venerdì 15 aprile 2016

MASSIMILIANO E LA SUA TESTIMONIANZA "DA FRATE"

Il Signore ti dia pace,
caro amico in ricerca della vocazione divina per la tua vita. 
Domenica prossima sarà la giornata mondiale di preghiera per le vocazioni: il Signore illumini la nostra strada e le nostre scelte e doni alla Sua Chiesa ancora santi sacerdoti e religiosi e chiamati alla vita consacrata. Seguire Lui vale più di ogni altra cosa! 
In merito, pubblico oggi la testimonianza di un caro giovane confratello, frate Massimiliano Volante, studente in teologia al Franciscanum di Assisi (che riprendo dal blog "Frati in cammino") . Preghiamo per questo nostro fratello e per tanti giovani chiamati da Dio a vivere la bellissima avventura dell'essere discepoli. E...coraggio e audacia..! Il Signore chiama anche te!
A Lui sempre la nostra Lode
Fra Alberto (fra.alberto@davide.it)



LA BELLISSIMA AVVENTURA DA FRATE !
Mi chiamo Massimiliano e sono siciliano. Attualmente vivo nella comunità del “Franciscanum” in Assisi, per completare il mio percorso formativo. Sono arrivato qui dopo essere stato a Benevento, dove ho mosso i primi passi nella famiglia francescana iniziando a conoscere sempre più la spiritualità e il vivere in fraternità, condividendo i momenti lieti ma anche difficili, con tutti i fratelli che il Signore mi ha messo accanto.

Mi hanno proposto di scrivere questo breve articolo per condividere con voi la mia esperienza vocazionale, o meglio ancora, la mia crescita alla sequela di Gesù sull’esempio di san Francesco d’Assisi. Posso iniziare dicendo che non è stata una mia decisione, ma un aderire ad una proposta o meglio ad una chiamata a cui, dopo ripetuti tentativi, non ho più saputo dire di no.

Vengo da una famiglia dove non mi è mai mancato nulla, due genitori splendidi, due fratelli più grandi, sposati e con dei bambini stupendi. Sono cresciuto seguendo l’esempio di quanti mi sono stati vicino – in particolare la mia amata nonna che adesso non c’è più – e hanno fatto il possibile affinché non mi mancasse niente, mi hanno educato ai valori dell’onestà, del rispetto reciproco e tanti altri valori umani e cristiani.

Penso che ognuno di noi sia chiamato, sin dal grembo materno, a seguire la vocazione della propriavita, ma il più delle volte non siamo in grado di comprenderne gli eventi più o meno belli perché presi da tante altre cose che ci allontanano da ciò che è bene per noi.

Tutto inizia nel novembre 2009, quando dentro di me una fiamma, che prima ardeva lentamente, inizia ad aumentare bruciandomi sempre più, non concedendomi tregua notte e giorno, alimentando un disagio interiore che mi ha portato a chiedermi cosa stesse succedendo.

Ho cercato una risposta prendendo in mano la Bibbia e leggendola, ma ciò non bastava: avevo bisogno di qualcuno che mi aiutasse a capire cosa stava accadendo. In questo mi sono stati molto vicini il parroco e il frate guardiano del convento della mia città.  Inizia da quel momento il tempo dell’ascolto a cui, fino ad allora, non avevo dato molto spazio, un ascolto che mi ha aiutato pian piano ad aprire il mio cuore, plasmandolo sempre più. Un ascolto che mi ha trasportato in una preghiera, non più fatta di richieste per quelle che pensavo fossero le mie necessità, ma di un dialogo continuo che mi ha condotto a meditare quanto di buono il Padre aveva compiuto e continuava a compiere in me giorno dopo giorno. 

Il Signore è buono e misericordioso, lento all’ira e grande nell’amore”!
Queste profonde parole mi hanno fatto comprendere e sperimentare nel tempo, che accanto a noi abbiamo un Padre buono e misericordioso che sta alla porta ad aspettarci ogni volta che, come “il figliol prodigo”, facciamo ritorno a Lui dopo essere caduti nella trappola del peccato.

«Confida nel Signore con tutto il cuore e non appoggiarti alla tua intelligenza: in tutti i tuoi passi pensa a Lui ed egli appianerà i tuoi sentieri».
La conversione lenta che ho vissuto, è un aspetto da considerare giorno per giorno, un cambiare continuamente rotta per poter orientare la propria vita nella via del Signore per una piena conformazione a Lui. Con gioia, ora vivo questa bellissima avventura da frate!


Nessun commento:

Posta un commento

Lascia qui il tuo commento all'articolo. Lo leggeremo e cercheremo di pubblicarlo quanto prima. Grazie del tuo contributo al Blog!