sabato 29 marzo 2014

Vedere per... seguire


30 marzo 2014
IV domenica di quaresima

“Una cosa io so: ero cieco e ora ci vedo”
(Gv 9,25)

Dietro il miracolo del cieco sin dalla nascita, un significato esistenziale riguarda ciascuno di noi: dal non vedere al vedere, dalle tenebre (dai nomi molteplici: peccato, autosufficienza, ostinazione,…) alla luce (incontro con la persona di Gesù, rapporto nuovo con gli altri e con le cose…). Tutta un’altra visione!
Con un rischio: chi, sicuro di sé, crede di vedere, sapere, corre il serio pericolo di non aprire mai gli occhi.
Con un’opportunità: riconoscere che chi dona la vista agli occhi e al cuore – a costo di essere “cacciato fuori” dai più, come successo al cieco del vangelo – è il Signore Gesù. Un orizzonte inedito si apre: seguire, da discepoli innamorati, Gesù per avere la luce della vita. Come canta un frammento di uno dei salmi: «Alla tua luce, Signore, vediamo la luce». Sì, nella tua luce risplende anche la nostra vita!

Buona domenica!
i vostri frati

Nessun commento:

Posta un commento

Lascia qui il tuo commento all'articolo. Lo leggeremo e cercheremo di pubblicarlo quanto prima. Grazie del tuo contributo al Blog!