lunedì 27 aprile 2015

P. Placido Cortese citato da Mattarella

Il Presidente Mattarella cita padre Placido Cortese tra gli eroi
della Liberazione

placido

Nel discorso dello scorso 25 aprile, per il 70° anniversario della liberazione dell'Italia dal Nazifascismo, il presidente della Repubblica Sergio Mattarella ha voluto citare il nostro confratello Padre Placido Cortese, francescano conventuale della Basilica del Santo (Pd), le sorelle Martini, sue collaboratrici e altri uomini e donne di Padova impegnati tra il 43 e il 45 nella rete di resistenza, che Cortese aveva creato per salvare i più perseguitati dal regime.
Per conoscere meglio la figura di Padre Placido Cortese, di cui abbiamo celebrato quest'anno il 70° della crudele tortura e uccisione per la sua opera benemerita, vero martirio di carità, si può consultare questa pagina.
Ecco il video con il passaggio dal discorsi del presidente.


Trascrizione: Tanti eroi hanno donato la vita per la nostra libertà, dai "piccoli maestri" che hanno lasciato gli studi per salire in montagna, alle donne che hanno affrontato a testa alta il rischio più alto e la prigionia. A questi dobbiamo affiancare gli eroi quotidiani che salvarono vite, che diedero rifugio ad ebrei, che si prestarono a compiti di cura o di supporto.
Come le sorelle Lidia, Liliana e Teresa Martini, padovane, che guidarono la fuga dai campi di concentramento di decine e decine di prigionieri alleati, prima dando loro il pane e un nascondiglio, poi instradandoli nottetempo verso la Svizzera, attraverso la rete costruita da padre Placido Cortese e da due latinisti di grande fama, Ezio Franceschini, dell'Università Cattolica, e Concetto Marchesi, in seguito rettore dell'Ateneo di Padova e deputato comunista. Senza questa dimensione popolare, senza questa fraterna collaborazione tra persone di idee politiche diverse, l'Italia avrebbe fatto molta più fatica a recuperare la dignità smarrita.

da: www.francescaninorditalia.net

1 commento:

  1. Gli uomini hanno deciso della vita di Padre Placido. Egli stava in silenzio e ascoltava, dentro di sè, l' Amore che gli parlava e che nessuna voce ha potuto soffocare. Tutta la sua vita è stata un impegno di carità verso il prossimo e a questo impegno è rimasto fedele fino al martirio.

    RispondiElimina

Lascia qui il tuo commento all'articolo. Lo leggeremo e cercheremo di pubblicarlo quanto prima. Grazie del tuo contributo al Blog!