domenica 24 gennaio 2010

Ai giovani: Si cerca un prete...si cerca un uomo

Si cerca un uomo

Si cerca per la Chiesa un prete
capace di rinascere
nello Spirito ogni giorno.
Si cerca per la Chiesa un uomo
senza paura del domani
senza paura dell'oggi
senza complessi del passato.
Si cerca per la Chiesa un uomo
che non abbia paura di cambiare
che non cambi per cambiare
che non parli per parlare.
Si cerca per la Chiesa
un uomo
capace di vivere insieme agli altri
di lavorare insieme
di piangere insieme
di ridere insieme
di amare insieme
di sognare insieme.
Si cerca per la Chiesa un uomo
capace di perdere senza sentirsi distrutto
di mettere in dubbio senza perdere la fede
di portare la pace dove c'è inquietudine
e inquietudine dove c'è pace.
Si cerca per la Chiesa un uomo
che sappia usare le mani per benedire
e indicare la strada da seguire.
Si cerca per la Chiesa un uomo
senza molti mezzi,
ma con molto da fare,
un uomo che nelle crisi
non cerchi altro lavoro,
ma come meglio lavorare.
Si cerca per la Chiesa un uomo
che trovi la sua libertà
nel vivere e nel servire
e non nel fare quello che vuole.
Si cerca per la Chiesa un uomo
che abbia nostalgia di Dio,
che abbia nostalgia della Chiesa,
nostalgia della gente,
nostalgia della povertà di Gesù,
nostalgia dell'obbedienza di Gesù.
Si cerca per la Chiesa un uomo
che non confonda la preghiera
con le parole dette d'abitudine,
la spiritualità col sentimentalismo,
la chiamata con l'interesse,
il servizio con la sistemazione.
Si cerca per la Chiesa un uomo
capace di morire per lei,
ma ancora più capace di vivere per la Chiesa;
un uomo capace di diventare ministro di Cristo,
profeta di Dio, un uomo che parli con la sua vita.

Si cerca per la Chiesa un uomo.

(don Primo Mazzolari)


A tutti i giovani credenti in Dio e nell'umanità, a tutti i giovani attratti da valori e sogni grandi di bene e giustizia; a tutti i giovani che cercano l'assoluto; a tutti i giovani che sperano e amano, a tutti i giovani appassionati della vita...rilancio queste stupende e provocanti parole:
SI CERCA PER LA CHIESA UN PRETE....SI CERCA UN UOMO..

venerdì 15 gennaio 2010

Risposta a Gianangelo


Gianangelo ha scritto... ciao. sono Gianangelo, ho 25 anni e scrivo da Belluno. ho letto con interesse il blog e il vostro post. approfitto della vostra disponibilità alle domande per proporvi questa: la scelta di san Francesco è stata molto radicale e profonda, in particolare nella povertà e condivisione con gli ultimi; gli ordini francescani oggi esistenti non sembrano riuscire a replicare quell'esperienza con la medesima efficacia e spontaneità. Che cosa vi attira allora nella vostra scelta attuale e perché pensate possa definirsi 'francescana'? Grazie .


(vedi commento 06 dicembre 2009 09.02 )

================================================
I POSTULANTI rispondono..
Ciao Gianangelo, scusa per il ritardo nel risponderti. Questa attesa è solo in parte giustificata dal modo che abbiamo scelto per elaborare una risposta alla tua domanda. Abbiamo infatti appeso il tuo quesito nella bacheca della sala comune e abbiamo invitato tutti a scrivere un breve pensiero.Quello che è uscito da questa condivisione si divide in due punti: ciò che rappresenta il francescanesimo oggi e che cosa stiamo cercando in questo momento.
Senza avere la pretesa di dare una risposta definitiva noi crediamo che non si possa limitare il francescanesimo alla sola esperienza di S. Francesco. Sono trascorsi ottocento anni dall’inizio della storia francescana e si sono verificate diverse evoluzioni che hanno cercato di trasformare la figura del frate perché fosse più vicina al periodo storico in cui viveva. Questa evoluzione ha portato oggi a concentrare l’attenzione su alcuni punti che anche noi possiamo sperimentare in questa prima parte del nostro cammino. Potremmo riassumere questo concetto con un pensiero nato al capitolo delle stuoie dell’anno scorso “…guardare a Cristo con gli occhi di Francesco”; lo stesso Francesco al termine della sua vita dice: “Io ho fatto la mia parte, la vostra, Cristo ve la insegni ” (FF 1239)
Cosa rimane allora? Noi viviamo questo carisma in postulato attraverso una vita di preghiera comunitaria, uniti alla preghiera della Chiesa così come Francesco, e personale. Essendo un gruppo numeroso possiamo inoltre sperimentare la fraternità che è la forma di vita scelta da Francesco per i suoi “frati” appunto, dove impariamo ad amare e lasciarci amare nella concretezza della vita quotidiana. Infine molto del nostro tempo è dedicato ai servizi di volontariato che prestiamo in diverse strutture nella città di Brescia. Questi ci aiutano ad aprire gli occhi e il cuore agli ultimi, agli emarginati a coloro che sono esclusi dalla società. Nel blog dovrebbe esserci un post precedente che descrive nel dettaglio come è organizzata la nostra vita; se non ci fosse e volessi saperlo scriveremo un post su quali volontariati svolgiamo.
Da ultimo la povertà. La povertà è un tema scottante che ha creato grosse divisioni nella storia dell’ordine francescano. Anche qui in postulato spesso ne discutiamo e portiamo avanti opinioni differenti. Per tutti essa, nelle sue due declinazioni materiale e spirituale, è un desiderio che adesso non possiamo e non siamo in grado di realizzare, ma che svilupperemo nel tempo insieme alla nostra maturazione. La scelta radicale di Francesco era per lui un mezzo per amare di più Cristo nella libertà dai beni materiali; ora noi viviamo piccole privazioni che insegnano a staccarci dalle cose. Forse la nostra povertà più grande sta nel vivere senza poter progettare la nostra vita ma lasciando che sia la Volontà di Dio nelle mani di formatori a scegliere per noi.
I giovani del postulato di Brescia

lunedì 11 gennaio 2010

Diventare frate?

MA....TU????
HAI MAI PENSATO DI...????
farti frate, diventare sacerdote, religioso,
missionario francescano , .....
hai mai pensato in cuor tuo di dedicare tutta la tua vita..
al Signore?


Caro giovane ..,
forse non ci hai mai pensato prima...e magari credi di essere capitato per caso a visitare questa pagina!
E invece no!
Il Signore ti attendeva per farti questo grande dono.Anch'io ho incontrato per caso i frati francescani, non sapendo nemmeno della loro esistenza. Per il mio futuro pensavo a tutto, eccetto ad entrare in un convento...
Attraverso i fatti concreti della mia vita, le gioie, le delusioni, ecc.
ho iniziato a riflettere,
a prendere seriamente in esame questa possibilità, imparando un pò alla volta a mettermi nelle mani di Gesù, fidandolmi di Lui.
Oggi sono un frate e sono contento. Ti auguro altrettanta disponibilità e gioia, ciao!
Se vuoi, puoi scrivermi, ti risponderò volentieri.

frate Alberto
fra.alberto@davide.it





PS: ti interessa un test francescano? Clicca qui per rispondere al questionario «Che tipo di francescano saresti?» e ottenere, se vuoi, una risposta da frate Alberto


NEWS francescane per giovani


1) GRUPPO SAN DAMIANOContinuano gli incontri mensili del gruppo di discernimento francescano. Il Gruppo S. Damiano è rivolto a giovani in ascolto della volontà del Signore per la loro vita e che sentono di dover verificare e chiarire anche una possibile chiamata alla VITA religiosa FRANCESCANA

2) ASSISI: CORSI VOCAZIONALI francescani x giovani (Basilica San Francesco)26-28 febbraio; 26-28 marzo; 23-25 aprile; 4-6 giugno; 2-7 agosto; 11-14 agosto (esercizi spirituali vocazionali);18-21 agosto; 9-10 ottobre; 3-5 dicembre


3) BASILICA DEL SANTO (Pd). TRIDUO PASQUALE 2010 con i fratiDal pomeriggio del giovedì santo (1 aprile) al pranzo di Domenica di pasqua (4 aprile). X Giovani dai 17 - 30 anni. Una fortissima esperienza comunitaria, di preghiera e di coinvolgimento spirituale ed emotivo nelle splendide liturgie della Settimana Santa. Accolti in una delle più importanti e grandi realtà francesane del mondo (più di 60 frati), accanto alla tomba del santo più amato: S. Antonio!

============================================
per ogni informazione o chiarimento scrivi: fra.alberto@davide.it
====================================================
VOCAZIONEE' la parola che dovresti amare di più,
perché è il segno
di quanto sei importante agli occhi di Dio.
E' l'indice di gradimento presso di Lui,
della tua fragile vita.
Sì, perché se ti chiama vuol dire che ti ama.
Gli stai a cuore non c'è dubbio.
In una turba sterminata di gente, risuona un nome: il tuo.
Stupore generale !A te non ci aveva pensato nessuno.Lui sì !
Davanti ai microfoni della storia,ti affida un compito su misura…per Lui !
Sì, per Lui, non per te. Più che una "missione" sembra una "scommessa".
Ha scritto "t'amo",
sulla roccia non sulla sabbia,come nelle vecchie canzoni.
E accanto ci ha messo il tuo nome.
Forse l'ha sognato di notte, nella tua notte.
Alleluia! Puoi dire a tutti:non si è vergognato di me!
(Don Tonino Bello)

martedì 5 gennaio 2010

Siamo venuti per adorarlo


Dialogo tra i Magi e Maria
Efrem il Siro (306-373)

I magi: "Una stella ci ha annunciato che Colui che è nato è il re dei cieli.
Tuo figlio comanda gli astri, che sorgono solo al suo ordine".
Maria: "E io vi rivelerò un altro segreto, perché ne siate persuasi: da vergine, ho dato la luce a mio figlio. Egli è figlio di Dio. Andate, e annunciatelo alle genti!"
I magi: "Pure la stella ce l'aveva fatto conoscere, che tuo figlio è figlio di Dio e Signore".
Maria: "Mari e monti lo testimoniano; tutti gli angeli e tutte le stelle: Egli è il figlio di Dio e il Signore. Datene l'annuncio nelle vostre terre, che la pace si diffonda nel vostro paese".
I magi: "Che la pace del tuo figlio ci riporti nel nostro paese, senza pericoli come siamo venuti, e quando Egli dominerà il mondo, che visiti e benedica la nostra terra".
Maria: "Esulti la Chiesa e intoni gloria, per la venuta del figlio dell'Altissimo, la cui luce ha illuminato cielo e terra, benedetto Colui la cui nascita allieta il mondo!"
===============================================
Giovedì 7 gennaio 2010, come ogni primo giovedì del mese, presso la Basilica del Santo di Padova riprende l'Adorazione Eucaristica prolungata (dalle 21,00 alle 24,00) guidata da noi frati e con la partecipazione di tanta gente che si alterna in queste ore. Nella quiete e nel silenzio della notte, in ginocchio davanti al Santissimo Sacramento sempre preghiamo prima di tutto per i GIOVANI , per i ragazzi e le ragazze in discernimento e in ricerca del SENSO profondo da dare alla loro vita. Durante l'adorazione, così come nella preghiera di ogni giorno, la nostra comunità francescana presenta al Signore le innumerevoli richieste e intenzioni che ci giungono da ogni parte del mondo da tanti fedeli e devoti di S. Antonio.
Caro giovane, se desideri un ricordo particolare per il tuo cammino di ricerca o anche se vuoi affidarci una tua intenzione personale,...scrivici!