venerdì 28 gennaio 2011

Vita da frati: Giacomo Bulgaro, il poverello di Brescia


L'ultima settimana di gennaio ricorrono gli anniversari di nascita (29/01/1879) e di morte (27/01/1967) del servo di Dio fra Giacomo Bulgaro, minore conventuale. Un umile fraticello che con la sua semplicità e povertà fece risplendere l'ideale francescano nella sua città, Brescia. In molti ancora lo ricordano nel suo ruolo di portinaio del convento: accogliente, mite e premuroso specie con gli ultimi e i più poveri che in tanti accorrevano a chiedere un sostegno (anche solo un piatto di minestra) specie negli anni del triste e tragico dopoguerra. Esperto ciabattino, lavoro che aveva svolto da laico, si ritroverà a sistemare le calzature di tanti ma, soprattutto come santo e devoto religioso, conforterà e sosterrà e darà speranza ai molti che necessitavano piuttosto di "riaggiustare" il cuore e lo spirito.
Autentico innamorato del Signore, la sua testimonianza di fede ancora attrae e stupisce così che numerosi devoti quotidianamente visitano la sua tomba, da dove continua a trasmettere ed ofrrire i segni della grazia e della misericrdia di Dio.
Nel suo diario sono state ritrovate delle preghiere splendide. Di seguito ne trascrivo una stupenda.

UN CUORE SOLO
O mio Dio, io ti amo, ti amo, ti amo. Tu sei la mia vita, la mia gioia, il mio conforto, sei mio sostegno, mia guida e mia luce: tutto tu sei per me, o mio dio. Fa che il mio piccolo cuore sia tutto tuo, tutto tuo, e che niente abbia mai a separarlo da te. Fa che il mondo sia un nulla per me e che solo tu sia tutto per me. O mio Signore Gesù, fa che il tuo cuore sia mio e il mio sia tuo; che io possa amarti d’un amore degno di te e che il mio cuore e il tuo siano un cuore solo, ora e nell’eternità. Così sia. 

Per altre informazioni circa fra' Giacomo Bulgaro visita il sito ufficiale.

=====================================

Se desideri un contatto personale con un frate francescano, scrivi a: fra.alberto@davide.it

2 commenti:

  1. Pace e Bene a tutti voi fratelli. Io sono un giovane ragazzo di 18 anni, in questi ultimi tempi mi sento molto confuso come se la mia vita vuole cambiare per dedicarmi solo al Signore. Ancora sono giovane e sono anche fitanzato, ma ho paura che non è questa la mia vita. Le tentzioni sono terribili.

    RispondiElimina
  2. pace a te caro fratello "giovane ragazzo un pò confuso". Scusa il ritardo con cui ti rispondo..Vorrei prima di tutto invitarti a scoprire la gioia di essere amato dal Signore, un amore che è più grande dei nostri peccati e miserie..Inoltre..se hai qualche interrogativo o domanda vocazionale che desideri approfondire, scrivimi alla mia mail personale. Sarò contento di risponderti e darti una mano. Il Signore ti benedica e protegga. ciao frate Alberto
    mail: fra.alberto@davide.it

    RispondiElimina

Lascia qui il tuo commento all'articolo. Lo leggeremo e cercheremo di pubblicarlo quanto prima. Grazie del tuo contributo al Blog!