venerdì 25 settembre 2015

La professione di tre giovani suore clarisse a Camposampiero

In preghiera "dietro la grata"
Chiesa e Monastero del Noce
Cari amici in cammino e in ricerca vocazionale il Signore vi dia pace.
In questi giorni di fine estate, già ho scritto di alcuni eventi che ci stanno allietando e che vedono il coronamento, per tanti giovani, di vari percorsi vocazionali. Anche recentemente (il 19 settembre), in Francia a Lourdes, un nostro giovane frate, fra Thomas Bourquerod, già studente di teologia a Padova, ha emesso i voti solenni (vedi link con alcune foto): un bel segno di speranza in una terra scristianizzata e segnata da un profondo laicismo, ma anche da tanta sete di Dio.

Anche domani, sabato 26 settembre, sarà davvero un grande giorno per la nostra realtà francescana e per la Chiesa: tre giovani novizie del monastero di "S. Antonio e della beata Elena Enselmini" delle Clarisse di Camposampiero (Pd) emetteranno i voti di povertà, castità e obbedienza, secondo la regola di santa Chiara di Assisi. Si tratta di:
Sr. M. Arlene Valles Odocado
Sr. M. Francesca Pillon
Sr. M. Valentina Zanettin


La liturgia di professione dei voti, presieduta dal Ministro Provinciale p. Giovanni Voltan, si terrà presso il Santuario della Visione in Camposampiero - Padova -
Sabato 26 Settembre 2015
alle ore 16,30.


Le Sorelle Clarisse, come scrivono nel biglietto di invito, augurando Pace e Bene, si dicono certe del sostegno e del ricordo nella preghiera da parte di tutti. Di seguito riporto una presentazione dell'intera comunità, dove si offre il senso di una vita "dietro una grata" apparentemente così difficile e per molti incomprensibile. Vi invito anche  a riandare ad alcuni post precedenti  con altre testimonianze e video che illustrano una scelta solo motivata dall'amore esclusivo di Dio. 
A lui sempre la nostra Lode . fra Alberto (fra.alberto@davide.it)

Biglietto di invito alla Professione Semplice

IL SENSO DI UNA VITA "DIETRO UNA GRATA"
L’11 agosto del 1253, sulle soglie della Vita, nell’eterno abbraccio del Padre, santa Chiara diceva a se stessa: “Va’ sicura perché hai buona guida nel viaggio. Va’, perché Colui che ti ha creata ti ha santificata; e, custodendoti sempre come la madre il figlio, ti ha amato di tenero amore. Tu, o Signore, sii benedetto, che mi hai creata”. Noi figlie, madri e sorelle clarisse del monastero di “Sant’Antonio al Noce e della beata Elena Enselmini” in Camposampiero (Pd), nella povertà del quotidiano che pare perpetuarsi giorno dopo giorno, cerchiamo di vivere, in particolare, le parole ultime con cui santa Chiara suggellò il proprio pellegrinaggio terreno.

La paziente accoglienza di sé, delle proprie fragilità, dei propri limiti, inabitati amorevolmente dal Padre delle Misericordie, portati nella carne del Verbo, vivificati dallo Spirito, apre spazi infiniti di libertà da se stessi e per gli altri; apre al desiderio dell’incontro, sempre più intimo, con Colui che solo sa custodirci e che sempre ci ama per primo. Tale consapevolezza ci sprona a condividere quest’esperienza d’amore misericordioso tra noi sorelle e con i tanti che ci visitano.

I frutti sono preziosi e, davvero, il quotidiano ci sussurra la dolce promessa dello Sposo: “Chiunque avrà lasciato case, o fratelli, o sorelle, o padre, o madre, o figli, o campi per il mio nome, riceverà cento volte tanto…” (Mt 19, 29). Infinite volte, infatti, chi bussa da noi, cercando conforto, preghiere, ascolto, si fa inconsapevole testimone per noi della Bellezza dell’Opera di Dio, che ama collaborare con la piccola realtà delle sue creature, fragili eppur redente e capaci di Dio. E cosa dilata di più il cuore di vedere una madre che custodisce il figlio, amandolo di tenero amore?

Chi bussa cerca fede, conforto, speranza; trova il nostro “piccolo” calore umano, la nostra “piccola” accoglienza, la nostra “piccola” pazienza, che vorrebbero farsi specchio dell’amore misericordioso conosciuto, incontrato, sperimentato. Chi bussa se ne va un po’ confortato, sollevato e ci ringrazia, senza sapere che lascia nel nostro cuore il profumo della Vita che sorregge la vita, della Vita che ha sete dell’uomo. Tanti “piccoli”, che resistono ai marosi del tempo con perseveranza commovente e semplicità d’animo, sono talmente radicati nella Vita che è Lui, da ignorare la propria fede solida come la roccia. Questi “piccoli” chiedono preghiere di intercessione, ma come non cantare le lodi di Dio Altissimo che compie il Bene sempre?

Si rivolgono a noi anche poveri, affamati e assetati, che cercano semplicemente cibo, e che possiamo soccorrere grazie alla sovrabbondante Provvidenza che ispira tanti benefattori, puntualmente quando nella nostra dispensa cominciano scarseggiare i viveri. I poveri sono tanti, sono in aumento: la crisi economica si sente fortemente anche qui nel Nord-est. Si percepisce la difficoltà delle famiglie di far fronte alle minime spese; tanti piangono la perdita del posto di lavoro.

Noi ascoltiamo. Preghiamo e ascoltiamo. Certamente i tempi fanno emergere situazioni di degrado e forte disagio economico cui è necessario far fronte, ma ciò di cui veramente percepiamo che la comunità sociale abbisogna, nel nostro contesto locale, è di essere nuovamente aperta al cielo, ai grandi spazi che non si possono conquistare e davanti ai quali, proprio per ciò, l’uomo può liberarsi dalla schiavitù dell’autorealizzazione, dell’efficienza, della perfezione, del successo.

Vivere il “limite” proprio e del mondo, la “carne”, come luogo di incontro con Dio, lasciandosi custodire da Dio; testimoniare la fiducia nella Provvidenza divina anche quando umanamente travolgerebbe la disperazione; vivere nel mondo indicando altri orizzonti; accogliere; ascoltare; incontrare le persone; farle sentire “preziose” anche se sconosciute; raccogliere le loro lacrime; condividere le loro gioie… Piccole cose: meno di cinque pani e due pesci. Piccole realtà affidate a Lui.

Le Clarisse di Camposampiero (Pd)

La chiesetta Del Noce
Nel servizio
Nella lode

Nessun commento:

Posta un commento

Lascia qui il tuo commento all'articolo. Lo leggeremo e cercheremo di pubblicarlo quanto prima. Grazie del tuo contributo al Blog!