lunedì 6 agosto 2012

I frati francescani amano il Papa e la Chiesa cattolica.

Pace e bene a voi cari amici in ricerca della vocazione del Signore per la vostra vita. Nei giorni scorsi, mi trovavo ad Assisi per vivere una settimana di Esercizi spirituali Vocazionali. Fra le molte riflessioni proposte da P. Giancarlo Paris (rettore del postulato francescano di Brescia), mi ha molto colpito una sua  catechesi sulla Chiesa e sull'amore per essa che sempre caratterizzò S. Francesco (a differenza di altri riformatori del tempo, che invece  si staccarono da essa preferendo derive autonome ed ereticali, come Pietro Valdo..). Su questo tema vorrei che sia chiarissimo a tutti che noi Frati francescani, nella scia del nostro padre S. Francesco, amiamo di un amore tenero e filiale la Santa Chiesa ( "nostra madre" e "sposa di Cristo" la definisce  Francesco) e ubbidiamo con reverenza e rispetto al Papa quale Vicario di Cristo e ai suoi sacerdoti! Non esistono per noi francescani slogan assurdi, eppure diffusi fra molti cristiani, della serie: " Cristo Sì-Chiesa No!"
"E di fronte agli scandali e ai peccati , come la mettiamo?", qualcuno potrebbe dirmi!! A questi rispondo prima di tutto che la Chiesa, specie in questo nostro tempo,  ha anche molti nemici pronti a screditarla e additarla ad ogni minimo errore. Certo non mancano nella storia anche i peccati e le mancanze di alcuni suoi membri (è fatta di uomini!), insieme però ad una immensità di bene che spesso qualcuno vorrebbe nascondere. Già nell'antichità del resto, si parlava della Chiesa come "santa" e contemporaneamente "meretrice-prostituta": perchè realtà allo stesso tempo divina e umana. A questa Chiesa, Gesù ha consegnato il suo messaggio di salvezza e di amore, che pur fra molti ostacoli e fatiche e proprio attraverso di essa, ancora rifulge e si diffonde ad ogni uomo.
A ciascuno rilancio pertanto l'invito ad AMARE la Chiesa e il Papa,  a pregare quotidianamente per essa e i suoi membri (il Papa, i sacerdoti , ma anche per tutti i laici che ne fanno parte), a pregare dunque anche per la sua conversione, lasciandoci però ancora provocare dalle parole che scossero Francesco: " va e ripara la mia Chiesa..che cade in rovina".  Come a dire: Caro giovane cristiano che leggi questo blog...smettila di lamentarti e magari di puntare il dito o talvolta di prendere ad alibi le mancanze della Chiesa forse anche per fare i tuoi comodi e condurre la tua vita come ti va. La Chiesa infatti sei anche tu! Essa sarà  migliore se tu lo vorrai, se anche tu ti spenderai per il Vangelo, se anche tu lotterai perchè essa diffonda il buon profumo di Cristo, se per le tue mani giungerà il perdono e l'eucarestia e dunque l'amore e la carità..se  si alzerà la tua preghiera, se dal tuo donarti  giungerà una parola di giustizia, un sorriso e una mano tesa a chi è povero nel corpo e nello spirito. La Chiesa è stata ed è grande e sempre lo sarà, per la Grazia del suo Signore Gesù e per l'offerta di sè generosa e ardente di tanti uomini e donne e giovani che l'hanno amata e onorata con le proprie vite! Pensaci!
Il Signore vi benedica. A Lui ogni lode e onore. Frate Alberto da Padova
Basilica di san Francesco - Giotto: S. Francesco sostiene la Chiesa che sta rovinando

Nessun commento:

Posta un commento

Lascia qui il tuo commento all'articolo. Lo leggeremo e cercheremo di pubblicarlo quanto prima. Grazie del tuo contributo al Blog!