martedì 9 febbraio 2010

cosa fa un frate?



Brescia : giovani al Gruppo san Damiano
 Cosa fa un frate? Come passa la sua giornata?
Queste domande ultimamente mi stannno arrivando sempre più numerose insieme ad altre a dir poco folcloristiche e fantasiose, della serie: " è vero che i frati vanno a letto alle 20,00 di sera?; oppure: "è vero che non potete mai uscire dal convento?"; oppure: "è vero che passate la vostra giornata, e anche la notte, solo a pregare e niente altro?"; oppure: "fate ancora obbedienza cieca ai superiori?", oppure: "è vero che un frate deve essere sempre serio e triste?"...e così via..
Per cercare di chiarire almeno un poco la nostra vita, ecco alcune note che spero possano essere utili.
========================================

Qual'è il fondamento della vita di un frate ?
La vita di un frate è una vita (pur con tutti i nostri limiti personali) molto bella e gioiosa perchè segnata dal "voler bene": al Signore e ai fratelli.
Amare come ha fatto Gesù è dunque la Regola..., il Vangelo perciò la nostra "Magna Charta".
Al Vangelo infatti si ispira S. Francesco quando pensa "una forma di vita" da dare ai suoi seguaci.
Tutto è dunque legato a questo "amare" che si manifesta in uno stile molto particolare fatto da un vivere in comunità, da fratelli, mettendo ogni cosa in comune , vivendo in semplicità, e dedicandoci così prima di tutto alla preghiera, al servizio agli altri, ai poveri..
Per tali motivi il frate è davvero un uomo libero per il suo Signore e per il prossimo.

Di cosa si occupa concretamente un frate ?
Un frate può occuparsi davvero di tutto, purchè resti sempre fedele alla regola base di VIVERE IL VANGELO in modo radicale.
Per conoscere di più la nostra vita, vedi alcuni dei seguenti siti che illustrano alcuni nostri campi di azione (ma ve ne sono moltissimi altri), dove scoprirai che :
= ci sono frati (come il sottoscritto) che per es. si occupano di giovani e lavorano per loro e la loro maturazione umana e cristiana:
http://www.riparalamiacasa.it/
= altri frati curano i malati e i disabili : http://www.villaggiosantantonio.it/
= altri ancora si occupano di ragazzi tossicodipendenti e di persone affette da schiavitù fisiche e psichiche (alcolismo..): http://www.comunitasanfrancesco.org/index.php?pg=cms&ext=p&cms_codcms=55
= altri stanno in grandi santuari come la basilica di S.Antonio o san Francesco in Assisi: qui si confessa moltissimi pellegrini, si celebra per essi l'eucarestia; si accoglie, si ascolta e si benedice, si consola.. http://www.basilicadelsanto.org/
= altri frati studiano, scrivono, stampano libri e riviste (per es. Il Messaggero di S. Antonio) per aiutare le persone a pensare, riflettere e maturare: http://www.messaggerosantantonio.it/
= altri frati (moltissimi) sono in tanti paesi del mondo come missionari; vedi qui dove siamo presenti: http://www2.ofmconv.pcn.net/it/
= altri sono impegnati con stile "francescano" in molte parrocchie, condividendo da vicino le gioie e i dolori e le sofferenze della loro gente, eccone qui una in Veneto :http://www.parrocchiasacrocuore.net/
...e così via.........
dunque c'è spazio per tutti ....!!!!

Le differenze con gli altri ordini o i preti diocesani ?
Sono molte: ne accenno una essenziale che viene dal nostro stesso nome. Il FRATE è chiamato a vivere la sua vocazione religiosa da FRATELLO e dunque mai da solo. Egli sempre condivide, vive, ed è accompagnato da una fraternità, sta insieme ad altri fratelli..nello stile semplice e umile di san Francesco (ci si prova!!).

Com'è la giornata tipo di un frate ?
A questa domanda è difficile dare una risposta univoca. La giornata infatti è molto diversa e varia in base all'ambiente e alle situazioni concrete in cui il frate è chiamato a vivere. Un conto infatti è essere in una parrocchia, altro in una chiesa conventuale, altro a scuola, altro in un seminario, oppure se si gestisce un'opera di carità, o in missione...ecc..Certamente il perno della giornata del frate è sempre : la preghiera!
Riporto qui (a mò di esempio)  l'orario base , con gli appuntamenti comunitari di preghiera, dei Frati della Basilica del Santo (Pd).
*ore 6.55: Preghiera dell'Ufficio-lodi mattutine
*ore 7,40: S. Messa comunitaria
*ore 12,15: Preghiera con salmi-Ora media
*ore 19,00: Preghiera: Meditazione-Vespri-Compieta
Nelle rimamanenti ore, ciascun frate si occupa della propria mansione, in base ad un calendario e tempi ben definiti: chi confessa, chi celebra, chi fa le guide, chi accolgie i pellegrini, chi si occupa della sacrestia e pulizie..ecc..Il lavoro certo non manca per nessuno (e siamo più di 60 frati) in questa basilica dove passano quasi sei milioni di pellegrini l'anno!!!

Conclusione:
Caro giovane,con queste poche righe ho cercato di dare una vaga idea della nostra vita, ma se ancora hai delle curiosità e domande, scrivi e ti risponderò personalmente (fra.alberto@davide.it) oppure potresti venire a vivere alcuni giorni in qualche nostra comunità e toccare con mano:
VIENI E VEDI.
Il Signore ti benedica. frate Alberto

27 commenti:

  1. cosa distingue un frate da un prete diocesano? e perchè un giovane (ho 22 anni) dovrebbe preferire voi...anzichè la diocesi?
    Come conoscervi meglio e di persona?......ciao. Luigi

    RispondiElimina
  2. ciao io ho 21 anni e vorrei percorrere la vita da frate perchè la mia vita è vuota e sperduta nel buio...voglio ritrovare la luce nel signore ma non posso farlo perchè devo lavorare per pagare debiti che non mi sento di lasciare sulle spalle della mia famiglia quindi devo continuare questa mal vita ma ho paura di non riuscire ad aspettare e di lasciarmi andare

    RispondiElimina
  3. Pace a te giovane di 21 anni (come ti chiami?)..
    prima di tutto vorrei ricuorarti e incoraggiarti. I desideri di luce che hai nel cuore sono molto belli e se li ascolterai e ti lascerai guidare da essi, non temere, troverai la tua strada e la soluzione ai tuoi problemi. Il Signore infatti non abbandona mai chi si rivolge a Lui. Se poi, questa tua chiamata è genuina, niente e nessuno potrà impedirti di seguirla e intraprenderla!!!
    Certo, quella di cui parli è una grossa difficoltà e comprendo i tuoi timori. Al riguardo sarebe opportuno che tu ti facessi sostenere e guidare in questo cammino da un Padre spirituale, che ti orienti e consigli e ti stia accanto: da solo infatti è molto più difficile se non impossibile!
    Ti lascio la mia mail, se mi vuoi scrivere personalmente. Se mi dici poi dove abiti posso vedere in zona, qualche confratello da cui poterti inviare per un dialogo...Ancora ti ringrazio per la fiducia,ti abbraccio e benedico. ciao frate alberto
    mail: fra.alberto@davide.it

    RispondiElimina
  4. sono Paolo il ragazzo di 37 anni di Milano
    le ho scritto qualche giorno fa, desidero ringrazziarla per le sue parole.
    Oggi mi sono lasciato consigliare durante la confessione da un padre francescano che mi diceva i mettermi in contatto con con una abazia
    e fra le tante elencate presto mi presentero' alla abazia di chiaravalle di Milano.
    un saluto e i miei complimneti per il suo lavoro attraverso il blog
    paolo

    RispondiElimina
  5. Se una persona volesse imparare, a essere un frate,all età di quaranta anni,come dovrebbe fare?Sarebbe possibile?

    RispondiElimina
  6. a volte la vita ti porta a fare scelte sbagliate anche se sai che la tua vita è un'altra... DIO CI CHIAMA A SE.. ma noi non cogliamo l'attimo xk siamo pieni di paure.. ma so che la mia forza piu' grande è DIO e la mia fedee in lui mi porta a seguire il cammino che vorra' x me.. ma ho paura di sbagliare e allontanarmi dalla luce.. x via del male che ci circonda..... la mia fede è tanta ma anche le mie paure..

    RispondiElimina
  7. caro amico, grazie intanto per quanto hai scritto! E'bello e carico di tanta umanità vera...di quell'umanità che il Signore Gesù non disdegnò di assumere facendosi uguale a noi (è il mistero del Natale che celebreremo tra pochi giorni). Se dunque Dio, l'Altissimo, non ci ha disprezzato nè ha avuto paura o ribrezzo ad inviare Suo Figlio in mezzo a noi, uguale a noi..ebbene, questo ci invita alla speranza e alla gioia sempre!!! Non c'è infatti timore, non c'è tentazione, non c'è oscurità, non c'è angoscia dell'uomo che Gesù non abbia vissuto, ma anche amato e salvato e redento.. Se siamo deboli, Lui è forte; se angosciati, Lui è la nostra roccia; se peccatori, Lui la nostra salvezza...Buon Natale fratello..Ti ricordo!
    se mi vuoi scrivere personalmente: fra.alberto@davide.it
    pace a te. frate Alberto

    RispondiElimina
  8. Mi chiamo Steve, ho 23 anni. Hai scritto che possiamo venire a vivere e toccare con mano per qualche giorno la comunità, cosa significa? Che un civile può essere ospitato nella comunità dei frati e vivere insieme a loro? Veramente si può far questo oppure ho capito male?

    RispondiElimina
  9. pace a te caro Steve! Confesso che la tua richiesta un poco mi meraviglia e mi rivela quanto poco sia conosciuto il nostro mondo francescano e la nostra realtà religiosa. L'accoglienza infatti è uno dei nostri capisaldi. Certo è un'ospitalità che sempre deve avere motivi spirituali e inserirsi armonicamente nella vita della nostra comunità...ma è già una realtà che viviamo quotidianamente soprattutto verso quei giovani che chiedono di conoscere di più la nostra vita, che sono attratti dalla figura di San francesco e sant'Antonio...
    per cui...se la "cosa" i interessa ne possiamoparlare..Scrivimi (fra.alberto@davide.it), ti risponderò volentieri...
    Auguro di cuore già da ora un Santo Natale a te e alla tua famiglia. frate Alberto

    RispondiElimina
  10. sono unadonna sposata e vedova di 60 anni.Da poco ho scoperto la bellezza della fede, che mi ha liberato da tante angoscie. voglio percorrere un cammino di fede consapevole e maturo, non so a chi rivolgermi e come impegnarmi personalmente e socialmente. io so so solo essere una donna di casa, pulizie e cinare. mi dia deiconsigli.

    RispondiElimina
  11. gentile Signora...è bello questa riscoperta della fede e il desiderio di dare concretezza a questo...le consiglio di rivolgersi alla sua Parrocchia..chiedendo del Parroco che certo saprà indicarle molteplici ambiti di servizio e di crescita personale. la benedico. frate Alberto

    RispondiElimina
  12. Salve, mi chiamo Alberto e abito nella provincia di Padova. Ho 27 anni e da ormai un anno sento di volermi avvicinare al Signore, avendo compreso che la felicità non si deve cercare in cose complicate ma si può trovare benissimo nella consapevolezza di essere figli di Dio e di comportarci avendo cura gli uni degli altri. Acquisita la laurea ( mi mancano 2 esami) avrei intenzione di trascorrere un periodo in qualche convento francescano per immergermi nella preghiera e per entrare più a contatto con la vita francescana. Volevo domandarvi quali sono i conventi che ospitano persone? e che differenza c' è tra frati conventuali, osservanti e predicatori? Vi ringrazio!

    RispondiElimina
  13. ciao Fra Alberto, ho provato a scriverti sulla tua posta, ma mi torna indietro dicendo che la tua mailbox è piena...grazie. Silvia

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao...scusa per il disguido..prova riscrivermi sembra che ora funzioni...B. notte. frate Alberto

      Elimina
  14. Carissimo frate, ma l'Ufficio delle letture non lo celebrate? Credo sia importante la lettura patristica e le confesso che sarei molto più sollevato sapendo che i frati celebrano tutta la LdO

    RispondiElimina
    Risposte
    1. carissimo, grazie per la fiducia. Naturalmente si prega "in coro" anche l'Ufficio di Letture. Aggiungo anche che la liturgia delle Ore, acquista sempre nelle nostre comunità un rilievo e una solennità particolare, proprio perchè pregata insieme. Questo è uno dei grandi vantaggi della vita fratena : la preghiera comune, autentico baluardo e tesoro di ogni religioso e consacrato!.
      Ti ricordo. fra Alberto

      Elimina
  15. Caro fra Alberto Pace e Bene! Vorrei un'informazione. Io ho 19 anni é sto pensando all'idea di seguire un gruppo vocazionale. Per gravi problematiche vivo solo con mia madre e quindi mi sono sempre dovuto occupare di lei lavorando. Ora la mia domanda é: Ho solo la terza media. Posso diventare frate anche se non ho un diploma? So parlare, So contare e so scrivere. Grazieper la tua cortese attenzione. Pace e Bene.

    Francesco

    RispondiElimina
    Risposte
    1. pace a te caro Francesco. grazie per la fiducia. per "fare il frate" non servono titoli speciali, ma è necessaria la vocazione a questa vita. dunque è la vocazione che va verificata e chiarita. al riguardo ti sarà utile poter parlare personalmente con qualche frate e così fare un cammino di discernimento. se mi scrivi alla mia mail personale ( fra.alberto@davide.it) indicandomi dove abiti, vedo di indirizzarti da qualche frate che conosco a te più vicino. Ti benedico. fra Alberto

      Elimina
  16. carissimo fra alberto sono un uomo di 37 anni mi chiamo daniele sono sposato ed ho due bellissimi figli ma ho sempre avuto il pallino del francescano ! a volte nella mia vita nonostante ho una moglie e due figli che mi adorano ho il dubbio di aver intrapreso la strada sbagliata e che veramente quella giusta da seguire era un altra ! spesso la mia vita la sento vuota e sembra che niente mi appaghi e mi dia soddisfazioni nonostante sia una persona che ama fare del bene ! lei che consiglio mi puo dare ? ho davvero secondo lei sbagliato " vita " ? grazie di una sua eventuale risposta pace e bene

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Pace e bene caro fratello. Grazie per la fiducia. Circa quanto mi scrivi ti invito fortemente a mettere al bando con determinazione nostalgie velenose e anestetizzanti. Può darsi infatti che , ci sia stata un tempo per te anche la possibilità di diventare frate; in realtà, qui e ora, adesso, la tua unica e concreta vocazione ( benedetta nel sacramento del matrimonio! non dimenticarlo!) è quella di sposo e padre dei tuoi figli. Questi hanno bisogno di te! A loro, ora, serve la presenza di un padre tutto intero, e non smembrato, diviso o nostalgico. Dunque carissimo, stai con tutto te stesso nella tua famiglia e nella strada che sposandoti hai scelto davanti a Dio. Ogni altro pensiero, ( consentimi un'espressione forte!) viene dal maligno e porterà solo divisione e lacerazione e sofferenza. Coraggio dunque. Oggi guarda negli occhi tua moglie e i tuoi figli, rinnovando interiormente il tuo amore e il tuo impegno per loro e abbracciali forte anche per me. Vi benedico e ricordo. fra Alberto

      Elimina
    2. grazie mille fra alberto della sua concreta e decisa risposta ! grazie di cuore veramente e sia lodato gesu cristo ! pace e bene .......daniele

      Elimina
    3. Grazie a te.Il Signore ti benedica

      Elimina
  17. Salve frate Alberto

    RispondiElimina
  18. Salve frate Alberto sono un giovane di 22 anni e mi chiamo Pasquale adesso sono a Pavia nell oratorio con il don franco Tassone desideri venire da lei diventare un frate stare li con voi... stare vicino ad altri frati amare Gesù . Avviare il cammino verso la felicità attraverso la preghiera obbedire a dio insomma vi vorrei incontrare e far si di trovare la serenità qui niente mi rende felice. Voglio seguire Gesù e una grande persona come lei che mi accompagna nel cammino.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. pace a te Pasquale. grazie per la fiducia. Credo che un primo passo sia che tu ne parli con fiducia con Don franco che bene conosco e che stimo moltissimo. Saprà certo aiutarti e darti una mano per un eventuale discernimento. Ti benedico. fra Alberto

      Elimina
  19. Salve fra Alberto sono una ragazza che per la prima volta l'estate scorsa ha fatto la marcia francescana conoscendo così il mondo dei frati e anche delle suore di clausura e suore francescane di diversi ordini,da questa esperienza è scaturito in me una voglia di conoscere meglio questo mondo ma che non so ancora cosa Dio vuole da me.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. perché non fai un cammino di verifica e discernimento della tua vocazione? Ti benedico. f. Alberto

      Elimina

Lascia qui il tuo commento all'articolo. Lo leggeremo e cercheremo di pubblicarlo quanto prima. Grazie del tuo contributo al Blog!