lunedì 6 luglio 2015

Da maresciallo a frate francescano - La storia di fra Nicola

Cari amici, in cammino e in ricerca vocazionale, il Signore vi dia pace.
In questo nostro tempo così veloce, globalizzato, tecnologico e laico, dove non parrebbe ormai esserci alcun spazio per la fede e per scelte ad essa legate, ebbene, sempre di più sta facendosi strada in tanti giovani il desiderio di un Oltre, il bisogno di un senso e di riposte più radicali ed autentiche, la necessità di spendere la propria vita per qualche cosa di veramente grande e significativo! Sempre più sta facendo breccia nel cuore di molti, inaspettatamente, il richiamo forte e mite del Signore Gesù: Se vuoi...Vieni, seguimi! 
Al riguardo vi racconto oggi la storia di fra Nicola, giunto alla vita francescana dopo qualche anno di carriera militare . Come non ricordare qui san Francesco e i suoi sogni giovanili di gloria "guerreschi" e "cavallereschi" , che poi si riplasmarono (nell'incontro con il lebbroso e il Crocifisso di san Damiano) fino a condurlo ad essere "il cavaliere del Gran RE"?? Preghiamo per fra Nicola e per quanti hanno per la loro vita "desideri e intuizioni grandi": possano, con l'aiuto di Dio, realizzarli e portali a compimento.  Vi benedico. Al Signore Gesù sempre la nostra lode. 
fra Alberto (fra.alberto@davide.it)


Da maresciallo dell'esercito a frate francescano: la storia di fra Nicola
Dalla divisa grigio-verde dell’esercito, all’abito più austero del saio, il passo è stato breve. È la storia di Nicola Verde, 35 anni, da Aversa catapultato al Nord per lavoro, dove mette firma nell’esercito a Bologna, tanto da salire di grado, fino a diventare Maresciallo.
Per Frate Nicola (lo vediamo all’ingresso di una capanna in Africa) studente francescano nell’ordine dei frati minori cappuccini dell’ Emilia Romagna, la folgorazione alla vita religiosa nasce in Caserma, tanto da abbandonare la carriera militare per entrare in un convento.
Un passaggio difficile, inspiegabile ai più, ma che nasce dal desiderio di dare una svolta alla propria vita, e metterla al servizio di Dio e del prossimo. Attualmente Frate Nicola si trova in Irlanda a studiare inglese, ma con gli studi terminati, tutto è pronto per l’ordinazione sacerdotale, prevista a Reggio nella chiesa di Via Ferrari - Bonini.
Nicola, originario di Aversa, una terra difficile e sofferente, verrà ordinato sacerdote, sabato 17 ottobre dalle mani del Vescovo di Aversa, poi celebrerà la prima messa nel convento di Scandiano, il giorno dopo. A Scandiano, dove risiede in convento, Nicola è stato moto attivo col gruppo Agesci-Scout, e soprattutto nell’organizzare la Preghiera di Taizè, un momento di riflessione secondo lo stile della comunità di Frere Roger.
Poi dopo una settimana, Frate Nicola Verde, dirà messa giù, nella sua terra con tanti ‘tifosi’ che scenderanno per festeggiarlo.
Perché Nicola, ragazzo mite all’apparenza, sempre sorridente e di carattere forte, di amici ne ha conquistati tanti. Il Centro Missionario di Imola, sempre gestito dai frati cappuccini, sarà probabilmente la sua destinazione futura. La storia di Nicola – casertano dalla ‘Terra dei Fuochi’ – ricorda quella di una donna scandianese, Ines Taligani, che nel 1992 lascio la toga di magistrato per vestire l’abito delle Suore Carmelitane: le anime vive di una casa di carità, le prime ad alzarsi, le ultime a ritirarsi per garantire a tutti gli ospiti il massimo di conforto.

tratto da : infodifesa

1 commento:

  1. Un cuore pronto "all'ascolto", è un cuore rapito dall'amore di Gesù.

    RispondiElimina

Lascia qui il tuo commento all'articolo. Lo leggeremo e cercheremo di pubblicarlo quanto prima. Grazie del tuo contributo al Blog!