venerdì 10 aprile 2015

Mi sono innamorata di un frate


Pace e bene cari amici in cammino e in ricerca vocazionale.
Fra le varie mail a cui quotidianamente rispondo, molte contengono quesiti e interrogativi di tipo relazionale. Oggi riporto una problematica che già altre volte ho affrontato nel blog. Si tratta di una ragazza (L.) che innamoratasi di un frate, fra G. (che fa esperienza pastorale nell'Oratorio in parrocchia) mi chiede come comportarsi e un consiglio. Di seguito trovate parte della corrispondenza intercorsa. Mi auguro, che al di là del caso specifico, la mia risposta aiuti tutti ad interrogarsi sui propri sentimenti, a vigilare su di essi, a chiedersi sempre dove sta il "vero bene". 
Vi benedico. Al Signore Gesù sempre la nostra lode. fra Alberto (fra.alberto@davide.it)

Quesito di L.
Caro Frate Alberto, mi chiamo L.. Sono animatrice adolescenti (24 anni) e responsabile del coro nella mia Parrocchia. Da qualche mese è arrivato G. un giovane frate francescano a fare esperienza nei fine settimana nel nostro Oratorio. Ha portato una ventata di novità e vivacità attesa da tutti noi giovani ( il nostro parroco è molto anziano) e in poco tempo ci siamo stretti attorno a lui. (...) Ma il fascino e l'entusiasmo iniziale si sono trasformati presto per me in un altro sentimento: mi sono innamorata perdutamente di lui. Ora non so più bene come comportarmi, da un lato mi accorgo di coltivare su di lui sogni  e desideri così come mi è difficile riuscire a controllarmi nel mio pormi verso di lui (ovviamente non sa nulla di me), dall'altra so che non mi appartiene e mi vergogno di questo sentimento segreto anche se temo di perderlo. Ma se io sento questa attrazione per lui, non è giusto che io cerchi di realizzarla? Grazie per il consiglio che mi vorrà dare. L.

Risposta di fra Alberto
+ Pace a te cara L. ! Grazie per la fiducia e scusa se rispondo, forse in modo parziale, tenendo presente quelle poche informazioni che mi hai dato.  Come prima cosa ti voglio dire che provare un sentimento per qualcuno e innamorarsi non è un peccato di cui vergognarsi. Ci mancherebbe! I sentimenti, infatti, non si possono mai negare, ma vanno sempre riconosciuti e accolti per quel che sono; anche il fatto che ti piaccia un frate !!
+ Il passaggio successivo e più impegnativo sta però nel chiederti, da dove nasca questo sentimento o passione; dove e come tu lo alimenti e lo confermi e lo rafforzi in te (qui c'è la tua responsabilità). Si tratta di discernere in verità soprattutto,  se questi sentimenti, se questa passione, se questo desiderio, conducano al bene, tendano al bene (per te, per lui e per le altre persone coinvolte e per tutti), oppure se portino al loro interno un germe distruttivo e maligno, di lacerazione e di violazione.
Tante divisioni e ferite e tradimenti anche nell'ambito famigliare e relazionale avvengono infatti oggi proprio perchè ci si lascia sedurre dal "sentire", dal "mi piace", dal mi "attrae", senza pensare e riflettere se tutto questo abbia in sè un bagaglio di ambiguità e di male da cui prendere le distanze. Può infatti piacermi qualche cosa o qualcuno, ma, sempre dovrò chiedermi:  "E' cosa buona pretenderlo e ricercarlo? - Giova, ed è il vero bene, percorrere questa via e dar retta a tale sentimento?- Quali le conseguenze e i rischi implicati? - E la mia fede e i miei valori cristiani cosa mi suggeriscono ?" . Queste sono le domande da porsi!!
+ C'è oggi purtroppo una custodia e un pudore dei sentimenti che pare essere scomparsa, mentre si è passati alla "tirannia del sentire", della serie: "sento questo...dunque è giusto perseguirlo"!! Non è così!! Cosa ne penseresti di una donna, che invaghitasi di tuo marito o del tuo ragazzo, magari in ufficio (dove lavorano insieme) non sapesse starsene al proprio posto e non lo rispettasse e così violasse un ambito dove non le è consentito entrare, pena l'avvio di mali e sofferenze enormi per tutti? Se per te la cosa fosse troppo difficile da gestire, fatti aiutare da persone rette e buone e credenti, "non mondane"..: hai una guida spirituale?
+ Dunque per riepilogare: percepire un sentimento non è per sé cosa riprovevole; lo si prova punto e basta!  Tutto dipende invece da ciò che ne fai di tale sentimento. Puoi coltivarlo e incrementarlo e lasciarti condurre e sedurre e magari travolgere, oppure potrai custodirlo e contenerlo, decidendo di non invadere un ambito, un affetto e la vita e la missione di un uomo che, come frate, non ti appartiene ed anzi, è già legato e "sposato". La medesima indicazione varrebbe del resto, se tu ti fossi innamorata e desiderassi un uomo già unito ad un'altra donna!! Vigilia dunque su te stessa..e custodisci questo sentimento senza invadere un campo che ha altri proprietari e giardinieri. Fatti dare una mano da persone rette. Prega invece per frate G..: questo potrai farlo sempre!  E in tal modo continuerai davvero a volergli bene e a volere il suo bene! Con l'aiuto di Dio e della Vergine Maria Immacolata.....
Ti incoraggio e benedico. f. Alberto

11 commenti:

  1. Forza! Io prego per te tutti i giorni da quando ho letto questo post. Coraggio, che non sei sola!

    RispondiElimina
  2. E quando è il prete a innamorarsi?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. sia pure con modalità diverse, valgono le stesse considerazioni...

      Elimina
  3. Come bisognerebbe comportarsi invece se entrambi innamorati,come nel caso di una mia amica, lui ha preferito indossare l'abito e tenerla per quasi 4 anni ad aspettarlo piuttosto che prendere le decisioni da prima pur essendo innamorato di lei, e dopo un po' lasciandola e dicendole che la situazione non era più sostenibile, com'è possibile?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. pace e bene. per tentarle di darle una risposta più adeguata dovrei conoscere meglio la vicenda. Mi limito ad una battuta : Le relazioni fra due persone non sono mai facili.. così come le decisioni conseguenti. Se poi si fa strada anche un richiamo nuovo come la vocazione religiosa..non è certo scontato sapersi muovere bene.. per operare un discernimento ci vuole tempo e sapienza e pazienza verso di sé e verso chi ci sta attorno.. E in ogni caso, non darei la colpa solo ad un partner per come pare sia andata la faccenda, ma sempre in una relazione si è corresponsabili...Se c'è un giovane incerto che ha temporeggiato in vista di una possibile altra scelta di vita, c'è anche una ragazza che ha accettato questa possibilità . f. Alberto

      Elimina
  4. Certo concordo pienamente, non si può e non si deve giocare con i sentimenti se poi egli stesso è tuttora innamorato..ma se è vero amore perché questa titubanza?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In realtà può succedere di essere innamorati, ma anche di percepire una chiamata a lasciare tutto e seguire unicamente il Signore nella vita religiosa..: quando avviene questo il contrasto interiore è molto forte!

      Elimina
  5. La scelta è stata molto difficile sicuramente anche per lei, poverina, sapendo di essere innamorato ma se un giorno si dovesse pentire di averla fatta soffrire? Di averle promesso tantissime cose, di aver lottato per un sentimento cosi forte come l AMORE e se è vero che dove ce AMORE ce Dio e non divisione se due si amano. È il cuore a dettare la legge.

    RispondiElimina
  6. caro amico/a anonimo/a , il cuore detta legge (come scrive lei), ma fino ad un certo punto! Con questa scusa "del cuore" infatti, oggi si giustificano separazioni dolorosissime, tradimenti, corna, falsità, sofferenze per tante persone coinvolte..( vedi i figli che spesso pagano tragicamente le "scelte del cuore" dei loro genitori). Il criterio di scelta per il credente , ma anche per l'uomo e la donna RETTI di cuore, non sono solo i sentimenti, "il sentire", ma è sempre anche il BENE e di ciò che è MIGLIORE!! E la scelta del BENE e del MEGLIO chiama in causa anche altri aspetti: i valori, la volontà,la fede...ecc.. Vi è dunque un "sentire del cuore", ma vi è anche "una rettitudine del cuore" a cui dare ascolto. E non sempre ciò che "sentiamo" è giusto, è buono, è retto, è cristiano!! Anzi! può anche succedere che il nostro sentire sia segnato dal male, dalla tentazione, dalla disgregazione.. Attenzione dunque non lasciamoci sedurre e imprigionare dalla "tirannia del sentire"!!! Ciò infatti che immediatamente "ci piace e attira" non è detto che sia buono e che ci giovi o che sia la scelta migliore! Al Signore Gesù sempre la nostra lode. fra Alberto

    RispondiElimina
  7. Buonasera,
    Fra Alberto lei non è mai stato innamorato di una donna?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ricordo e porto sempre nel cuore in particolare il mio primo innamoramento!! f. Alb.

      Elimina

Lascia qui il tuo commento all'articolo. Lo leggeremo e cercheremo di pubblicarlo quanto prima. Grazie del tuo contributo al Blog!