sabato 3 agosto 2013

VIVERE IL VANGELO

Pace e bene cari amici , in ricerca della vocazione del Signore per la vostra vita. Abbiamo ancora negli occhi e nel cuore i gesti e le parole di papa Francesco alla Gmg, con le quali ha invitato tutti i giovani credenti ad impegnarsi e spendersi attivamente per un mondo migliore, in favore di ogni uomo, vivendo radicalmente il Vangelo. Chi poi non ricorda le immagini toccanti della recente visita del papa a Lampedusa e le sue lacrime per le migliaia di morti in quel tratto di mare, attraversato da molti disperati alla ricerca di una vita più decente? E' il Vangelo di Gesù che in realtà, se davvero lo accogliamo, sempre ci provoca e tocca e viene a scardinare le nostre sicurezze, e ci spinge verso il fratello più povero e bisognoso, ci rende attenti e solidali, ci dona sempre coraggio e novità di vita. E' in fondo quello che accade al giovane S. Francesco d'Assisi!! Nel suo desiderio di osservare perfettamente il Santo Vangelo e di conformarsi in tutto al Signore Gesù, saprà superare tabù e paure ataviche, vincere ritrosie e andare oltre comportamenti in quel tempo più che giustificati (come verso i lebbrosi), cercando ovunque di portare la pace. di annunciare la misericordia e l'amore di Dio, mostrandosi  sempre fratello di ogni uomo. Un invito e un esempio che instancabilmente rimanderà ai suoi frati. Un invito e un modello che vogliamo cogliere per la nostra vita. 
benedico tutti. Fra Alberto .

San Francesco e il lebbroso.

Francesco visse in una profonda tensione interiore, sforzandosi di dare ai suoi un esempio coerente di vita cristiana; più volte i compagni menzionarono la sua volontà di essere “modello ed esempio” per i frati, fino a mostrarsi - e non poche volte - apertamente duro con se stesso. Esemplare, a questo proposito, il racconto di un fatto occorso alla Porziuncola, occasionato dall'agire indubbiamente imprudente di fra Giacomo il Semplice. E' forse l'episodio più bello, e più intensamente drammatico, tra tutti quelli riportati nella Compilazione di Assisi e uno dei più belli in assoluto all'interno delle fonti agiografiche su san Francesco.

Frate Giacomo il Semplice aveva condotto alla Porziuncola un lebbroso sfigurato dalle ulceri. Francesco stesso gli aveva raccomandato quei malati; Giacomo, infatti, assisteva i più colpiti e ne curava le piaghe. A quei tempi “i frati restavano nei lebbrosari”. Francesco allora gli si rivolse in tono di rimprovero, dicendogli che non avrebbe dovuto condurre là “i fratelli cristiani” (così egli chiamava i lebbrosi), poichè non era conveniente nè per lui nè per loro. Non voleva, infatti, per ovvi motivi di sicurezza, che frate Giacomo facesse uscire dall'ospedale i più piagati.

Ma non aveva ancora finito di parlare, che subito si pentì di quello che aveva detto e andò a confessare la colpa a Pietro Cattani, soprattutto perchè aveva timore che, rimproverando fra Giacomo, avesse fatto vergognare il lebbroso. Chiese quindi a frate Pietro di non contraddirlo, assegnandogli la penitenza che egli stesso avrebbe indicato, che fu quella di “mangiare nello stesso piatto con il fratello cristiano”.

Non si usavano posate allora, e persone diverse affondavano le mani nello stesso piatto: fu posta, perciò, una scodella tra loro due. Il lebbroso, narrano i testimoni, “era tutto una piaga; le dita, soprattutto, con le quali prendeva il cibo, erano contratte e sanguinolente, così che ogni volta che le immergeva nella scodella vi colava dentro il sangue”. Al veder ciò, frate Pietro e gli altri frati “furono molto rattristati, ma non osavano dir nulla per timore del padre santo”. Ha ragione Raoul Manselli, quando osserva che ciò di cui Francesco si vergogna, non è di aver rimproverato frate Giacomo il Semplice, ma di “aver dato al lebbroso il senso di essere meno che uomo”. Ciò poteva essere superato soltanto con il rendergli di nuovo la sua umana dignità, vale a dire “collocandosi su di un identico piano, nell'unico modo possibile in quella circostanza: mangiando insieme”. Paradossale finchè si vuole, ma evangelico! Sarà bene ricordarsene, soprattutto quando veniamo avvicinati ai semafori da persone che chiedono, alle quali succede a volte che diamo qualche centesimo senza neppure guardarle in faccia e senza far nulla per nascondere il fastidio che ci arrecano...

Felice Acrocca
Storico

2 commenti:

  1. Troppi nella chiesa istituzionale predicano bene e razzolano male: Francescani inclusi.
    Il vangelo non si vive a parole ma con i fatti. I fatti devono essere il seguito di decisioni prese non con la mente ma con lo spirito compassionevole del cuore. La compassione non è pietá.
    Se gli uomini "di chiesa" fossero veri fedeli allora li si dovrebbero vedere in gran numero per le strade a soccorrere e confortare i bisognosi. Dove sono invece?
    Chi dice di avere la vocazione e aver avuto la "chiamata" non può starsene soltanto a pregare tra quattro mura dalla mattina alla sera ma dovrebbe sforzarsi a pensare come togliere dalla povertà i propri fratelli meno fortunati.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Pace a te. Grazie per il tuo pensiero. E' vero, come ci richiama papa Francesco , la chiesa e i cristiani tutti sono chiamati ad essere in uscita, in missione, per le strade.. Non sempre è facile, ma è una strada che tanti percorrono, credimi, anche se forse non in modo eclatante e teatrale come mi pare tu un poco chieda. L'azione della chiesa ( clero e laici..) solitamente passa per altre vie , più nascoste , quotidiane. Basta passare una mattina da una delle nostre parrocchie dove il campanello suona continuamente: la mamma, il marocchino, il barbone, gli sposi. ciascuno chiede una parola, un'attenzione, ognuno ha una richiesta ecc.. Non mi dilungo poi sulle molte attività di cui i cristiani si occupano: basta cercare e chiedere e scoprire come il tessuto di ogni nostra città o quartiere (come nelle missioni..) sia intriso dell'azione benefica e caritativa e gratuita e silenziosa ( senza clamori) di tanti preti e suore e buona gente che si spende in nome di Dio per il prossimo in molteplici settori e ambiti anche alquanto difficili e delicati. Certo...si può sempre fare di più..! Circa il valore della preghiera e il suo primato nella Chiesa, questo è invece indubitabile e irrinunciabile e ad esso nulla va anteposto: senza la preghiera la Chiesa sarebbe una qualsiasi organizzazione sociale e assistenziale.
      fra Alberto

      Elimina

Lascia qui il tuo commento all'articolo. Lo leggeremo e cercheremo di pubblicarlo quanto prima. Grazie del tuo contributo al Blog!