sabato 14 aprile 2012

15 aprile 2012
Seconda Domenica di Pasqua
Domenica in Albis
Domenica della Divina Misericordia

metti qui il tuo dito..
“Otto giorni dopo…venne Gesù….. Poi disse a Tommaso: ‘Metti qua il tuo dito e guarda le mie mani,…, non essere incredulo ma credente!’.
Gli rispose Tommaso: ‘Mio Signore e mio Dio!’ “ (Gv 20,26-28).

Quanti scalini, quanti passi, uno dopo l’altro, dovrà fare il mio seguirti incerto e vacillante, Signore Gesù, per vedere con gli occhi della fede senza pretendere di vedere con quelli della carne?
Signore Gesù, vieni ancora incontro alla mia povera e piccola fede perché anch’io ti dica, in comunione con Tommaso e con la Chiesa raccolta nel tuo nome: “Mio Signore e mio Dio!”
mio Signore e mio Dio
La domenica odierna è detta in albis (depositis) in quanto nella Chiesa antica era il giorno in cui coloro che avevano assunto la veste battesimale (in latino alba) nella notte di Pasqua, quale segno esteriore della nuova dignità di figli di Dio e membri della Chiesa, potevano toglierla dopo averla indossata per una settimana.
Il beato Giovanni Paolo II ha stabilito che questa domenica fosse dedicata particolarmente al culto di Gesù Cristo adorato quale Divina Misericordia del Padre che nel Figlio ci ha tanto amati.
Buona domenica dai frati francescani della Basilica del Santo e da fra Alberto!


Foto: siamo a Lourdes, presso la basilica del Rosario recentemente abbellita all’esterno dai mosaici del gesuita p. Marko Rupnik.

Nessun commento:

Posta un commento

Lascia qui il tuo commento all'articolo. Lo leggeremo e cercheremo di pubblicarlo quanto prima. Grazie del tuo contributo al Blog!