domenica 10 febbraio 2013

Sulla tua parola getterò le reti

Domenica 10 Febbraio 2013
V Domenica del Tempo Ordinario - Anno C

Dal Vangelo di Luca (5,1-11).
Un giorno, mentre Gesù, levato in piedi, stava presso il lago di Genèsaret e la folla gli faceva ressa intorno per ascoltare la parola di Dio, vide due barche ormeggiate alla sponda. I pescatori erano scesi e lavavano le reti. Salì in una barca, che era di Simone, e lo pregò di scostarsi un poco da terra. Sedutosi, si mise ad ammaestrare le folle dalla barca. 
Quando ebbe finito di parlare, disse a Simone: «Prendi il largo e calate le reti per la pesca». 
Simone rispose: «Maestro, abbiamo faticato tutta la notte e non abbiamo preso nulla; ma sulla tua parola getterò le reti». E avendolo fatto, presero una quantità enorme di pesci e le reti si rompevano. 
Allora fecero cenno ai compagni dell'altra barca, che venissero ad aiutarli. Essi vennero e riempirono tutte e due le barche al punto che quasi affondavano. 
Al veder questo, Simon Pietro si gettò alle ginocchia di Gesù, dicendo: «Signore, allontanati da me che sono un peccatore»
Grande stupore infatti aveva preso lui e tutti quelli che erano insieme con lui per la pesca che avevano fatto; 
così pure Giacomo e Giovanni, figli di Zebedèo, che erano soci di Simone. Gesù disse a Simone: «Non temere; d'ora in poi sarai pescatore di uomini». Tirate le barche a terra, lasciarono tutto e lo seguirono. 


Dio, non guarda tanto alle qualità degli eletti, ma alla loro fede...
La debolezza umana non deve far paura se Dio chiama... 
(Benedetto XVI)

Ecco alcune "indicazioni sulla vocazione", che il Papa ha suggerito all'Angelus di oggi, commentando il Vangelo della chiamata dei primi discepoli e la pesca miracolosa :
Cari fratelli e sorelle!
Nella liturgia odierna, il Vangelo secondo Luca presenta il racconto della chiamata dei primi discepoli (...) Mentre infatti la folla si accalca sulla riva del lago di Gennèsaret per ascoltare Gesù, Egli vede Simone sfiduciato per non aver pescato nulla tutta la notte. Dapprima gli chiede di poter salire sulla sua barca per predicare alla gente stando a poca distanza dalla riva; poi, finita la predicazione, gli comanda di uscire al largo con i suoi compagni e di gettare le reti (cfr v. 5). Simone obbedisce, ed essi pescano una quantità incredibile di pesci. In questo modo, l'evangelista fa vedere come i primi discepoli seguirono Gesù fidandosi di Lui, fondandosi sulla sua Parola, accompagnata anche da segni prodigiosi. Osserviamo che, prima di questo segno, Simone si rivolge a Gesù chiamandolo «Maestro» (v. 5), mentre dopo lo chiama «Signore» (v. 7). E' la pedagogia della chiamata di Dio, che non guarda tanto alle qualità degli eletti, ma alla loro fede, come quella di Simone che dice: «Sulla tua parola getterò le reti» (v. 5).
(...) Il testo odierno fa riflettere sulla vocazione al sacerdozio e alla vita consacrata. Essa è opera di Dio. L'uomo non è autore della propria vocazione, ma dà risposta alla proposta divina; e la debolezza umana non deve far paura se Dio chiama. Bisogna avere fiducia nella sua forza che agisce proprio nella nostra povertà; bisogna confidare sempre più nella potenza della sua misericordia, che trasforma e rinnova. (Benedetto XVI)

Dunque caro amico in ricerca 
e forse 
"in ansia" vocazionale: 

FIDATI...

FIDATI...

FIDATI...

FIDATI....

FIDATI...

FIDATI...

FIDATI...

2 commenti:

  1. caro fra Alberto,
    ci siamo sentiti non troppo tempo fa per email, sono Alessandro. Sono rimasto molto colpito da questo passo del vangelo, non essendo potuto recarmi in chiesa in orario, oggi ho solo ritirato il periodico "la nostra Pasqua domenicale" che distribuiscono la domenica in chiesa (e scritto se non erro proprio da francescani!).
    Ivi era riportata, tra le altre letture, proprio questo passo del vangelo che ammetto, nel momento della lettura, mi ha commosso moltissimo.
    Non era la prima volta che sentivo queste parole, ma forse perchè sono vicino ad una svolta importante nella mia vita, questa volta mi hanno colpito particolarmente, ne ho compreso appieno il significato e quel preciso istante è stato meraviglioso.
    A volte penso a quanto i ragazzi della mia età si perdano nel trascurare questi insegnamenti, cose che anche io fino a qualche tempo fa tralasciavo preso dal correre della vita, ma basterebbe così poco, fermarsi un attimo, riflettere e gioire di tutto ciò che ci è stato donato tramite queste poche e semplici parole.

    mi scuso come sempre per una poca eventuale chiarezza del mio post ma ho il difetto di scrivere di getto, la trovo l'unica vera espressione di sincerità.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie caro Alessandro...E' vero, come dici tu, basterebbe fermarsi un attimo....
      ciao. ti benedico. frate alberto

      Elimina

Lascia qui il tuo commento all'articolo. Lo leggeremo e cercheremo di pubblicarlo quanto prima. Grazie del tuo contributo al Blog!