mercoledì 22 ottobre 2014

Testimonianza di Francesco... neo postulante

Pace e bene, cari amici in ricerca della vocazione divina per la vostra vita. 
Come scrivevo in un recente post, con il "Gruppo San Damiano" ci siamo recati nello scorso fine settimana al convento S. Francesco di Brescia per il primo incontro di discernimento vocazionale . Qui è stato bello ritrovare i giovani del Postulato, fra i quali anche alcuni che lo scorso anno avevano frequentato lo stesso "Gruppo san Damiano" e che hanno deciso così di continuare il loro cammino di verifica e approfondimento per una possibile vita francescana. Fra questi neo-entrati al convento di Brescia, vi propongo oggi la testimonianza di Francesco, il più giovane della comunità del Postulato (18 anni!!). Ringraziandolo per le sue parole, vi invito a ricordarlo nella preghiera insieme agli altri fratelli postulanti che con lui condividono i primi passi sulle orme del Poverello di Assisi. Al Signore Gesù sempre la nostra lode. 
Frate Alberto 

Grazie caro Francesco...ti siamo vicini nel tuo cammino.
TESTIMONIANZA DI FRANCESCO
Ciao ragazzi, 
io sono Francesco, un giovanissimo ragazzo di diciotto anni, a cui è cambiata radicalmente la vita dopo l’incontro più o meno inaspettato con San Francesco d’Assisi. 
Tutto ha inizio due anni fa quando durante gli esercizi di preghiera organizzati dal mio oratorio, ho avuto come l’intuizione di servire Dio per tutta la mia vita, ma non sapevo niente, a chi rivolgermi o a cosa il Signore mi chiamasse. Fatto sta che ho continuato la mia vita come un adolescente qualunque, tra pub, sigarette e compagnie scalmanate. 
Ma era proprio in quel falso divertimento che non mi sentivo felice, tornavo a casa e non avevo nessuna esperienza gratificante da raccontare e quel vuoto dentro di me si faceva risentire. 
Grazie all’educazione cattolica che mi hanno trasferito i miei cari genitori, ho sempre avuto un buon rispetto per la Chiesa e la preghiera e mi ha anche preservato dal compiere azioni insensate. Ci siamo capiti....!! 
Dopo averne parlato con il mio don e alla soglia della fine della terza superiore, ho capito: voglio farmi Frate!
Ho preso il computer, ho scritto la frase più ingenua di questo mondo: vocazione francescana. Dopo quel giorno, niente è stato più lo stesso. 
Nel blog - gestito da due espertissimi frati conventuali di pastorale giovanile - ho scoperto quanti giovani come me si interrogavano a cosa Gesù li chiamasse. I frati rispondevano alle più classiche domande, ovvero: Come vive il frate? Quanto prega? Perché ha l’abito è così?...ecc..
Pian piano ho iniziato a orientarmi, e poi la scelta di intraprendere il percorso vocazionale al convento S. Francesco in Brescia con il Gruppo san Damiano. 
Oggi posso dire che è stata un’esperienza meravigliosa, dove ho conosciuto veri amici con veri ideali, un ambiente sano e aperto. Ho scoperto la bellezza della preghiera comunitaria e soprattutto i frati, veri innamorati di Dio, che vivono ogni giorno tra la gente testimoniando il Vangelo allo stile di Francesco, ossia in letizia e povertà. Dopo un anno mi sono ancora fidato di quel Gesù che tanto mi ha dato e ho deciso di continuare il mio percorso di discernimento nel Postulato. Quindi, vivo nel convento di Brescia, prego e studio con i frati e i miei confratelli. 
Detto così brevemente è semplice, ma vi lascio un’ultima frase dettami da un frate prima che entrassi in convento: “ricorda che Dio non delude, perché non illude.

Alcuni postulanti con fra Alessandro (Rettore)
in occasione dell'inizio del Noviziato al Santo (Pd)

7 commenti:

  1. Bellissima testimonianza......che ci permette di riflettere e sopratutto ci dimostra come Gesù instancabilmente continua ad operare nei cuori di tutti noi.
    È un privilegio enorme essere chiamato da Gesù a suo discepolo e ancor di più attraverso San Francesco che è stato e lo sarà sempre testimone concreto degli insegnamenti del Santo Vangelo. Congratulazioni per la gioia ricevuta.
    Possa Nostro Signore Gesù Cristo accompagnarti e benedirti sempre sotto l'attenta protezione del Serafico San Francesco.
    Domenico.

    RispondiElimina
  2. Grazie Francesco!
    Grazie della condivisione a nome di tutti i ragazzi che come me fanno attualmente parte del nuovo gruppo San Damiano per tutti gli incoraggiamenti e per la determinazione che ci trasmetti nel voler capire fino in fondo la Sua volontà per la nostra vocazione...!
    Grazie anche a nome di tutti i ragazzi ancora in una ricerca vocazionale aperta perché, per gli stessi motivi, sproni a metterci in un ascolto più sincero e indirizzato (così come è stato per me conoscendoti di persona ormai qualche mese fa)!
    Ti auguro di continuare a crescere sempre con la tua spensieratezza e positività e di diventare quel fratello al servizio di tutti che con autenticità e grande fede sia sempre capace di illuminare il prossimo, in nome di Colui che mai delude!

    Preghiamo per tutti i postulanti, i neopostulanti e i nuovi ragazzi del gruppo San Damiano; tre gradini diversi del periodo di discernimento vocazionale ugualmente uniti nel dare e chiedere la grazia della preghiera ai fratelli!

    RispondiElimina
  3. Grande Francesco!
    Spero che tu possa essere l'esempio anche per tanti giovani, che nel loro cuore da tanto tempo aspettano di fare questo "salto" ma forse ancora non lo sanno"
    Che il Signore ti riempia ogni giorno di più e che ti possa sempre indicare la strada!
    Una preghiera per te e per i tuoi fratelli!

    RispondiElimina
  4. Ciao Francesco.. bellissima la tua testimonianza, volevo farti una domanda superficiale ma per me " importante". Dopo aver scoperto la tua vocazione nella terza superiore, hai aspettato di finire la scuola per fare questo grande e splendido passo?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. pace a te. ti rispondo a nome di Francesco. E' nostra prassi che per entrare in Postulato un giovane concluda il ciclo di scuola superiore.del resto non avrebbe senso interromperlo..ciao. fra Alberto

      Elimina
  5. Francesco carissimo, sono davvero felice per te. Ti chiedo di trovare un posto nella tua vita di frate per una preghiera incessante al Signore per le anime tristi di chi non è mai riuscito a lasciarsi completamente coinvolgere da Dio, da colui che non illude, aspettando troppo, fino a quando "si è fatto tardi". Grazie. Pace e bene a te e a tutti i tuoi fratelli.

    RispondiElimina
  6. Grazie a tutti per i commenti e saluto anche tutti i ragazzi che ho conosciuto a Giovani verso Assisi!!!! Forza e coraggio che donarsi al Signore è si faticoso, ma estremante bello.
    (esperienza personale) Pax et Bonum :)

    RispondiElimina

Lascia qui il tuo commento all'articolo. Lo leggeremo e cercheremo di pubblicarlo quanto prima. Grazie del tuo contributo al Blog!