giovedì 20 gennaio 2011

E tu...chi dici che io sia?

Essendo giunto Gesù nella regione di Cesarèa di Filippo, chiese ai suoi discepoli: «La gente chi dice che sia il Figlio dell’uomo?». Risposero: «Alcuni Giovanni il Battista, altri Elia, altri Geremia o qualcuno dei profeti». Disse loro: «Voi chi dite che io sia?». Rispose Simon Pietro: «Tu sei il Cristo, il Figlio del Dio vivente». (Mt 16,13-16)


Gesù è in un certo senso un antesignano dei sondaggisti, come dimostra l’episodio riportato da tutti e tre i vangeli sinottici (Mt 16,13-16, Mc 8,27-30; Lc 9,18-21), nel quale interpella gli apostoli per sapere cosa la gente pensasse di lui. Non è che gli prema di misurare il livello della sua “audience”, ma piuttosto di verificare quanto i discepoli hanno colto della sua identità. In effetti i Dodici ne hanno sentite tante sul loro Maestro: c’è chi lo ritiene Giovanni Battista, chi Elia, chi un altro dei profeti. Non si può dire che egli non sia popolare, visto che tutti si sono fatti un’opinione su di lui...Ma c’è un “ma”, perché a questo punto Gesù chiede: «Ma voi chi dite che io sia?». Gesù provoca i suoi ad una risposta che sia diversa rispetto a quella dell’opinione pubblica, una risposta più intima, più personale, non condizionata dal sentito dire, ma frutto della loro conoscenza e del loro amore. E in effetti la risposta di Pietro, che si fa portavoce di tutti, va in controtendenza ed è un vero salto mortale nel mistero: «Tu sei il Cristo, il Figlio del Dio vivente». Egli fa una sintetica professione di fede, che coglie non solo la straordinarietà di Gesù, ma anche la sua unicità, lasciandosi guidare da un’illuminazione divina. Dopo Pietro tanti si sono lasciati interpellare da questa domanda, perché il cammino di fede non può prescindere da essa. Non si può essere cristiani senza un rapporto personale con il Signore, senza dirsi chi è Lui per me, e chi sono io per lui. Ogni risposta, però, suona vuota, se non tocca la mia vita, se non esprime quanto mi sono messo in gioco con lui e per lui. Perciò, non si tratta tanto di consultare il catechismo, o altri libri (anche se questo mi aiuta ad approfondirne sempre più la conoscenza), ma ciò che di Lui porto scritto dentro di me. Infatti Cristo non è ciò che dico di lui, ma ciò che vivo di lui; non le mie parole, ma la mia passione...
Lasciamoci, dunque, interpellare oggi dalla domanda di Gesù: «Ma tu, chi dici che io sia?»
=====================================================
P.S. San Francesco chiedeva spesso nella preghiera: «Chi sei tu, Signore? E chi sono io?». Dopo l’esperienza delle stimmate sul monte della Verna, dal suo cuore innamorato, uscirà questa splendida risposta:
Tu sei santo, Signore solo Dio, che compi meraviglie.
Tu sei forte, Tu sei grande, Tu sei altissimo, 
Tu sei onnipotente, Tu, Padre santo, re del cielo e della terra.
Tu sei trino e uno, Signore Dio degli dèi, 
Tu sei il bene, ogni bene, il sommo bene, 
Signore Dio vivo e vero.
Tu sei amore e carità, Tu sei sapienza, 
Tu sei umiltà , Tu sei pazienza, 
Tu sei bellezza, Tu sei sicurezza, Tu sei quiete.
Tu sei gaudio e letizia, Tu sei la nostra speranza, 
Tu sei giustizia e temperanza, 
Tu sei tutto, ricchezza nostra a sufficienza. 
Tu sei bellezza, Tu sei mansuetudine. 
Tu sei protettore, Tu sei custode e difensore, 
Tu sei fortezza, Tu sei rifugio.
Tu sei la nostra speranza, Tu sei la nostra fede, 
Tu sei la nostra carità, Tu sei tutta la nostra dolcezza, 
Tu sei la nostra vita eterna, 
grande e ammirabile Signore, 
Dio onnipotente, misericordioso Salvatore.


tratto da www.giovani.org - di suor Nella Letizia

Nessun commento:

Posta un commento

Lascia qui il tuo commento all'articolo. Lo leggeremo e cercheremo di pubblicarlo quanto prima. Grazie del tuo contributo al Blog!