giovedì 6 giugno 2013

"6 FASI" del cammino vocazionale

Cari amici "in ricerca", il Signore vi dia pace.

Ricevo molte lettere in cui mi si chiede di chiarire, definire meglio "le fasi" , o "i passaggi" di un cammino vocazionale: "Anche oggi mentre stavo studiando, mentre aspettavo questo amico, mentre stavo andando ad una festa si è ripresentato lo stesso pensiero. In fondo: «Che senso ha la mia vita? E, il Signore, che cosa vuole da me?». Non che tutto questo mi dia fastidio, ma il “toc-toc” alla porta del mio cuore si fa più frequente. Desiderio di dare un senso più profondo a ciò che vivo...Che fare? Come muovermi?  Come capire?".
Vi segnalo di seguito un bel itinerario (in 6 momenti) con il quale confrontarvi e provare a collocarvi e riconoscervi nel vostro discernimento. 
Vi benedico. Al Signore Gesù sempre la nostra Lode.

frate Alberto 
Pellegrini su "il cammino di S. Antonio"
1) PRURITO
Ad un certo punto, nella vita quotidiana di un giovane, tra le mille tonalità delle proprie azioni si fa breccia un pensiero, come la bellezza di un nuovo giorno. Forse ci si pongono quelle considerazioni esistenziali del tipo: «Che senso ha la mia vita? Perché sono nato proprio in questo paese? E poi, che cosa c’è dopo questa vita? Ed io a che cosa sono chiamato? E se ci fosse un altro cammino per me?». Sono pensieri che vanno e vengono, ma ci fanno scoprire nuovi orizzonti e ci incuriosiscono nella ricerca, con colori tenui ed intermittenti.
Sentimento: Normalmente, il sentimento che ci lasciano questi pensieri è la pace del cuore. Forse come quella che in una notte d’estate proviamo al contemplare le stelle del firmamento. Serenità e desiderio di ricerca ulteriore.
Consiglio: Non c’è molto da dire. Nella vita di tutti i giovani ci sono momenti più sensibili, di particolare brillantezza. Certamente se questo pensiero viene dal Signore prenderà più forza e consistenza. Se invece è più passeggero... Passerà come le nuvole nel cielo durante una giornata di vento.

2) INTUIZIONE CRESCENTE
Anche oggi mentre stavo studiando, mentre aspettavo questo amico, mentre stavo andando ad una festa si è ripresentato lo stesso pensiero. In fondo: «Che senso ha la mia vita? E, il Signore, che cosa vuole da me?». Non che tutto questo mi dia fastidio ma il “toc-toc” alla porta del mio cuore si fa più frequente. Desiderio di dare un senso più profondo a ciò che faccio e a ciò che vivo. Desiderio di dare peso alle mie azioni e non voler buttare via troppo tempo. Insomma, un dinamismo nuovo percorre le vene della mia gioventù. Interessi, incontri, ricerche, emozioni. Tutto scorre più veloce.
Sentimento: Molto spesso mi accompagna un certo senso di insoddisfazione e di vuoto: «Vale la pena fare ciò che sto facendo? Mi sembra di perdere troppo tempo e troppe occasioni. Mi sembra di non essere al posto giusto. E gli altri, che cosa posso fare per loro?». Subentra un’ inquietudine sul senso da dare alla propria vita. Molta curiosità e voglia di fare.
Consiglio: Se questa sensazione continua intensifica la preghiera. Se viene da Dio tornerà la pace. Vivi con più costanza la tua vita sacramentale. Cerca ogni giorno uno spazio di intimità con il Signore e di contemplazione. Molti cammini vocazionali hanno incontrato in Maria una grande compagna ed amica di viaggio. È il caso di aprire un capitolo speciale con il tuo padre spirituale, il confronto porta sempre chiarezza. Se questa fiammella non si spegne si manifesterà sempre di più ed illuminerà maggiormente te e chi ti sta attorno.

3) LA NEBBIA 
È il momento in cui il ragazzo o la ragazza si sente smarrito. Non capisce più nulla. Come se improvvisamente si perdessero i punti di riferimento. Un sentimento di stizza verso il giorno in cui è cominciato tutto. Quasi si prova invidia verso i propri coetanei che «sono “normali” e non si fanno tante paranoie come invece succede a me». È una fase sofferta che posso riempire di rumori, di mille cose da fare, mille esperienze da vivere... Mille sotterfugi e corse lontano.
Ma poi, quando la musica dello stereo si spegne, quando rientro nella stanza del mio cuore... Sento ancora bussare alla porta. È a questo punto che molti si fermano. Rinunciano al dono di fare chiarezza, di sentirsi “liberi dentro”. C’è un errore di fondo in questo atteggiamento: pensare che tanto ho ancora molto tempo di fronte a me. «Non c’è poi così fretta. “Non muore nessuno”. Posso anche, per il momento, prendermi una vacanza, lasciare momentaneamente questo cammino. Oltretutto, Dio è eterno!».
Sentimento: Nasce dentro di noi un duplice atteggiamento: da una parte quello di lasciare perdere tutto; dall’altro quello di voler ritrovare quella pace e quella serenità che all’inizio mi dava così tanto ottimismo e voglia di cercare. Sentimento di non trovare il Signore o se prego di sentire con più forza la realtà di un progetto che mi fa tanta paura.
Consiglio: Non disperare, non chiedere sconti a Dio. Non pretendere che i suoi cammini scivolino in accomodamenti personali o scorciatoie. Il Signore è il primo interessato affinché la vita di ciascuno di noi sia nella pace e trovi il senso più giusto. La nebbia, prima o poi, svanirà. Può essere maturato il tempo per fare un “corso di discernimento vocazionale”. Non basta più un ritiro o un fine settimana di preghiera. Non aver paura di aprire la porta del cuore e abbi il coraggio di vedere dentro. Abbiamo bisogno di chiedere il dono della fede e di “fidarci” di Lui. È vero, la mia “possibile” chiamata rimane sfuocata, ma sono già in possesso di più indizi di quanto non creda.

4) TORNA A SPLENDERE IL SOLE
Nella sofferenza c’è anche una purificazione interiore che fa maturare il mio cuore e la mia vita. Un raggio di sole riscalda le mie certezze e brilla più forte lo splendore della Sua luce dandomi un respiro più sereno. Con la chiarezza la volontà di Dio mi può indicare due cammini possibili, due strade precise: o ritornare alla via del matrimonio; o percepire, effettivamente, che ciò che ho sentito viene da Lui che mi chiama, chiedendo la mia vita.
Sentimento: In questo momento il giovane si sente ancora un po’ a disagio. Nasce un senso di timore, di ribellione. Continua a dire di “non vedere”. Spesso si usano queste parole quasi come un senso di autodifesa: «Non sento niente!». Questo atteggiamento invade la nostra anima perché si considerano soltanto alcuni aspetti di questa realtà vocazionale, quelli negativi: “Devo” lasciare i miei progetti, le mie cose, i miei studi, la ragazza, gli amici... Vorrei non vedere più nulla, mentre invece ci vedo benissimo!
Consiglio: L’aprire i propri orizzonti è sempre un aiuto valido. Se ci si fissa soltanto su ciò che si lascia, come conseguenza della risposta a Cristo, non si va più avanti. Allargare gli orizzonti significa relazionare la propria vita a Dio, mettersi nelle sue coordinate, aperti al mondo, agli altri ed alla eternità. Avere una grande fiducia nel Signore e non stancarsi di pregare. Occhio al razionalismo che ci impedisce di avere fede in Colui che chiama. La fede non è cieca e non è neppure “irrazionale”.

5) LA CRISI
È un momento di per sé positivo. È il momento delle scelte radicali. Un momento che appartiene a Dio e a te. Nella preghiera si ricevono tante luci e tante grazie, e si dondola tra una intimità con il Signore e una apatia personale che non si sopporta più. Il problema potrebbe essere disposto in questi termini: «Dio mi chiama, ed io che cosa voglio rispondere?». Non si tratta di sapere che cosa devo fare, lo so molto bene. Si tratta di decidere se lo voglio vivere! Entra in campo, a questo punto, la mia generosità.
Sentimento: La tranquillità deriva da una forte grazia del Signore. Tu e Dio soltanto. Il disagio nasce proprio dal dilemma: apertura o chiusura? Si sente il bisogno di pace, ma non la si ottiene rimandando il problema nel tempo, rinunciando ad una determinazione.
Consiglio: Qui il direttore spirituale ci può soltanto accompagnare da lontano, aspettare e pregare per noi. Conviene chiedere più fiducia, più speranza ed amore cioè, i doni più forti che il Signore, attraverso lo Spirito Santo, ci può dare. Mi aiuta contemplare l’atteggiamento di Gesù Cristo nel compiere per amore la volontà del Padre, come nella scena della preghiera nell'Orto degli Ulivi. Consiglierei molta preghiera e l’ascolto silenzioso di fronte al Tabernacolo, chiedendo il dono di fare una esperienza forte del Signore. Qui ritornano le parole dette all’inizio di queste riflessioni: “Nessuno ama chi non conosce e nessuno segue chi non ama”.

6) ACCETTAZIONE - RIFIUTO
Dio lascia l’uomo libero. Siamo al capolinea: si risponde solamente per amore. Il giovane non può più dire “Non vedo bene”, semmai può ripetere sottovoce «Non voglio!».
Alle volte sento nel cuore dei ragazzi questa inquietudine: «Ma allora, se non seguo il Signore, mi condannerò?». A me viene in mente il finale tragico dell’incontro del giovane ricco con Gesù. Il vangelo non ci dice che questo giovane si condannò, ci dice soltanto che i suoi passi, allontanandosi, si appesantirono sempre più nella tristezza. Rimane per sempre un “vuoto” che nessun altro potrà colmare. Chiamati per amore a per amare, Dio fissa per noi un senso e una missione, fonte di pace e di felicità.

Se ci si lascia guidare dalla sua Grazia e si mollano gli ormeggi, la gioia della partenza riempie completamente i nostri cuori.




Link utili:

2 commenti:

  1. perchè attenzionare solo i giovani nella ricerca della fede? le persone anziane ne hanno più bisogno, non foss'altro perchè hanno meno tempo davanti a loro per cercare ed ottenere la pace in Cristo Gesù. Per i giovani, molto probabilmente ci saranno altre occasioni; anche da anziani...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. pace e bene...Comprendo l'osservazione, ma il blog è rivolto principalmente ai giovani in ricerca vocazionale. per gli adulti vi sono tante altre opportunità di crescita e verifica spirituale: basta cercare...anche nella sua parrocchia o diocesi!
      la benedico. fra alberto

      Elimina

Lascia qui il tuo commento all'articolo. Lo leggeremo e cercheremo di pubblicarlo quanto prima. Grazie del tuo contributo al Blog!