dal​ ​mio​ ​modo​ ​di​ ​pensare e​ ​di​ ​agire​ ​e​ ​mettermi​ ​a​ ​servizio;​ ​a​ ​servizio​ ​della​ ​comunità​ ​di​ ​noi​ ​giovani​ ​missionari del​ ​Nord​ ​Italia,​ ​a​ ​servizio​ ​dei​ ​missionari​ ​già​ ​presenti​ ​sul​ ​posto​ ​da​ ​anni,​ ​a​ ​servizio della​ ​popolazione​ ​locale​ ​non​ ​per​ ​dare​ ​ma​ ​per​ ​​ricevere.

Il​ ​paradosso​ ​della​ ​missione​ ​cristiana​​ ​
Il​ ​paradosso​ ​che​ ​sta​ ​dentro​ ​la​ ​missione fatta​ ​nel​ ​nome​ ​del​ ​Signore​ ​Gesù​ ​è​ ​uno​ ​dei​ ​più​ ​belli​ ​e​ ​grandi​ ​tra​ ​quelli​ ​che​ ​ho​ ​vissuto fino​ ​ad​ ​ora:​ ​sono​ ​partito​ ​infatti​ ​pensando​ ​di​ ​poter​ ​essere​ ​utile​ ​in​ ​qualcosa​ ​ed​ ​invece ciò​ ​che​ ​principalmente​ ​porto​ ​a​ ​casa​ ​da​ ​questa​ ​missione​ ​non​ ​è​ ​la​ ​soddisfazione​ ​per aver​ ​aiutato​ ​anche​ ​se​ ​per​ ​poco​ ​svariate​ ​situazioni​ ​in​ ​forte​ ​difficoltà,​ ​ma​ ​la​ ​certezza​ ​di aver​ ​ricevuto​ ​da​ ​tutti​ ​coloro​ ​che​ ​ho​ ​incontrato​ ​un​ ​annuncio​ ​di​ ​fede​ ​vivo,​ ​efficace​ ​e alternativo​ ​nei​ ​modi​ ​e​ ​nei​ ​gesti​ ​rispetto​ ​al​ ​nostro​ ​modo​ ​europeo.​ ​​Ho​ ​riscontrato insomma​ ​uno​ ​dei​ ​tesori​ ​della​ ​Chiesa:​ ​quello​ ​di​ ​poter​ ​vivere​ ​la​ ​medesima​ ​fede​ ​e rimanervi​ ​fermi​ ​in​ ​tanti​ ​modi​ ​differenti​ ​quante​ ​sono​ ​le​ ​culture​ ​del​ ​mondo. 

La​ ​missione​ ​e​ ​il​ ​mio​ ​percorso​ ​vocazionale
Anche​ ​grazie​ ​a​ ​questa​ ​esperienza missionaria​ ​ho​ ​deciso​ ​di​ ​fare​ ​richiesta​ ​per​ ​entrare​ ​in​Postulato​ ​perchè​ ​mi​ ​sono sempre​ ​più​ ​reso​ ​conto​ ​della​ ​bellezza​ ​e​ ​della​ ​necessità,​ ​per​ ​me​ ​e​ ​per​ ​la​ ​mia​ ​vita,​ ​di approfondire​ ​il​ ​mio​ ​desiderio​ ​di​ ​​donare​ ​la​ ​vita​ ​e​ ​amare​ ​veramente​ ​​perchè​ ​è impossibile​ ​amare​ ​senza​ ​donare​ ​la​ ​vita​ ​e​ ​mi​ ​sono​ ​apparse​ ​sempre​ ​più​ ​reali​ ​le​ ​parole bellissime​ ​del​ ​Signore​ ​che​ ​nel​ ​Vangelo​ ​di​ ​Giovanni​ ​ci​ ​annuncia:​ ​“Non​ ​vedete​ ​già​ ​il grano​ ​biondeggia​ ​nei​ ​campi.​ ​Sì,​ ​Signore,​ ​me​ ​lo​ ​hai​ ​fatto​ ​vedere​ ​tante​ ​volte​ ​lungo tutto​ ​quest’anno​ ​che​ ​bello​ ​sarebbe​ ​se​ ​anch'io​ ​potessi​ ​andare​ ​a​ ​lavorare​ ​in​ ​questo campo​ ​che​ ​biondeggia​ ​di​ ​messe​ ​abbondante​ ​e​ ​buona;​ ​se​ ​questo​ ​è​ ​il​ ​tuo​ ​piano​ ​per me​ ​Signore​ ​mandami​ ​così​ ​che​ ​io​ ​​partendo​ ​​possa​ ​​donarmi​ ​tutto,​ ​e​ ​annunciare​ ​ai fratelli​ ​con​ ​la​ ​vita​ ​e​ ​la​ ​parola​ ​che​ ​Tu​ ​sei​ ​Parola​ ​di​ ​Vita​ ​e​ ​così​ ​mettendomi​ ​al servizio​ ​di​ ​tutti​ ​potrò​ ​vederti​ ​nel​ ​volto​ ​di​ ​tutti​ ​quelli​ ​che​ ​incontrerò.

Marco Padroni 
postulante nel convento francescano di Brescia






Verso il luogo del martirio dei frati


Nessun commento:

Posta un commento

Lascia qui il tuo commento all'articolo. Lo leggeremo e cercheremo di pubblicarlo quanto prima. Grazie del tuo contributo al Blog!