sabato 10 gennaio 2015

Ami... o non ami?

Dalle letture del giorno
Sabato 10 gennaio 2015

Carissimi, noi amiamo, perché egli ci ha amati per primo. 
Se uno dicesse: "Io amo Dio", e odiasse il suo fratello, è un mentitore. Chi infatti non ama il proprio fratello che vede, non può amare Dio che non vede. 
Questo è il comandamento che abbiamo da lui: chi ama Dio, ami anche il suo fratello. 
(cfr. 1Gv 4,19-5,4)

Lo Spirito del Signore è sopra di me; per questo mi ha consacrato con l'unzione, e mi ha mandato per annunziare ai poveri un lieto messaggio, per proclamare ai prigionieri la liberazione e ai ciechi la vista; per rimettere in libertà gli oppressi, e predicare un anno di grazia del Signore. 
(cfr. Lc 4,14-22a)

Cile: fra Tullio con i suoi bimbi
"Quali sono i "REQUISITI" e i "SEGNI" 
che contraddistinguono una autentica vocazione?

Cari amici in cammino e in ricerca vocazionale, il Signore vi dia pace.
Ecco una domanda frequente, fra i miei lettori e alla quale più volte ho cercato di dare risposta nel blog e anche privatamente. 
Le letture di oggi però mi suggeriscono un breve approfondimento: parlano del legame indissolubile fra amore a Dio e amore al prossimo; parlano della missione di Gesù venuto a sanare e guarire, liberare, a predicare. Questo mi fa dire che fra le note indicative di un'autentica chiamata di consacrazione non potrà mancare il desiderio di SERVIRE e DONARSI e AMARE. Potrebbero sembrare indicazioni scontate, ma credetemi, per alcuni giovani che mi contattano questo non lo è affatto: spesso preoccupati unicamente della propria autorealizzazione e di trovare un senso a se' stessi, di trovare una pienezza che dia loro felicità e benessere.
Per un consacrato invece è connaturale lo slancio verso il povero, l'amore agli ultimi, la tensione per una Chiesa ferita e lacerata, la missione e la preoccupazione pastorale ed evangelizzante, il desiderio di spendersi per risanare e liberare, il prendersi cura, accompagnare il fratello umanamente e spiritualmente. Certo si tratta di una sensibilità in cui crescere e maturare e anche talvolta venire iniziati: anche socialmente, infatti, la cultura del dono e della gratuità pare essere venuta meno e un giovane respira a pieno quest'aria asfittica. 
Ma come pensare a diventare prete o frate se, almeno in embrione, manca il desiderio di spendersi per gli altri e si è solo occupati da se stessi?
Al riguardo noto come il termine "felicità" talvolta evocato nei dialoghi vocazionali (desidero diventare frate per essere "felice") sia assolutamente ambiguo. Preferisco sempre rimandare alla parola più evangelica di "beato". Il credente come ogni altro uomo (così il consacrato), infatti, non sempre può dirsi "felice" nella propria vita. Può sempre però ricercare la "beatitudine", nella desiderio di operare il bene, nel praticare la giustizia e la verità, nell'essere mite e misericordioso, nell'essere povero in spirito e puro di cuore.... Atteggiamenti questi che chiedono inevitabilmente scelte costose ed esigenti, umanamente spesso poco "felici", ma cristianamente davvero "beate". Un san Massimiliano Kolbe ( frate conventuale martire ad Auschwitz), non è certo da ritenersi "felice" nel suo gesto estremo, ma la beatitudine evangelica del "perseguitato per la giustizia", sicuramente gli appartiene!! 
Non posso qui non pensare anche all'esperienza di san Francesco e come la sua conversione sia legata all'incontro con un lebbroso, e alla conseguente decisione di spogliarsi di tutto per vivere il Vangelo in povertà e accanto alle persone più spregevoli e ripugnanti; penso al suo desiderio di andare fra gli infedeli, al suo continuo peregrinare di città in città e paesi a predicare la pace e la misericordia di Dio. 
Cari amici in ricerca e in cammino vocazionale, lasciamoci dunque provocare dalle letture di oggi. Vi lascio, di seguito, anche al riguardo un piccolo commento sul Vangelo di Don Oreste Benzi ( santo sacerdote che spero conosciate)
Vi benedico. Al Signore Gesù sempre la nostra lode.
fra Alberto (fra.alberto@davide.it)

Gesù dice che gli è stato dato lo Spirito Santo per svolgere una missione, che consiste nell'andare ad annunciare ai poveri un lieto messaggio. Questa è la lieta notizia che viene loro portata: "Il Signore è in mezzo a voi, non temete!". Il Signore appartiene ai fuori casta, ai lebbrosi di oggi, e con loro inizia il cammino di liberazione di tutti gli uomini, perché tutti gli uomini sono preziosi agli occhi di Dio. Egli vuole che tutti siano salvi. Oggi questa scrittura si è avverata e continua da 2000 anni all'interno della Chiesa. Liberare gli oppressi, annunziare ai poveri la lieta notizia, dare la vista ai ciechi, rimettere in libertà gli oppressi, ci è dato come compito ufficiale.
Io vorrei che il Signore vi illuminasse sull'immenso pianto che c'è su questa terra, degli oppressi che gridano al cospetto di Dio. E vorrei che sentiste la gioia di essere stati chiamati ad affiancarvi a loro, vita con la vita, là dove vi trovate. Voglia Dio che non passiate mai tutta la vita solo per guadagnare soldi. Voglia Dio che vi salviate da quella vanità! Il nostro scopo è un altro su questa terra! Contenti di ciò che abbiamo per vivere, la nostra vita ha un altro scopo: quello della redenzione, quello di questa missione precisa. Ognuno di voi butti via le sciocchezze e le stupidaggini e tiri fuori la grandezza di questa missione, di questo dono.

(Don Oreste Benzi)

2 commenti:

  1. Io non amo assolutamente, né me né gli altri; direi anzi che odio profondamente. Come fare per imparare ad amare?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Pace a te. Puoi provare a prendere in mano il Vangelo e leggerlo....lì c'è una via, un itinerario per amare. ti ricordo nella preghiera. f. Alberto

      Elimina

Lascia qui il tuo commento all'articolo. Lo leggeremo e cercheremo di pubblicarlo quanto prima. Grazie del tuo contributo al Blog!