domenica 7 luglio 2013

I novizi francescani da Papa Francesco

Aggiornamento: 
Clicca qui per vedere i momenti in cui Papa Francesco:
- si avvicina ai Vescovi e si notano i Novizi;
- si avvicina ai Novizi francescani;
- prende la parola.

Carissimi,
sta iniziando proprio in questi istanti la S. Messa di Papa Francesco con i novizi/e religiosi e con i seminaristi, che ieri ha incontrato nell'Aula Paolo VI: incontro programmato nell'ambito dell'Anno della Fede.
Dando un'occhiata su YouTube... si nota il tifo "da GMG" che questi giovani in formazione vocazionale hanno fatto. Ben presto ho notato un gruppo familiare: dietro i Vescovi c'erano i nostri Novizi Francescani Conventuali, che stanno vivendo l'«anno della prova» ad Assisi, nel Sacro Convento della Basilica Papale che custodisce il corpo di san Francesco. Dopo i Vescovi il Papa si è avvicinato per salutare qualche anziano (anche una suora anziana, sollevata a braccia da una guardia del corpo, per farla accomodare su una sedia!) e i giovani novizi di Assisi.

E nel suo intervento ha pure citato san Francesco d'Assisi...! «Annunciate il Vangelo sempre. Se fosse necessario, anche con le parole». Il suo bel discorso – tutto da ascoltare – è un inno alla gioia vera del cristiano e del consacrato e al gusto della fraternità cristiana.

Viva il Papa!




Aggiornamento: ore 16.00.

Nella bella omelia di oggi (che puoi leggere integralmente qui), Papa Francesco ha detto cose che riguardano i novizi, ma anche te:
Cari fratelli e sorelle,
[...] Voi siete seminaristi, novizi e novizie, giovani in cammino vocazionale, provenienti da ogni parte del mondo: rappresentate la giovinezza della Chiesa! Se la Chiesa è la Sposa di Cristo, in un certo senso voi ne raffigurate il momento del fidanzamento, la primavera della vocazione, la stagione della scoperta, della verifica, della formazione. Ed è una stagione molto bella, in cui si gettano le basi per il futuro. Grazie di essere venuti!
Poi, commentando la prima lettura, ha ripreso uno dei temi a lui più cari declinadolo per i giovani che lo ascoltavano:
Ogni cristiano e soprattutto noi, siamo chiamati a portare questo messaggio di speranza che dona serenità e gioia: la consolazione di Dio, la sua tenerezza verso tutti. Ma ne possiamo essere portatori se sperimentiamo noi per primi la gioia di essere consolati da Lui, di essere amati da Lui. Questo è importante perché la nostra missione sia feconda: sentire la consolazione di Dio e trasmetterla! Io ho trovato alcune volte persone consacrate che hanno paura della consolazione di Dio, e... poveri, povere, si tormentano, perché hanno paura di questa tenerezza di Dio. Ma non abbiate paura. Non abbiate paura, il Signore è il Signore della consolazione, il Signore della tenerezza. Il Signore è padre e Lui dice che farà con noi come una mamma con il suo bambino, con la sua tenerezza. Non abbiate paura della consolazione del Signore. L’invito di Isaia deve risuonare nel nostro cuore: «Consolate, consolate il mio popolo» (40,1) e questo diventare missione. Noi, trovare il Signore che ci consola e andare a consolare il popolo di Dio. Questa è la missione.
 Poi una cosa importantissima per noi: per me che scrivo e per te che leggi...:
[...] la preghiera. Nel Vangelo abbiamo ascoltato: «Pregate dunque il signore della messe, perché mandi operai nella sua messe» (Lc 10,2). Gli operai per la messe non sono scelti attraverso campagne pubblicitarie o appelli al servizio della generosità, ma sono «scelti» e «mandati» da Dio. E’ Lui che sceglie, è Lui che manda, è Lui che manda, è Lui che dà la missione. Per questo è importante la preghiera.
Le vocazioni nascono dalla preghiera: della comnità cristiana, della fraternità religiosa, dei giovani che si chiedono cosa fare della vita. Anche questo nostro Blog... lungi dal voler essere uno "spazio pubblicitario", vuole essere solo uno strumento che nasce dalla preghiera e porta alla preghiera. Noi ci proviamo... anche voi aiutateci con la vostra preghiera.

Grati al Signore Gesù e... a Papa Francesco, continuiamo il nostro pellegrinaggio della fede e della ricerca della volontà del Signore.

Fraternamente: il Signore ti dia pace! 
frate Francesco

1 commento:

  1. Grazie frate Francesco per questo preziosissimo blog: un vero dono di Dio!
    Il Signore ti benedica e accompagni sempre con la Sua grazia!
    Conta sulle mie preghiere!

    RispondiElimina

Lascia qui il tuo commento all'articolo. Lo leggeremo e cercheremo di pubblicarlo quanto prima. Grazie del tuo contributo al Blog!