sabato 21 giugno 2014

Vivrà per me

Domenica 22 giugno 2014
 Solennità del Santissimo Corpo e Sangue di Cristo



“Chi mangia la mia carne e beve il mio sangue ha la vita eterna e io lo risusciterò nell’ultimo giorno. Perché la mia carne è vero cibo e il mio sangue vera bevanda” (Gv 6, 54-55).

Nella piccola cappella di un convento è da poco conclusa la Santa Messa del mattino. Dopo l’Ite, missa est (Andate, la messa è finita), i frati hanno iniziato la loro giornata di lavoro, nutriti del Pane di Gesù, del suo amore per affrontare con lui l’intera giornata. 
E’ una mensa particolare quella cui il Signore Gesù ci invita: quella in cui egli non ci da cose, pur grandi e belle, ma dona se stesso, la sua vita! Per questo, in ogni eucarestia cui partecipiamo lo riceviamo come “vero cibo e vera bevanda”. Ci nutriamo di Lui per diventare Lui, per vivere come Lui. Superato da tanto eccesso di amore, Francesco d’Assisi, ripeteva ai suoi frati: “Guardate, frati, l’umiltà di Dio. Nulla di voi trattenete perché tutto vi accolga colui che tutto a voi si dona”.

Buona domenica dai vostri frati



foto e testo di fra Giovanni Voltan

Nessun commento:

Posta un commento

Lascia qui il tuo commento all'articolo. Lo leggeremo e cercheremo di pubblicarlo quanto prima. Grazie del tuo contributo al Blog!