mercoledì 4 novembre 2015

Alla tomba di San Francesco ho sentito un richiamo

Cari amici in cammino e in ricerca, il Signore vi dia Pace.
Nel prossimo fine settimana (dal pomeriggio di sabato 7 a domenica 8 novembre), si ritroveranno presso il nostro convento di San Francesco in Brescia, i giovani per il nord Italia del "Gruppo San Damiano", il gruppo di discernimento vocazionale da poco ripartito.
Si tratta di giovani provenienti da varie regioni, desiderosi di comprendere la volontà del Signore per la loro vita e, in particolare, fare chiarezza su una possibile scelta di consacrazione francescana.
Di seguito riporto la lettera di "motivazione" che uno di questi, Achille, mi ha inviato per spiegarmi la sua decisione di frequentare il cammino del Gruppo san Damiano e i motivi che l'hanno indotto a tale passo. Sono certo che le sue parole sapranno incoraggiare  e spronare anche altri ragazzi forse ancora titubanti e incerti nel mettersi in gioco: per Gesù  e il suo servo San Francesco, ne vale la pena!
Affido alle vostre preghiere Achille e i suoi compagni di cammino insieme a noi frati chiamati a sostenerli e guidarli in questa esperienza. Al Signore Gesù sempre la nostra Lode.
fra Alberto (fra.alberto@davide.it)


Lettera di "motivazione" di Achille
Un caro saluto a tutti.
Come ben sapete, sono un avvocato di 32 anni che vive nella Provincia di Torino e che nel tempo a propria disposizione, cerca di dare una mano nella Caritas del suo paese.
Questa esperienza di volontariato, ed altre che ho fatto, mi ha insegnato che il Vangelo è vivo, è la guida di tutti i miei giorni, e che Gesù è negli occhi di chi ha bisogno di aiuto, degli ultimi, dei "più piccoli". Quando penso a questo, mi viene in mente la frase di san Francesco dopo l'incontro con i lebbrosi " e allontanandosi da essi, ciò che mi sembrava amaro mi fu cambiato in dolcezza di animo e di corpo".
Questo cammino "di discernimento" per me ha avuto inizio, poco dopo il 15 di agosto di quest'anno, davanti alla tomba di San Francesco ad Assisi: nel tumulto dei miei pensieri, ho sentito un richiamo dolce, un calore al petto che ha sciolto ogni mia resistenza.
Solo il Signore conosce  la mia via, il piano per me, ma io già so cosa provo e che Lui è il mio unico Re.
A qualcuno l'ho già detto: vorrei essere un suo soldato, una spada di luce per quanti soffrono e sono vittima di soprusi da parte dei prepotenti.
Concludendo, mi affido al Signore con la preghiera di san Francesco davanti al Crocifisso, così bella: " O alto e glorioso Dio, illumina le tenebre del cuore mio. dammi fede retta speranza certa e umiltà profonda. Dammi, Signore, senno e discernimento per compiere la tua vera e santa volontà".
I miei più cari saluti e la mia preghiera.     Achille


frate in preghiera alla tomba di San Francesco

2 commenti:

  1. Ciao a tutti, sono Jean, un ragazzo di 21 anni di Milano e desidero raccontarvi brevemente la storia della mia ricerca vocazionale e perchè ho deciso anch’io di frequentare il Gruppo san Damiano.
    Dopo essere stato in un tunnel di tristezza, depressione e nuvole nere in un periodo un pò strano della mia vita, mi sono avvicinato al buon Gesù con conseguenti bei cambiamenti.
    Dopo un periodo molto intenso di preghiera di circa due anni fa, di approfondimento sulla mia fede, dopo aver ritrovato me stesso, Gesù e la Mamma celeste, non volevo assolutamente tornare indietro. Avevo trovato finalmente la gioia e la pace. Agli inizi dell'avvicinamento mi bastava servire il Signore cosi, senza pensare al convento, (non era necessario, mi dicevo), non volevo lasciare i miei affetti, amicizie, divertimenti, svaghi, lo spriz del sabato sera e altro. Ma col passar del tempo, soprattutto ad Assisi in agosto 2015, con la settimana vocazionale, in cui ho avuto più tempo per meditare e spazio per stare solo con Gesù, ho messo da parte desideri, problemi, progetti, futuro, passato, sofferenze, ed è lì che ho detto: "va bene, sia fatta la tua volontà, se tu vuoi che entri, ci proverò, se questo ti procura gioia e consolazione, non seguirò più le cose che piacciono a me, ma a te".
    Io a Gesù lo amo e vorrei tanto donare gioia al buon Gesu operando il bene, vorrei tanto non appartenere più al mondo, vorrei che la mia vita sia fatta di preghiera, di vita fraterna, di servizio verso il prossimo… e poi quel che verrà. Non so in fondo perchè il buon Pastore mi abbia chiamato. Col tempo lo scoprirò! Voglio solo fare la volontá del Signore! Io per ora tento di rispondere a questa sua chiamata, poi si vedrà dove mi guiderà con la sua divina volontà, il Signore.
    Jean

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie caro Jean della tua testimonianza. Il Signore ti benedica e accompagni nella tua ricerca mostrandoti la Sua Via. fra Alberto

      Elimina

Lascia qui il tuo commento all'articolo. Lo leggeremo e cercheremo di pubblicarlo quanto prima. Grazie del tuo contributo al Blog!