domenica 29 dicembre 2013

Se pensi di diventare frate, preparati ad "allargare il cuore"

Cari amici, il Signore vi dia Pace!
Sono in partenza per Assisi per alcuni giorni, per un campo/giovani di fine anno. Porto tutti e ciascuno nel cuore, affidandovi a san Francesco. Vi segnalo anche la corrispondenza intercorsa in questi giorni con Matteo, un giovane (27 anni di Milano) che si interroga sulla vocazione religiosa e sogna di diventare missionario in Africa. Mi chiede che passi fare. Sono certo che questi temi potranno interessarvi. A tutti auguro un buon Nuovo Anno, accompagnati dalla presenza del Signore Gesù. 
frate Alberto
Frati in Ghana
LETTERA DI MATTEO
Ciao Fra Alberto, sono un ragazzo di 27 anni, scusa se ti riscrivo solo ora dopo tanto tempo. Avevamo avuto una breve corrispondenza qualche mese fa che poi avevo interrotta, ma in me è ancora presente e continua il desiderio di diventare frate. Infatti non posso negare il fascino di una scelta come la vostra, di vita ascetica, povera e libera e sento forte il desiderio di aiutare il prossimo. Ho visto la proposta del gruppo San Damiano, ma prima di inserirmi direttamente in questo itinerario, volevo chiederti se era possibile avviare un minimo di discernimento con un frate a me vicino, per capirci qualche cosa di più e avere un orientamento. Io sono di Milano: conosci qualcuno a cui indirizzarmi?
Ti volevo anche chiedere due cose riguardo al discernimento vocazionale e ai percorsi formativi di voi frati: prima di tutto mi interessa sapere se nel Gruppo San Damiano mi sarà possibile inserirmi anche prossimamente ( magari a gennaio o febbraio) o dovrò necessariamente aspettare la sua ripartenza ad ottobre dell'anno prossimo (considerando che il gruppo san Damiano sì è già costituito e sta camminando da qualche mese). Un'altra domanda riguarda un mio sogno che da sempre coltivo: diventare missionario in Africa! In quale fase del percorso formativo (postulato, noviziato ecc. ecc.), mi sarà possibile verificare e forse anche sperimentare questo desiderio? Ma poi, da frate, potrò realizzarlo?
Inoltre, essendo io laureato in Economia e commercio e avendo esperienza in questo campo, come mi sarà possibile mettere al servizio del Bene queste mie competenze? Mi spiacerebbe che questi miei talenti non portassero frutto!! Che ne pensi? Ti ringrazio in anticipo e ti abbraccio fraternamente
Matteo

RISPOSTA DI FRA ALBERTO
Pace e bene a te caro Matteo. Grazie ancora per la fiducia. Certo che mi ricordo di te..ci eravamo sentiti mi pare a giugno. Circa quanto mi chiedi per un discernimento vocazionale, giustamente, prima di iniziare un percorso come il San Damiano , è bene che tu ti confronti con un frate, almeno per avviare una conoscenza e valutare se ci sono  i presupposti, anche da subito, per un itinerario tanto specifico. Con questo confratello, potrai affrontare anche tutte le varie questioni che mi poni, in maniera più approfondita, ma anche parlare di te e della tua storia umana e spirituale soprattutto avere una guida saggia e sapiente che ti accompagni nel discernimento. Da parte mia posso solo dirti che, se il Signore ti chiama alla nostra vita francescana, non devi certo temere: nulla di te ( doni, capacità, professionalità, competenze) verrà perduto o disperso, ma tutto ( se consegnato liberamente al Signore) potrà essere valorizzato e riplasmato , trovando probabilmente vie nuove e forme di impegno anche molto diverse da quelle che ora potresti pensare. Il Signore infatti è sempre decisamente molto più fantasioso e creativo di noi e dei nostri progetti. Vedi per es. la storia del Natale e di come Dio, vada a “scombinare” i piani di un sacco di persone, in primis, Maria e Giuseppe, mostrando loro vie inaspettate e impreviste, chiedendo loro di “allargare il cuore” su orizzonti ben più vasti e inediti; ma questa irruzione di Dio nella loro vita porterà nel mondo il Salvatore, sarà l’inizio di una storia che ancora continua..Che sarebbe avvenuto se avessero voluto trattenere per sè la propria vita e rinchiudersi nei loro progetti pur buoni e umanamente molto comprensibili? Dunque se, stai pensando a diventare frate, preparati ad “allargare il cuore”! Magari ora sogni l’Africa (e fai bene a coltivare questo sogno bellissimo), ma può darsi che il Signore nella tua vita vorrà che tu ti occupi dei poveri di una grande città come Milano o Bruxelles ( è solo un esempio), oppure ti chiederà di seguire una categoria di “poveri” nuova e inaspettata che sono i giovani, oggi così dispersi e soli.... !!!.Chi lo sa!!? Il campo di lavoro di Dio, la sua messe è grande; sarà Lui a dirti di andare a lavorare dove c’è più bisogno, ben sapendo quello che solo tu potrai dare!! Ma di questo, caro Matteo, potrai parlare con il bravo frate che ti indico e che vive in una nostra comunità nella tua città ( Fra Daniele La Pera . Parrocchia/Convento "Immacolata e S. Antonio", Viale Corsica 68 . Milano. mail: danielelp82@live.it ). Ti sarà molto utile il confronto con lui. Se riesci ad incontrarlo in questi giorni natalizi, potresti già valutare con lui la possibilità di partecipare al prossimo Gruppo san Damiano (sei il benvenuto) che sarà a Brescia dal pomeriggio del 11 gennaio al primo pom. di domenica 12. Eventualmente per i dettagli del san Damiano ci sentiamo più avanti. Ora ti saluto e benedico augurando a te e famiglia un Santo Natale e un Anno Nuovo guidato dalla presenza del Signore Gesù . 
Fra Alberto
Frati in Bolivia



Nessun commento:

Posta un commento

Lascia qui il tuo commento all'articolo. Lo leggeremo e cercheremo di pubblicarlo quanto prima. Grazie del tuo contributo al Blog!