mercoledì 22 agosto 2012

I frati francescani e l'Immacolata - la Beata Vergine Maria Regina

Pace e bene a voi tutti cari giovani amici in ricerca della vocazione del Signore per la vostra vita!,
A pochi giorni dall'Assunta, si celebra oggi in tutta la Chiesa un'altra bella  festa mariana.  La Santissima Vergine è onorata con il titolo di Regina! Fu il Papa Pio XII ad istituirla nel 1955. Con questo titolo in realtà la Madonna era già da secoli venerata nella Cristianità e nell'Ordine Francescano; lo stesso San Francesco così la designò in una sua preghiera che vi propongo di seguito. Il Poverello di Assisi, autentico "cavaliere del Gran Re", come talvolta gli piaceva appellarsi, amò di un amore tenerissimo la Vergine e sempre riversò alla sua Regina una tenerissima devozione. Su questa scia si delineerà nei secoli, il costante affetto dei Frati  Francescani verso la loro Madre Santissima, verso l'Immacolata, la Regina dell'Ordine Serafico. Anche Sant'Antonio, come San Francesco, fu un appassionato amante di Maria. Nei suoi Sermoni ha bellissime parole di lode nei confronti della Madre del Signore quando spesso la chiama : "Signora nostra, speranza nostra". San Bonaventura dirà che “il Nome di Maria non può nominarsi senza che chi lo nomini non ne riceva qualche Grazia”.
Un francescano dunque non è tale se non ama e non venera in modo particolarissimo la Madonna. Nel nostro tempo, testimone straordinario di questo fu P. Massimiliano Kolbe, il frate Minore Conventuale (della mia famiglia religiosa)martire ad Auschwitz  che all'Immacolata affidò l'intera sua esistenza; a lui la fondazione della "Milizia dell'Immacolata" (con altri frati Conventuali) e della famosa rivista "Il Cavaliere dell'Immacolata", due opere che rivelano anche nella terminologia il totale affidamento "cavalleresco" che contraddistinse P. Kolbe verso la sua "Regina".
Dunque caro amico in ricerca vocazionale, se forse sogni di diventare frate francescano, ricorda di confidare sempre con affetto di figlio, e con spirito "da cavaliere" nei confronti della beata Vergine Maria, l'Immacolata e Regina dell'Ordine Francescano. 
A Lei questa sera affido ciascuno di voi. frate Alberto da Padova

Padova-Basilica del Santo: La veneratissima "Madonna del Pilastro"

Lode alla Signora santa Regina.
Saluto alla Vergine di S. Francesco d'Assisi
"Ave, Signora santa Regina, santissima genitrice di Dio, Maria,
che sempre sei Vergine perpetua ed eccelsa,
fatta santa ed eletta dal santissimo Padre del cielo,
che Egli consacrò col santissimo, diletto Figlio suo
e con lo Spirito Santo Paraclito,
nella quale fu ed è ogni pienezza di grazia ed ogni bene.
Ave, o suo palazzo! ave, o suo tabernacolo!
ave, o sua casa! ave, o sua veste!
ave, o sua ancella! ave, o madre sua!
E voi tutte con essa, sante virtù,
che per la grazia e la luce dello Spirito Santo
siete infuse nei cuori degli uomini fedeli,
affinché d'infedeli li facciate fedeli a Dio"

E di seguito vi propongo anche l'antica preghiera del "SALVE REGINA", nella classica musica gregoriana. Vi invito a cantarla insieme al nostro amato Papa, Benedetto XVI.


Salve, Regina, Mater misericordiae,
vita, dulcedo, et spes nostra, salve.
Ad te clamamus, exsules filii Evae,
ad te suspiramus, gementes et flentes
in hac lacrimarum valle.
Eia ergo, advocata nostra, illos tuos
misericordes oculos ad nos converte.
Et Iesum, benedictum fructum ventris tui,
nobis, post hoc exilium, ostende.
O clemens, O pia, O dulcis Virgo Maria.

"Salve, Regina, Madre di misericordia;
vita, dolcezza e speranza nostra, salve.
A Te ricorriamo, esuli figli di Eva;
a Te sospiriamo, gementi e piangenti
in questa valle di lacrime.
Orsù dunque, avvocata nostra,
rivolgi a noi gli occhi
tuoi misericordiosi.
E mostraci, dopo questo esilio, Gesù,
il frutto benedetto del Tuo Seno.
O clemente, o pia,
o dolce Vergine Maria!"

Nessun commento:

Posta un commento

Lascia qui il tuo commento all'articolo. Lo leggeremo e cercheremo di pubblicarlo quanto prima. Grazie del tuo contributo al Blog!