lunedì 14 novembre 2016

FRANCESCO, PERCHE' A TE TUTTO IL MONDO VIENE DIETRO?


------Assisi, 8-11 dicembre 2016: week-end vocazionale per giovani------

Cari amici in cammino e in ricerca vocazionale, 
il Signore vi dia pace.

Sono reduce da Assisi, dopo alcuni giorni presso il Sacro Convento e la Basilica di san Francesco. Ancora una volta sono rimasto stupito e colpito dal fascino trasmesso dal Poverello a quanti visitano questo luogo unico al mondo. Moltissimi i giovani, con i loro sguardi inquieti e interroganti; belli i loro occhi carichi di stupore e meraviglia, ma anche di tante richieste di senso e di direzione da dare alla propria vita; tante le loro domande, quasi che solo ad Assisi riescano a emergere sogni e desideri e paure mai espressi e che solo qui possano trovare parola.
Ma che ci vede un giovane di così speciale in san Francesco?
Perché questo fraticello ancora continua ad affascinare, dopo secoli? Sono questioni che ogni volta mi pongo quando sosto alla sua tomba, nella cripta, e vedo i ragazzi passare lì davanti a lui; oppure, quando al portone del convento, in piazza, molti vengono a bussare, a chiedere, a cercare...!! 
È la stessa domanda che frate Masseo, uno dei suoi primi compagni, gli rivolse direttamente: «Francesco, perché a te tutto il mondo viene dietro, e ogni persona pare che desideri di vederti e di udirti e di obbedirti? Francesco, perché a te?»(Fioretti, 10).
A questo interrogativo noi oggi potremmo dare le risposte più svariate: per lo spirito poetico, per l’amore alla natura e alle creature, per la condivisione viscerale con i più poveri, per la capacità di riconciliare e pacificare... Ognuno ha da sempre un suo «abito» da affibbiare a Francesco! È successo così anche nella storia di noi frati!! Ma Francesco è ogni volta ben di più e nello stesso tempo, semplice ed essenziale. Egli, infatti, continua a ripeterci un unico motivo: «Voglio che non mi si parli di nessuna regola, (...) né di nessun altro ideale e maniera di vita diverso da quello che dal Signore mi è stato misericordiosamente rivelato e concesso. Il Signore mi ha detto di volere che io fossi come Lui un pazzo in questo mondo...» (Spec. 68, cfr. 1Cor 4,10). Un «pazzo», dunque? Certo, ma di Gesù, del Vangelo; un pazzo d'amore!
E a proposito «di pazzia», non posso non pensare ai tanti giovani che, anche oggi, portano nel cuore la medesima inquietudine, la stessa passione, la stessa ricerca ardente, mai così alternativa e controcorrente. Infatti, se siamo sinceri, non è certo  ritenuto «normale» o scontato che ancora qualcuno pensi di «diventare frate»! Eppure il Signore continua a chiamare e Francesco ad affascinare e sedurre!
Proprio pensando a questi giovani, segnalo come nel prossimo ponte dell’Immacolata (8 - 11 dicembre 2016), ad Assisi presso il Sacro Convento vi sia in programma un week-end vocazionale  (solo per maschi - 18/32 anni).L’esperienza è riservata a chi ha già iniziato o sta avviando con i frati un cammino di discernimento alla vita religiosa francescana .
Anch’io sarò presente accompagnando i ragazzi in ricerca del Gruppo san Damiano (del Nord Italia) e con noi ne giungeranno altri da tutte le regioni. Andremo così ad attingere direttamente alla fonte, alla sorgente, invocando il santo perché illumini le nostre scelte, riscaldi il cuore, ci sproni alla sequela di Gesù.
A tutti chiedo una preghiera per il buon esito dell’incontro e per quanti, attratti da san Francesco e un po’ «folli» come lui, ancora ne vogliono rivivere gli ideali e la missione per portare al mondo intero l’annuncio evangelico di pace e amore.
Al Signore Gesù sempre la nostra lode.
fra Alberto (fra.alberto@davide.it)

messaggerosantantonio

3 commenti:

  1. Che il mondo dica di anormalita' o pazzia non fa scandalo, e che Voi parliate così? Non vedete che così dicendo dite anche di chi siete?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In realtà è lo stesso Francesco a parlare con provocazione di "pazzia" e così rispondere alle obiezioni scandalizzate e sconcertate del mondo.

      Elimina
  2. A me personalmente quello che attrae molto in Francesco, da che lo conosco, è il fatto di essere un ribelle e per di più non in modo tumultuoso ma nella mitezza. Ribelle nel senso che ha voluto ribellarsi alla falsità di se stesso, a quel Francesco costruito dalle aspettative degli altri, dal suo stesso padre terreno e dalla società che lo circondava, per andare incontro al vero se stesso figlio di quell'unico Padre che ci ama lui per primo non pretendendo nulla in cambio...

    RispondiElimina

Lascia qui il tuo commento all'articolo. Lo leggeremo e cercheremo di pubblicarlo quanto prima. Grazie del tuo contributo al Blog!