mercoledì 20 aprile 2016

PILLOLE VOCAZIONALI (26) - MA L'ABITO DEI FRATI NON E' ANACRONISTICO ?

Pace e bene,
cari amici in ricerca dei desideri del Signore per la vostra vita.
Fra le tante domande che mi giungono, molta curiosità riscuote sempre il nostro abito religioso, la tonaca francescana. Ma.. così mi scrive la sorella di un nostro postulante:

"Sono molto preoccupata e perplessa di vedere in futuro mio fratello con un abito così anacronistico e un pò ridicolo ! " - " Ma ha ancora senso vestire in tal modo in questo nostro tempo!? "

  • L'obiezione non è fuori luogo per un vestito vecchio di 800 anni !! Noi francescani però siamo convinti che il nostro abito sia ancora un "segno" forte e oggi più che mai "provocatorio" e di immediato "richiamo spirituale" in una società sempre più lontana, indifferente se non addirittura ostile a tutto ciò che sa di cristianesimo.
  • Al riguardo ho già scritto vari post, di cui riprendo sotto alcune considerazioni. Mi piace in particolare richiamare come l'abito fu inventato, novello stilista, dalla stesso san Francesco . Il Poverello di Assisi infatti, dopo la sua conversione e  la decisione di vivere radicalmente il Vangelo, dicono le cronache  che" si confeziona da sè una veste che riproduce l'immagine della croce " (FF.1432) per esprimere anche nel modo di vestire la sua totale e assoluta adesione a Gesù Crocifisso.
  • Un insegnamento ed un esempio difficile da dimenticare ed abbandonare per qualsiasi frate francescano!! 
Al Signore Gesù sempre la nostra Lode.
 Fra Alberto (fra.alberto@davide.it)


IL SIGNIFICATO DELL'ABITO
  • E' prima di tutto, per il frate stesso, un segno e un richiamo della sua consacrazione al Signore. Ogni volta che lo indossa, infatti, l'abito gli ricorda che non appartiene più a sè, ma a Gesù Cristo e che come religioso è chiamato a "rivestirsi" di Lui sempre e in ogni momento. Con la sua forma di Croce gli ripropone continuamente la sequela di Gesù  Crocifisso a cui ha aderito con la Professione dei voti. 
  • L'abito è però sempre un segno tangibile e visibile anche all'esterno, per ogni persona e in ogni ambiente dove il frate si presenta. Testimonia infatti (e questo a volte scandalizza e provoca qualcuno) che ci sono ancora persone che credono in Gesù Cristo e si giocano tutta la loro vita per Lui.
  • Presentarsi agli altri con l'abito, è sempre pertanto anche un richiamo alla responsabilità e fedeltà del religioso,  perchè non faccia fare brutta figura a Colui di cui si proclama discepolo in modo così evidente.
  • L'abito inoltre è un segno di fraternità e di appartenenza alla nostra famiglia francescana e bene esprime l'uguaglianza e lo spirito di amore e comprensione  e di unità che sempre deve regnare fra noi tutti.
  • L'abito è anche un forte segno di povertà. Il frate infatti è un uomo libero dalle mode e dalle ricercatezze come dalle mille novità indotte dal consumismo contemporaneo che molto esalta l'esteriorità e poco la dimensione spirituale. Il francescano dunque, sempre testimonia anche nel vestire, quella sobrietà e essenzialità che rimanda ad una fiducia incondizionata nella Provvidenza che non fa mancare nulla alle sue creature. 
  • L'abito francescano è pertanto il segno di un di più, una chiara indicazione oggi più che mai forte e provocante.. che il Signore Gesù può essere ancora "il tutto" per la vita di un uomo. E Dio solo sa quanto questa nostra triste e stanca società abbia bisogno di segni evidenti che subito e immediatamente richiamino il Cielo. 
  • Certo, portare l'abito, (lo dico per esperienza personale) qualche volta non è per niente facile: in certi contesti ti aspettano il dileggio, la supponenza, la malcelata indifferenza. Sono però molte di più le occasioni in cui la presenza di un frate subito porta famigliarità, esprime simpatia e vicinanza, suscita domande, strappa un sorriso, offre un'occasione semplice di incontro e dialogo e preghiera...
  • Dunque...: W l'abito francescano, W l'abito religioso !"


Pillole Vocazionali :
1 | 2 | 3 | 4 | 5 | 6 | 7 | | 9 I 10 I 11 I 12 I 13 14 15 I16 I17 I 18 19 20 I21 22 I 2324 I 2526 I 27 I28 29 I30 I 31 I

1 commento:

  1. Oserei dire, partendo dalla mia esperienza personale, che l'abito è proprio parte (e che parte oggi!) dell'evangelizzazione. A me rende estremamente felice vedere i fraticelli, che con la loro immagine prima ancora che avvicinandoti ti portano ciò che Cristo ha fatto nella loro vita. Quando uno s'innamora lo griderebbe al mondo intero, quando una donna è incinta vorrebbe farlo vedere a tutti (e si parte con le magliette più aderenti possibili già dai primi mesi, durante i quali il ventre è molto poco evidente), quando uno incontra Cristo alla fine lo porta a tutti e questa è la sua felicità (anzi: è Cristo che ti fuoriesce da dentro).

    RispondiElimina

Lascia qui il tuo commento all'articolo. Lo leggeremo e cercheremo di pubblicarlo quanto prima. Grazie del tuo contributo al Blog!