martedì 24 settembre 2013

Papa Francesco racconta i suoi 60 anni di Vocazione


Cari amici in ricerca vocazionale,
il Signore vi dia Pace.
Il nostro amatissimo papa Francesco non cessa in questi giorni di stupirci e spronarci nel  realizzare in noi la volontà del Signore, nel dare ascolto alla Sua chiamata. Domenica scorsa, 22 settembre, incontrando i giovani a Cagliari, ha raccontato e dato testimonianza della sua "storia vocazionale" iniziata 60 anni prima. Quando era solo un ragazzo diciassettenne, udì una voce, un richiamo, a cui poi rimase sempre fedele.
Riporto di seguito parte del suo discorso, invitandovi a leggerlo tutto per intero (è davvero stupendo) al sito del Vaticano. Il Papa si pone davanti a noi, nella nostra talvolta faticosa ricerca, come un esempio e un grandissimo aiuto, ripetendoci con forza e amore: "vale la pena FIDARSI di Gesù... guarda sempre a Lui ! Fidati... Fidati... Fidati... Fidati....!!!
Vi benedico. Al Signore Gesù sempre la nostra Lode.


Testimonianza Vocazionale di papa Francesco




«Gettate le vostre reti per la pesca» (v. 4). Cari giovani sardi, la terza cosa che voglio dirvi, e così rispondo alle altre due domande, è che anche voi siete chiamati a diventare “pescatori di uomini”. Non esitate a spendere la vostra vita per testimoniare con gioia il Vangelo, specialmente ai vostri coetanei. Io voglio raccontarvi un’esperienza personale. Ieri ho fatto il 60° anniversario del giorno in cui ho sentito la voce di Gesù nel mio cuore. Ma questo lo dico non perché facciate una torta, qui, no, non lo dico per quello. Ma è un ricordo: 60 anni da quel giorno. Non lo dimentico mai. Il Signore mi ha fatto sentire fortemente che dovevo andare per quella strada. Avevo 17 anni. Sono passati alcuni anni prima che questa decisione, questo invito, fosse concreto e definitivo. Dopo sono passati tanti anni con alcuni successi, di gioia, ma tanti anni di fallimenti, di fragilità, di peccato… 60 anni sulla strada del Signore, dietro a Lui, accanto a Lui, sempre con Lui. Soltanto vi dico questo: non mi sono pentito! Non mi sono pentito! Ma perché? Perché io mi sento Tarzan e sono forte per andare avanti? No, non mi sono pentito perché sempre, anche nei momenti più bui, nei momenti del peccato, nei momenti della fragilità, nei momenti di fallimento, ho guardato Gesù e mi sono fidato di Lui, e Lui non mi ha lasciato da solo. Fidatevi di Gesù: Lui sempre va avanti, Lui va con noi! Ma, sentite, Lui non delude mai. Lui è fedele, è un compagno fedele. Pensate, questa è la mia testimonianza: sono felice di questi 60 anni con il Signore. Ma una cosa di più: andate avanti.

Nessun commento:

Posta un commento

Lascia qui il tuo commento all'articolo. Lo leggeremo e cercheremo di pubblicarlo quanto prima. Grazie del tuo contributo al Blog!